I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Gli alimenti ricchi di iodio che aiutano la tiroide

Sono molti in natura gli alimenti che contengono iodio e fanno bene alla tiroide

Pubblicato il 16/06/2015 da Prevenzione a tavola

La mancanza di iodio causa il gozzo, un ingrossamento della tiroide, e altri deficit intellettivi. È in corso la campagna estiva di prevenzione “Consigli per una tavola salutista” promossa dalla Siedp, la Società italiana di endocrinologia e diabetologia pediatrica, con consigli, l’elenco degli alimenti contro la carenza di iodio (specie quelli estivi) e i falsi miti da sfatare.

Poche persone conoscono lo iodio o sanno in quali cibi è contenuto. Idee poco chiare anche su dove è presente in natura. Ecco allora alcuni alimenti che contengono iodio

  • - Gli alimenti ricchi di iodio che possiamo mangiare d’estate sono ad esempio i mirtilli rossi
  • - Anche se lo yogurt è più noto per il suo contenuto di calcio e proteine, anche questo alimento fresco è sorprendentemente ricco di iodio. Una tazza, infatti, fornisce 90 microgrammi di iodio (il 60% del fabbisogno giornaliero)
  • - I fagioli sono un alimento che, in generale è altamente nutriente ma anche ricco di iodio. Una tazza di fagioli bianchi cotti, per esempio, ci fornisce il 42% del fabbisogno quotidiano
  • - Le alghe: questo alimento è un concentrato di iodio. Una porzione da 50 grammi di alcuni tipi specifici (ad esempio bladderwrack essiccata) contengono oltre il 100% del fabbisogno giornaliero
  • - Pesce, crostacei e molluschi sono gli alimenti naturali (e più noti) che hanno un maggiore contenuto di iodio: il pesce di mare 115 microgrammi per 100 grammi; i crostacei e molluschi 300 microgrammi ogni 100 grammi.
  • - I formaggi vaccini stagionati contengono 30 microgrammi di iodio ogni 100 grammi di alimento
  • - Il latte contiene dai 10 ai 20 microgrammi ogni 100 grammi di iodio
  • - Le uova contengono 9 microgrammi di iodio ogni 100 grammi di alimento
  • - I cereali come pasta, pane, pizza contengono 6 microgrammi ogni 100 grammi di alimento
  • - La carne bovina, suina e pollame contiene 3 grammi di iodio ogni 100 grammi
  • - Frutta e verdura (ortaggi a foglia, pomodoro, frutta fresca) contengono 3 microgrammi ogni 100 grammi. Esistono anche patate e carote iodate che contengono 25-50 microgrammi per 100 grammi di prodotto

La carenza di iodio può essere dovuta anche all’adozione di diete “di esclusione”. Gli stili alimentari che escludono il pesce possono essere carenti di iodio. Nel caso dei vegani, poi, il rischio aumenta notevolmente dato che la loro dieta esclude qualsiasi cibo di derivazione animale. Anche gli allergici, naturalmente vanno incontro agli stessi rischi, specie perché le allergie più diffuse (90%) sono verso pesce, crostacei, uova e latte (oltre a grano, arachidi e nocciole), proprio gli alimenti in cui si trova lo iodio.

FALSI MITI DA SFATARE

Il sale marino non contiene di per sé iodio, quello nero, quello rosa dell’Himalaya e quello delle Hawaii neanche. Serve assumere sale iodato, cioè sale cui viene aggiunto lo iodio, che è un minerale naturale.

QUALCHE PRECAUZIONE

Attenzione a soia, spinaci, cavoli, ravanelli, mandorle, pinoli, nocciole e arachidi perché bloccano l’assunzione di iodio e limitano la capacità della tiroide di regolare il metabolismo. Anche il tipo di cottura è importante perché con la cottura si hanno delle “perdite” di iodio. E precisamente del 58% con la bollitura, del 23% con la griglia, del 20% con la frittura. Attenzione anche ad alcuni farmaci: gli antiaritmici, a base di ferro, oltre ad alcuni antiepilettici, che interferiscono con il funzionamento della tiroide.

(Fonte)

Potrebbe interessarti questo video: Il Dolce che combatte la stitichezza



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





NOTIZIE + RECENTI

Scoperto perché una mela al giorno leva il medico di torno

Il segreto è contenuto nei polifenoli che hanno un ruolo decisivo nel microbiota dell'intestino

La ricetta dell’Acquasale pugliese, piatto povero ma ricco

Acquasale, una tipica ricetta Salentina povera negli ingredienti ma ricca in principi nutritivi

I valori nutrizionali della farina di grano duro

La classificazione degli sfarinati e la superiorità nutrizionale della farina integrale e dei suoi derivati

Alla scoperta della Meloncella, frutto-verdura dalle mille virtù

La meloncella del Salento è ricchissima di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

Conoscete la cottura passiva?

La cottura passiva fa risparmiare e conserva tutti i nutrienti

Corsi - Prevenzione a tavola

Il tè verde mantiene il cuore in salute e contrasta l’infarto

Il merito potrebbe essere di una sostanza antiossidante contenuta nel tè verde

Il mango contrasta stitichezza e intestino pigro

Studio rivela che basta un mango uno al giorno

Tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno in un’unica ciotola

Impariamo a preparare la ciotola di Buddha per un pasto sano e completo

Corsi - Prevenzione a tavola

Perché è bene consumare mandorle italiane

Le mandorle rappresentano un'ottima merenda, sana, nutriente e saziante

Cosa significano i numeri e le lettere sulle uova?

Importante informarsi per sapere che tipo di uova stiamo acquistando

Le uova non aumentano il colesterolo né rovinano il fegato

Sfiatiamo un falso mito e facciamo chiarezza sul ruolo delle uova nella nostra alimentazione

La pasta madre: proprietà, benefici e vantaggi in cucina

Anche chiamato lievito madre, migliora la regolazione della glicemia e la digeribilità dei prodotti

La salsa di pomodoro cotta fa bene all’intestino

Nuovo studio: Aumenta l'effetto dei batteri buoni

Ecco cosa succede a mangiare un uovo al giorno

Nuovo studio riabilita l'alimento: riduce il rischio cardiovascolare

Ecco i cibi che causano 500mila morti l’anno per malattie di cuore

Da Oms guerra a grassi trans, eliminarli dalla dieta