I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Gli alimenti ricchi di iodio che aiutano la tiroide

Sono molti in natura gli alimenti che contengono iodio e fanno bene alla tiroide

Pubblicato il 16/06/2015 da Prevenzione a tavola

La mancanza di iodio causa il gozzo, un ingrossamento della tiroide, e altri deficit intellettivi. È in corso la campagna estiva di prevenzione “Consigli per una tavola salutista” promossa dalla Siedp, la Società italiana di endocrinologia e diabetologia pediatrica, con consigli, l’elenco degli alimenti contro la carenza di iodio (specie quelli estivi) e i falsi miti da sfatare.

Poche persone conoscono lo iodio o sanno in quali cibi è contenuto. Idee poco chiare anche su dove è presente in natura. Ecco allora alcuni alimenti che contengono iodio

  • - Gli alimenti ricchi di iodio che possiamo mangiare d’estate sono ad esempio i mirtilli rossi
  • - Anche se lo yogurt è più noto per il suo contenuto di calcio e proteine, anche questo alimento fresco è sorprendentemente ricco di iodio. Una tazza, infatti, fornisce 90 microgrammi di iodio (il 60% del fabbisogno giornaliero)
  • - I fagioli sono un alimento che, in generale è altamente nutriente ma anche ricco di iodio. Una tazza di fagioli bianchi cotti, per esempio, ci fornisce il 42% del fabbisogno quotidiano
  • - Le alghe: questo alimento è un concentrato di iodio. Una porzione da 50 grammi di alcuni tipi specifici (ad esempio bladderwrack essiccata) contengono oltre il 100% del fabbisogno giornaliero
  • - Pesce, crostacei e molluschi sono gli alimenti naturali (e più noti) che hanno un maggiore contenuto di iodio: il pesce di mare 115 microgrammi per 100 grammi; i crostacei e molluschi 300 microgrammi ogni 100 grammi.
  • - I formaggi vaccini stagionati contengono 30 microgrammi di iodio ogni 100 grammi di alimento
  • - Il latte contiene dai 10 ai 20 microgrammi ogni 100 grammi di iodio
  • - Le uova contengono 9 microgrammi di iodio ogni 100 grammi di alimento
  • - I cereali come pasta, pane, pizza contengono 6 microgrammi ogni 100 grammi di alimento
  • - La carne bovina, suina e pollame contiene 3 grammi di iodio ogni 100 grammi
  • - Frutta e verdura (ortaggi a foglia, pomodoro, frutta fresca) contengono 3 microgrammi ogni 100 grammi. Esistono anche patate e carote iodate che contengono 25-50 microgrammi per 100 grammi di prodotto

La carenza di iodio può essere dovuta anche all’adozione di diete “di esclusione”. Gli stili alimentari che escludono il pesce possono essere carenti di iodio. Nel caso dei vegani, poi, il rischio aumenta notevolmente dato che la loro dieta esclude qualsiasi cibo di derivazione animale. Anche gli allergici, naturalmente vanno incontro agli stessi rischi, specie perché le allergie più diffuse (90%) sono verso pesce, crostacei, uova e latte (oltre a grano, arachidi e nocciole), proprio gli alimenti in cui si trova lo iodio.

FALSI MITI DA SFATARE

Il sale marino non contiene di per sé iodio, quello nero, quello rosa dell’Himalaya e quello delle Hawaii neanche. Serve assumere sale iodato, cioè sale cui viene aggiunto lo iodio, che è un minerale naturale.

QUALCHE PRECAUZIONE

Attenzione a soia, spinaci, cavoli, ravanelli, mandorle, pinoli, nocciole e arachidi perché bloccano l’assunzione di iodio e limitano la capacità della tiroide di regolare il metabolismo. Anche il tipo di cottura è importante perché con la cottura si hanno delle “perdite” di iodio. E precisamente del 58% con la bollitura, del 23% con la griglia, del 20% con la frittura. Attenzione anche ad alcuni farmaci: gli antiaritmici, a base di ferro, oltre ad alcuni antiepilettici, che interferiscono con il funzionamento della tiroide.

(Fonte)

Potrebbe interessarti questo video: Il Dolce che combatte la stitichezza



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La proteina dei broccoli che spegne i tumori

Nuovo studio scopre virtù di una proteina contenuta in tutte le 'crucifere', broccoli, cavolfiore, cime di rapa

Le straordinarie virtù dell’avocado

Riduce la fame e il peso, protegge il cuore e contrasta il diabete perché riduce i picchi glicemici

Nespole, il toccasana della primavera

Consigliate per chi soffre di problemi renali e al fegato, oltre che per altri disturbi

I cibi che sembrano genuini ma provocano il diabete

Influenzano il metabolismo, provocando aumento di peso e resistenza all'insulina. Nuova ricerca ha scoperto i cibi responsabili

Se mangi i fagiolini la tua salute ti ringrazierà

Ecco perché fanno bene. E poi: trucchi per scegliere i fagiolini migliori e cuocerli senza perdere le proprietà nutritive

Corsi - Prevenzione a tavola

Dieta sana: quali sono i nutrienti essenziali per un’alimentazione corretta?

Scoperti i cibi che contrastano il tumore alla vescica

La ricerca è stata condotta dall’Istituto nazionale tumori di Milano

Le uova proteggerebbero la vista degli anziani da una malattia della retina

Ecco quante uova bisognerebbe mangiare a settimana, secondo la rivista Clinical Nutrition

Corsi - Prevenzione a tavola

Fave, il regalo primaverile che fa bene alla salute (e due ricette)

Regolano l'intestino, controllano glucosio e colesterolo nel sangue. Ma sono tossiche per alcuni.

Le mele ci stanno avvelenando?

Il Codacons denuncia la presenza di troppi pesticidi sulla buccia delle mele del supermercato

L’alimentazione sbagliata uccide più del fumo e della pressione alta

A livello globale una morte su 5 è riconducibile a un'alimentazione scorretta, povera di cereali integrali e verdure

Solo pensare al caffè ci rende più attenti e lucidi

Nuovo studio svolto dall'Università di Toronto pubblicato sulla rivista scientifica Consciousness and Cognition

Prevenzione a tavola: un commento da condividere

Le domande di una nostra studentessa sono diventate un post con i consigli e una ricetta di Elena Alquati

Il colesterolo delle uova mette a rischio il cuore?

Nuovo studio riapre il dibattito sulle uova

Arriva la quinoa tutta italiana

Una varietà adattabile alle nostre condizioni climatiche di quinoa, lo pseudocereale delle Ande