I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Rischio salmonella per le uova conservate in frigo a lungo

Metodi di corretti della conservazione degli alimenti permettono di abbattere il rischio

Pubblicato il 15/06/2015 da Prevenzione a tavola

La Salmonella è un batterio che può provocare negli esseri umani una malattia chiamata salmonellosi. Ogni anno nell’Unione europea vengono riferiti oltre 90 000 casi di salmonellosi. La Salmonella si trova comunemente nell'intestino di uccelli e mammiferi sani. Il rischio d'infezione nell'uomo è associato al consumo di alimenti contaminati, per lo più uova e carne di maiale e, in misura minore, carne di pollame. Tra i sintomi abituali figurano febbre, diarrea e crampi addominali.

Una delle cause maggiori di infezione da salmonella è il tempo prolungato che queste rimangono in frigorifero senza essere consumate. Per non rischiare di ammalarsi basta seguire delle semplici regole.

  • Per esempio comprare il numero di uova che si è sicuri di riuscire a consumare fresche, e soprattutto prima della data di scadenza.
  • Riporre le uova sempre lontane da frutta e verdura nello scomparto predisposto nel frigorifero.
  • Se non si è certi della freschezza delle uova, non mangiarle crude ma propendere per una cottura lunga (sarebbe preferibile mangiarle sode).
  • Se si rompe o lesiona qualche uovo nel trasporto, consumarlo non appena arrivati a casa.

Lo studio dell'EFSA ha evidenziato che se la data di vendita raccomandata viene prolungata di una settimana oltre il consentito, ad esempio da 21 a 28 giorni, il rischio d’infezione aumenta del 40% per le uova consumate crude e del 50% per le uova poco cotte. Tenere le uova in frigorifero è l’unico modo per minimizzare i pericoli. Ma se entrambi i termini vengono estesi oltre le tre settimane, precisa l’Autorità, il rischio aumenta, il batterio non muore neanche con il congelamento. Nella peggiore delle ipotesi, dunque, in cui la data di vendita raccomandata è portata a 42 giorni e la data di durata minima a 70 giorni, il rischio è triplicato, sia per le uova crude sia per quelle poco cotte. In assoluto però è più pericoloso assumere uova crude, la cottura a 70° C elimina i rischi.  (Fonte)

Potrebbe interessarti questo video: Il Dolce che combatte la stitichezza



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La proteina dei broccoli che spegne i tumori

Nuovo studio scopre virtù di una proteina contenuta in tutte le 'crucifere', broccoli, cavolfiore, cime di rapa

Le straordinarie virtù dell’avocado

Riduce la fame e il peso, protegge il cuore e contrasta il diabete perché riduce i picchi glicemici

Nespole, il toccasana della primavera

Consigliate per chi soffre di problemi renali e al fegato, oltre che per altri disturbi

I cibi che sembrano genuini ma provocano il diabete

Influenzano il metabolismo, provocando aumento di peso e resistenza all'insulina. Nuova ricerca ha scoperto i cibi responsabili

Se mangi i fagiolini la tua salute ti ringrazierà

Ecco perché fanno bene. E poi: trucchi per scegliere i fagiolini migliori e cuocerli senza perdere le proprietà nutritive

Corsi - Prevenzione a tavola

Dieta sana: quali sono i nutrienti essenziali per un’alimentazione corretta?

Scoperti i cibi che contrastano il tumore alla vescica

La ricerca è stata condotta dall’Istituto nazionale tumori di Milano

Le uova proteggerebbero la vista degli anziani da una malattia della retina

Ecco quante uova bisognerebbe mangiare a settimana, secondo la rivista Clinical Nutrition

Corsi - Prevenzione a tavola

Fave, il regalo primaverile che fa bene alla salute (e due ricette)

Regolano l'intestino, controllano glucosio e colesterolo nel sangue. Ma sono tossiche per alcuni.

Le mele ci stanno avvelenando?

Il Codacons denuncia la presenza di troppi pesticidi sulla buccia delle mele del supermercato

L’alimentazione sbagliata uccide più del fumo e della pressione alta

A livello globale una morte su 5 è riconducibile a un'alimentazione scorretta, povera di cereali integrali e verdure

Solo pensare al caffè ci rende più attenti e lucidi

Nuovo studio svolto dall'Università di Toronto pubblicato sulla rivista scientifica Consciousness and Cognition

Prevenzione a tavola: un commento da condividere

Le domande di una nostra studentessa sono diventate un post con i consigli e una ricetta di Elena Alquati

Il colesterolo delle uova mette a rischio il cuore?

Nuovo studio riapre il dibattito sulle uova

Arriva la quinoa tutta italiana

Una varietà adattabile alle nostre condizioni climatiche di quinoa, lo pseudocereale delle Ande