I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Chi soffre di apnea notturna rischia di sviluppare depressione

Soffrire di apnea ostruttiva notturna ed eccessiva sonnolenza diurna aumenta di quattro volte il rischio di sviluppare la depressione.

Pubblicato il 10/06/2015 da Prevenzione a tavola

Soffrire di apnea ostruttiva notturna ed eccessiva sonnolenza diurna aumenta di quattro volte il rischio di sviluppare la depressione. È quanto sostengono i ricercatori dell'Università di Adelaide (Australia) in uno studio presentato durante la Conferenza internazionale dell'American Thoracic Society, che si è tenuta tra il 15 e il 20 maggio a Denver (Usa).

La ricerca è stata condotta su 1.875 uomini, di età compresa tra 35 e 83 anni. Il loro stato di salute è stato monitorato per 5 anni. Al termine di questo periodo, è emersa l'esistenza di un'associazione tra i disturbi del sonno e la depressione.

In particolare, gli esperti hanno osservato che, rispetto a chi risposava bene, i partecipanti cui era stato diagnosticato un problema del sonno avevano una probabilità due volte maggiore di sviluppare disturbi dell'umore. Inoltre, è emerso che il rischio di essere colpiti da depressione era quattro volte più alto per gli uomini che soffrivano di apnea ostruttiva notturna e dieccessiva sonnolenza diurna.

"Per il momento, consigliamo a chi soffre di apnea di essere consapevole che per lui il rischio di sviluppare disturbi depressivi è maggiore, e, in caso di dubbi, di rivolgersi al medico - afferma Carol Lang, che ha guidato la ricerca -. È anche importante che le persone che soffrono di depressione parlino dei loro disturbi del sonno al curante, perché spesso questi problemi vengono considerati come conseguenze della patologia e non vengono analizzati”.

(Salute24)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali

Corsi - Prevenzione a tavola

Ricetta del Pan dei morti senza zucchero

Una versione senza zucchero e con farina integrale del Pan dei morti

La ricetta del castagnaccio

Ecco la ricetta sana e genuina del castagnaccio, senza zucchero o latte

Alla scoperta della Batata, la patata a basso indice glicemico

La batata è il tubero della salute: proprietà nutrizionali e qualche ricetta

Corsi - Prevenzione a tavola

La pasta non fa ingrassare ma rende felici

Gli endocrinologi svelano come godersi un piatto di pasta senza ingrassare

Maltagliati di farro con borlotti e castagne

Una ricetta autunnale, sana e golosa

Zuppa di lenticchie con castagne

Ricetta sana e gustosa, perfetta per l'autunno

Come scegliere una buona zucca? Ecco le differenze tra le diverse qualità

Mantovana, Delica, Napoletana, Violina: perché fanno bene e come cucinarle

6 ottimi motivi per mangiare finocchi

I finocchi rappresentano un ottimo alimento per il nostro organismo

Anemia da carenza di ferro? Ecco cosa mangiare

Quali sono i cibi che ne contengono di più?

Alla scoperta del topinambur, l’ortaggio che vi cambierà la vita

Il topinambur combina proprietà diuretiche con doti benefiche per abbassare la glicemia