I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Cosa si rischia mangiando cibi abbrustoliti?

Dall'Europa arriva lo stop al consumo di questi alimenti che favoriscono il cancro

Pubblicato il 11/06/2015 da Prevenzione a tavola

Da tempo è risaputo che i cibi bruciacchiati o troppo abbrustoliti non sono salutari per il nostro organismo. Ma ora arriva anche lo stop dell'Efsa, l’Autorità europea per la sicurezza alimentare: alcuni cibi come patatine fritte, pane croccante, torte, caffè, cotti ad alte temperature, favoriscono la formazione dell’acrilammide, sostanza chimica che aumenta il rischio di cancro.

Gli studi di laboratorio hanno dimostrato che l’acrilammide è una sostanza genotossica e fortemente cancerogena per gli animali, se inserita nella dieta: è in grado cioè di danneggiare il Dna animale e causare il cancro. Nonostante analoghi studi sull’uomo forniscano ancora prove limitate e discordanti in proposito, gli esperti Efsa (l'autorità europea per la sicurezza alimentare) sono giunti alla conclusione (Pdf) che il composto aumenti il rischio di sviluppare il cancro anche negli individui di ogni età, in particolare nei più piccoli, a causa del loro peso ridotto.

La formazione di questa sostanza è favorita soprattutto negli alimenti a base di amidi se cotti ad alte temperature. La sostanza viene assorbita dal tratto gastrointestinale e distribuita a tutto l’organismo. Da questo processo di metabolismo deriva il metabolita glicidammide, causa di mutazioni genetiche e tumori negli animali.

Quindi ecco qualche consiglio per cuocere i cibi, senza rischiare di favorire la formazione del cancro!

  • Preferire una leggera doratura alla bruciatura: se prepariamo un toast, dunque, meglio rimuoverlo dalla piastra dopo 3 minuti anziché 5. Lo stesso vale per fritti e barbecue;
  • Evitare la frittura sopra i 175° e le friggitrici ad aria calda (producono oltre il 30-40% di acrilammide in più rispetto a quelle a olio);
  • Variare le modalità di cottura: bollire, cuocere a vapore e saltare in padella, oltre a friggere o arrostire, può contribuire a ridurre l’esposizione;
  • Occhio al metodo di conservazione dei cibi: non conservare le patate in frigo, ma in ogni caso al riparo da luce e calore. Mettere in ammollo le fette del tubero in acqua o in una soluzione di acido citrico, prima di cuocerle (può ridurre i livelli di acrilamide rispettivamente fino al 40% o al 75%);
  • Seguire una dieta bilanciata riduce il rischio di esposizione ai potenziali rischi alimentari: aumentare la varietà di altri alimenti in tavola (carne, pesce, verdura e frutta) a dispetto dei prodotti ricchi di amidi.
(Fonte) Potrebbe interessarti anche questo video: Dieta vegana, l’importanza della vitamina B12



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

10 validissimi motivi per mangiare i semi di zucca

I semi di zucca hanno proprietà straordinarie e benefici per il nostro organismo

È tempo di barbabietole, ricchissime di benefici

Riduce la pressione del sangue, migliora le prestazioni fisiche e mentali, stimola il dimagrimento

Corbezzolo, il preziosissimo frutto autunnale

Alla scoperta del corbezzolo, frutto presente nelle aree mediterranee, ricco di proprietà e dai mille usi in cucina

La frutta secca non fa ingrassare e protegge dalle malattie cardiovascolari

Un nuovo studio indica quanti grammi mangiarne tutti i giorni per evitare l'aumento di peso

Salutiamo l’estate con i corsi di Prevenzione a tavola a metà prezzo

Fino a lunedì 23 settembre 2019, giorno dell'equinozio d'autunno

Corsi - Prevenzione a tavola

Fichi, il frutto di fine estate alleato dell’intestino

Antiossidanti e antinfiammatori. Ecco la ricetta della marmellata di fichi senza zucchero

La pizza contrasta alcune malattie e allunga la vita

Deve però essere preparata in Italia con ingredienti italiani: la pizza vince l'Ig Nobel 2019 per la medicina

Troppo sale, grassi e zuccheri nella carne ‘vegetale’

Una ricerca analizza hamburger, falafel, salsicce, polpette a base di tofu, soia e cereali. I risultati non sono entusiasmanti.

Corsi - Prevenzione a tavola

Queste bibite aumentano il rischio di morte

Studio condotto su dieci paesi relativo consumo di bibite, sia zuccherate sia con dolcificanti ipocalorici,

Mangi e non ingrassi? Ecco svelato il motivo

Un nuovo studio chiarisce ora il motivo di questa fortuna. E c'entrano le cellule adipose

Il vino rosso protegge l’intestino, combatte l’obesità e il colesterolo cattivo

Nuova ricerca rivela i benefici del vino rosso, basta anche un bicchiere ogni due settimane

Sindrome da rientro? Bastano 8 bicchieri d’acqua al giorno

Una corretta idratazione e una sana alimentazione garantiscono un ritorno più soft alla vita di tutti i giorni

Proteine vegetali per vivere più a lungo e in salute

Cala il rischio generale e quello per cause cardiovascolari, le conferme di un nuovo studio

Muore meno di malattie croniche chi mangia verdura, frutta e proteine vegetali

Questo dicono i risultati molto chiari di un nuovo studio

Due cibi potrebbero essere in grado di proteggere dalle demenze

La fosfatidilcolina potrebbe essere la sostanza protettiva contro l'Alzheimer e demenze