I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Gli alimenti ricchi di iodio che aiutano la tiroide

Sono molti in natura gli alimenti che contengono iodio e fanno bene alla tiroide

Pubblicato il 16/06/2015 da Prevenzione a tavola

La mancanza di iodio causa il gozzo, un ingrossamento della tiroide, e altri deficit intellettivi. È in corso la campagna estiva di prevenzione “Consigli per una tavola salutista” promossa dalla Siedp, la Società italiana di endocrinologia e diabetologia pediatrica, con consigli, l’elenco degli alimenti contro la carenza di iodio (specie quelli estivi) e i falsi miti da sfatare.

Poche persone conoscono lo iodio o sanno in quali cibi è contenuto. Idee poco chiare anche su dove è presente in natura. Ecco allora alcuni alimenti che contengono iodio

  • - Gli alimenti ricchi di iodio che possiamo mangiare d’estate sono ad esempio i mirtilli rossi
  • - Anche se lo yogurt è più noto per il suo contenuto di calcio e proteine, anche questo alimento fresco è sorprendentemente ricco di iodio. Una tazza, infatti, fornisce 90 microgrammi di iodio (il 60% del fabbisogno giornaliero)
  • - I fagioli sono un alimento che, in generale è altamente nutriente ma anche ricco di iodio. Una tazza di fagioli bianchi cotti, per esempio, ci fornisce il 42% del fabbisogno quotidiano
  • - Le alghe: questo alimento è un concentrato di iodio. Una porzione da 50 grammi di alcuni tipi specifici (ad esempio bladderwrack essiccata) contengono oltre il 100% del fabbisogno giornaliero
  • - Pesce, crostacei e molluschi sono gli alimenti naturali (e più noti) che hanno un maggiore contenuto di iodio: il pesce di mare 115 microgrammi per 100 grammi; i crostacei e molluschi 300 microgrammi ogni 100 grammi.
  • - I formaggi vaccini stagionati contengono 30 microgrammi di iodio ogni 100 grammi di alimento
  • - Il latte contiene dai 10 ai 20 microgrammi ogni 100 grammi di iodio
  • - Le uova contengono 9 microgrammi di iodio ogni 100 grammi di alimento
  • - I cereali come pasta, pane, pizza contengono 6 microgrammi ogni 100 grammi di alimento
  • - La carne bovina, suina e pollame contiene 3 grammi di iodio ogni 100 grammi
  • - Frutta e verdura (ortaggi a foglia, pomodoro, frutta fresca) contengono 3 microgrammi ogni 100 grammi. Esistono anche patate e carote iodate che contengono 25-50 microgrammi per 100 grammi di prodotto

La carenza di iodio può essere dovuta anche all’adozione di diete “di esclusione”. Gli stili alimentari che escludono il pesce possono essere carenti di iodio. Nel caso dei vegani, poi, il rischio aumenta notevolmente dato che la loro dieta esclude qualsiasi cibo di derivazione animale. Anche gli allergici, naturalmente vanno incontro agli stessi rischi, specie perché le allergie più diffuse (90%) sono verso pesce, crostacei, uova e latte (oltre a grano, arachidi e nocciole), proprio gli alimenti in cui si trova lo iodio.

FALSI MITI DA SFATARE

Il sale marino non contiene di per sé iodio, quello nero, quello rosa dell’Himalaya e quello delle Hawaii neanche. Serve assumere sale iodato, cioè sale cui viene aggiunto lo iodio, che è un minerale naturale.

QUALCHE PRECAUZIONE

Attenzione a soia, spinaci, cavoli, ravanelli, mandorle, pinoli, nocciole e arachidi perché bloccano l’assunzione di iodio e limitano la capacità della tiroide di regolare il metabolismo. Anche il tipo di cottura è importante perché con la cottura si hanno delle “perdite” di iodio. E precisamente del 58% con la bollitura, del 23% con la griglia, del 20% con la frittura. Attenzione anche ad alcuni farmaci: gli antiaritmici, a base di ferro, oltre ad alcuni antiepilettici, che interferiscono con il funzionamento della tiroide.

(Fonte)

Potrebbe interessarti questo video: Il Dolce che combatte la stitichezza



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





NOTIZIE + RECENTI

I ravanelli fanno benissimo al nostro organismo

Ha importanti facoltà antiossidanti e depurative, un ottimo aiuto per il fegato e la cistifellea

Cosa succede se si beve una birra in gravidanza?

Anche le bevande con gradazione alcolica medio-bassa sono pericolose in gravidanza

Ecco come scegliere il miglior olio extravergine d’oliva

Il miglior olio evo? Fruttato, amaro e piccante

Latte di mandorla: ottimo alleato per le ossa

Tra le bevande vegetali, è quello che contiene un maggior quantitativo di calcio, magnesio e fosforo

Come orientarsi tra i diversi tipi di farina

La nutrizionista spiega la differenza tra farine integrali, tipo 00, tipo 0, tipo 1, tipo 2, di manitoba, di grano duro, di grano tenero

Corsi - Prevenzione a tavola

Grassi saturi: sempre più studi ribaltano tutto ciò che sapevamo finora

Oggi sono sempre più numerosi gli studi che ci raccontano tutta un’altra storia rispetto ai grassi cattivi

Il latte di soia fa male ai bambini?

Può essere dato ai bambini? Fa bene o fa male? È il giusto sostituto del latte?

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina

Corsi - Prevenzione a tavola

Perché gli asparagi sono così buoni per la salute

Cinque ottimi motivi per mangiare gli asparagi e qualche ricetta per utilizzarli in cucina

L’olio extravergine di oliva fa ingrassare?

Quanti cucchiai bisogna consumarne, è meglio a crudo o cotto e altre risposte ai vostri dubbi

5 ottimi motivi per mangiare indivia

L'indivia è una verdura eccezionale per il nostro organismo

Le virtù del Pan di zucchero, la cicoria bianca

Stimola le funzioni intestinali,del fegato e dei reni. Ecco come cucinarla

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali

Ecco cosa mangiare dopo i 60 anni

Ogni età ha la sua dieta: ecco come dovrebbe essere quella degli over 60

Soia ai bambini: sì o no?

Esisterebbe un rischio nel consumo abbondante e prolungato di prodotti di soia: i fitoestrogeni