I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Cosa contiene davvero il te verde in lattina o bottiglietta?

Il te verde ha moltissime proprietà benefiche: ma quante ne contiene quello commerciale?

Pubblicato il 12/06/2015 da Chiara Cevoli

Il tè verde è una bevanda che si ottiene dall’infusione delle foglie di Camellia Sinensis, una pianta sempreverde che cresce nei climi tropicali e sub-tropicali. Arrivato in Europa nel 1600 grazie alla compagnie delle Indie Occidentali ben presto divenne bevanda nazionale in Inghilterra (nella variante di tè nero).

Ciò che distingue i vari tipi di tè (tè nero, verde, bancha, giallo, etc.) è la lavorazione delle foglie dopo la raccolta: meno sono lavorate maggiori sono i benefici apportati dalla bevanda. Ricco di antiossidanti, al tè verde sono ascritte numerose proprietà eccezionali: è infatti ormai consolidata la sua capacità di ridurre i livelli di colesterolo LDL (quello cattivo) e trigliceridi nel sangue, inoltre contiene alcuni composti come la catechina EGCC (epigallocatechina-3-gallato) ed altri che sembrano avere spiccata attività antitumorali e antiinfiammatorie oltre a contribuire al controllo della glicemia.

COSA SI TROVA IN COMMERCIO?

  • Tè verde in bustine: è il classico tè che si trova al supermercato nelle comode bustine già pronte per essere messe in infusione. L’unica pecca di questa preparazione è che all’interno delle bustine invece di germogli e foglioline (di qualità superiore) si trova spesso una polverina composta da varie parti della pianta del tè.
  • Tè verde sfuso: si acquista nelle erboristerie, è sicuramente la scelta migliore anche se è necessario filtrare l’infuso prima di consumarlo.
  • Tè verde in bottiglia o lattina: venduti in supermercati, bar e in alcuni punti di ristoro è la risposta commerciale alla salutistica bevanda asiatica.

Ma cosa contengono i tè in bottiglia o in lattina? Siamo sicuri che sia solo tè verde? Vi riporto gli ingredienti di 2 dei marchi più famosi e forse più venduti che si trovano in commercio.

Tè verde al limone –Lipton Ice Tea INGREDIENTI: acqua, zucchero, acidificante: acido citrico, estratto di tè verde (0,14%), succo di limone da concentrato (0,1%), correttore di acidità: citrato trisodico, aromi, antiossidante: acido ascorbico, edulcoranti: glicosidi steviolici.

Estathè Verde INGREDIENTI: infuso di the verde (acqua, the verde), zucchero, succo di pesca concentrato reidratato, destrosio, succo di limone in polvere reidratato, aromi naturali, esaltatore di sapidità (acido ascorbico), correttore di acidità (acido citrico), sale.

Premettendo che il tè (così come il caffè) andrebbe consumato senza l’aggiunta di zucchero, latte o altro, analizzando gli ingredienti delle due preparazioni salta subito all’occhio:

  1. Il numero elevato di ingredienti: se pensiamo a quando lo prepariamo a casa oltre al tè e all’acqua non aggiungiamo altro, il numero degli ingredienti si riduce quindi a due.
  2. La quantità eccessiva di zuccheri e dolcificanti (solo nel primo) aggiunti alle preparazioni. Nel Lipton troviamo oltre allo zucchero i dolcificanti che ad oggi sono ancora oggetto di studio circa la loro sicurezza, nel secondo oltre allo zucchero (o saccarosio, formato da glucosio e fruttosio) troviamo il destrosio (altro non è che il glucosio) e addirittura il sale.

La quantità di zuccheri assunta con queste bevande non è indifferente:

  • Tè verde al limone –Lipton Ice Tea: bevendo un bicchiere (200 ml) assumiamo quasi 2 cucchiaini di zucchero -8.8 gr, più il dolcificante;
  • Estathè Verde: bevendo un bicchiere (200 ml) assumiamo quasi 3 cucchiaini di zucchero -13,2 gr (in questo caso lo zucchero è di più perché non sono aggiunti i dolcificanti).

Il mio consiglio è quello di desistere dall’acquistare tali bevande visto l’elevato apporto di zucchero che contengo: le bevande zuccherate diversamente da quello che si crede non tolgono la sete, anzi dopo pochi minuti dalla loro assunzione tendono ad aumentarla, non aiutano nel controllo del peso e andrebbero evitate da chi soffre di diabete o presenta una glicemia alterata. Anche i bambini non dovrebbero berle: anche in questo caso troppi zuccheri e calorie inutili. In queste preparazioni le inutili aggiunte di zuccheri ed ingredienti vari se da un lato rendono sicuramente il tè verde molto più gradevole al palato, dall’altro mascherano tutti gli effetti benefici del tè verde trasformandolo in una bevanda che sarebbe opportuno non consumare.

COME FARE UN'OTTIMA BEVANDA PER LA SALUTE?

Acquistate del buon tè verde in erboristeria, e procuratevi dello zenzero fresco. Tagliate qualche fettina di zenzero e mettetela nel pentolino con l’acqua sul fuoco. Fate bollire 5 minuti, spegnete il gas, lasciate stemperare e mettete in infusione le foglie di tè per qualche minuto. Filtrate e gustate con l’aggiunta di qualche cubetto di ghiaccio.

Seguite la Dottoressa Cevoli anche su Facebook



banner basso postfucina





Chiara Cevoli

Chiara Cevoli
Biologa Nutrizionista

Laureata in Biologia Applicata alla Ricerca Biomedica presso l'Università di Roma La Sapienza nel 2009 con lode, mi sono da subito interessata alla tematica dell'alimentazione frequentando diversi corsi e collaborando in alcuni Ospedali del Lazio come volontaria. Negli anni successivi è quindi iniziata la mia attività come Biologo Nutrizionista ... LEGGI »

Seguilo su:Blog


  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Il caffè può rallentare il Parkinson

I ricercatori hanno scoperto le potenzialità di due composti del caffè

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Corsi - Prevenzione a tavola

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina

La ricetta dello strudel di zucca

Oggi prepariamo un dolce buono e sano che non ci farà sentire in colpa, lo strudel di zucca

Corsi - Prevenzione a tavola

Ecco la frutta che ti salva da infarto e ictus

Le antocianine presenti in alcuni tipi di frutta rappresentano uno scudo per la salute del cuore

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali