I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Rischio salmonella per le uova conservate in frigo a lungo

Metodi di corretti della conservazione degli alimenti permettono di abbattere il rischio

Pubblicato il 15/06/2015 da Prevenzione a tavola

La Salmonella è un batterio che può provocare negli esseri umani una malattia chiamata salmonellosi. Ogni anno nell’Unione europea vengono riferiti oltre 90 000 casi di salmonellosi. La Salmonella si trova comunemente nell'intestino di uccelli e mammiferi sani. Il rischio d'infezione nell'uomo è associato al consumo di alimenti contaminati, per lo più uova e carne di maiale e, in misura minore, carne di pollame. Tra i sintomi abituali figurano febbre, diarrea e crampi addominali.

Una delle cause maggiori di infezione da salmonella è il tempo prolungato che queste rimangono in frigorifero senza essere consumate. Per non rischiare di ammalarsi basta seguire delle semplici regole.

  • Per esempio comprare il numero di uova che si è sicuri di riuscire a consumare fresche, e soprattutto prima della data di scadenza.
  • Riporre le uova sempre lontane da frutta e verdura nello scomparto predisposto nel frigorifero.
  • Se non si è certi della freschezza delle uova, non mangiarle crude ma propendere per una cottura lunga (sarebbe preferibile mangiarle sode).
  • Se si rompe o lesiona qualche uovo nel trasporto, consumarlo non appena arrivati a casa.

Lo studio dell'EFSA ha evidenziato che se la data di vendita raccomandata viene prolungata di una settimana oltre il consentito, ad esempio da 21 a 28 giorni, il rischio d’infezione aumenta del 40% per le uova consumate crude e del 50% per le uova poco cotte. Tenere le uova in frigorifero è l’unico modo per minimizzare i pericoli. Ma se entrambi i termini vengono estesi oltre le tre settimane, precisa l’Autorità, il rischio aumenta, il batterio non muore neanche con il congelamento. Nella peggiore delle ipotesi, dunque, in cui la data di vendita raccomandata è portata a 42 giorni e la data di durata minima a 70 giorni, il rischio è triplicato, sia per le uova crude sia per quelle poco cotte. In assoluto però è più pericoloso assumere uova crude, la cottura a 70° C elimina i rischi.  (Fonte)

Potrebbe interessarti questo video: Il Dolce che combatte la stitichezza



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La curcuma è in grado di uccidere le cellule tumorali

I ricercatori hanno scoperto che unendola al platino riesce a uccidere le cellule malate

Psoriasi? Ci pensa la dieta mediterranea

Studio condotto su oltre 3500 persone colpite da malattia dà ottimi risultati

Come conservare l’olio extravergine di oliva

Esistono diverse accortezze, come tenere l'olio al riparo da luce, calore e ossigeno

Cosa pensa davvero l’ONU di parmigiano, olio d’oliva e prosciutto

Siamo tornati sull'argomento per fare chiarezza su quello che è avvenuto realmente

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

Corsi - Prevenzione a tavola

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'

Scoperto perché una mela al giorno leva il medico di torno

Il segreto è contenuto nei polifenoli che hanno un ruolo decisivo nel microbiota dell'intestino

Corsi - Prevenzione a tavola

La ricetta dell’Acquasale pugliese, piatto povero ma ricco

Acquasale, una tipica ricetta Salentina povera negli ingredienti ma ricca in principi nutritivi

I valori nutrizionali della farina di grano duro

La classificazione degli sfarinati e la superiorità nutrizionale della farina integrale e dei suoi derivati

Alla scoperta della Meloncella, frutto-verdura dalle mille virtù

La meloncella del Salento è ricchissima di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

Conoscete la cottura passiva?

La cottura passiva fa risparmiare e conserva tutti i nutrienti

Il tè verde mantiene il cuore in salute e contrasta l’infarto

Il merito potrebbe essere di una sostanza antiossidante contenuta nel tè verde

Il mango contrasta stitichezza e intestino pigro

Studio rivela che basta un mango uno al giorno

Tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno in un’unica ciotola

Impariamo a preparare la ciotola di Buddha per un pasto sano e completo