I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Scoperto legame tra gruppo sanguigno e Alzheimer

Esiste un legame tra il gruppo sanguigno e il rischio di ammalarsi di Alzheimer

Pubblicato il 04/06/2015 da Prevenzione a tavola

Scoperta l'esistenza di un legame tra il gruppo sanguigno e il rischio di ammalarsi di Alzheimer. Uno studio condotto su volontari sani dai ricercatori dell'ospedale San Camillo di venezia e del dipartimento di Neuroscienze dell'università di Sheffileld ha infatti evidenziato come il gruppo sanguigno possa influire sullo sviluppo del sistema nervoso centrale e sul rischio di declino cognitivo. La ricerca, pubblicata sulla rivista “Brain Research Bullettin" ha evidenziato che le persone con gruppo sanguigno 0 hanno più sostanza grigia di chi appartiene al gruppo A, B o AB: nello studio statistico, focalizzato su 189 volonatari adulti sani, in precedenza sottoposti a risonanza magnetica strutturale, i ricercatori hanno calcolato i volumi di sostanza grigia dell'encefalo.

I soggetti con gruppo sanguigno 0 hanno una quantità maggiore di sostanza grigia nella zona posteriore del cervelletto. Inoltre, i soggetti con gruppo sanguigno A, B o AB risultano avere volumi inferiori di sostanza grigia nelle regioni temporali e limbiche, tra cui l'ippocampo sinistro, una delle prime regioni del cervello a soffrire dei danni della malattia di Alzheimer.

Molto probabilmente questo ridotto volume di sostanza grigia è collegato al gruppo sanguigno A, B o AB. Considerando che la naturale riduzione della sostanza grigia cerebrale tende ad intensificarsi con l'invecchiamento, è facile intuire, sottolineano gli autori, come «questo svantaggio biologico possa rendere più esposti al declino cognitivo».

«Lo studio sembra suggerire che le persone con gruppo sanguigno siano più protette contro le malattie nelle quali si osserva la perdita di volume cerebrale temporale e mediotemporale, come accade, ad esempio, nella malattia di Alzheimer - spiega Annalena Vennerri, direttrice scientifica dell'ospedale san Camillo di venezia e coautrice dello studio - tuttavia sono necessarie prove supplementari per esserne certi. Molto probabilmente il gruppo sanguigno influisce sullo sviluppo del sistema nervoso centrale. Ora dobbiamo capire perché e come questo accada». (Fonte)

Potrebbe interessarti anche: Curarsi in cucina: crema di riso integrale



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





NOTIZIE + RECENTI

Ecco i cibi che causano 500mila morti l’anno per malattie di cuore

Da Oms guerra a grassi trans, eliminarli dalla dieta

Frutta verdure e pesce tengono le rughe lontane

A evidenziarlo è uno studio dell'Erasmus Medical Centre di Rotterdam

Olio extravergine d’oliva: meglio DOP o IGP?

Il legame col territorio è dunque più forte nel DOP piuttosto che nell’IGP

Perché scegliere una birra artigianale?

Tra le altre cose ha un maggiore contenuto in vitamine e minerali rispetto ad una birra filtrata

Ecco cosa succede al cervello se mangiamo cioccolato fondente

Il cioccolato fondente è anti-infiammatorio e antistress

Corsi - Prevenzione a tavola

Il miglio previene diabete e cancro

È un cereale ricco di ferro, fosforo, magnesio, vitamine del gruppo B e soprattutto di acido folico

La carne dei fast food è da demonizzare?

Basta evitare patatine fritte, salse e bevande zuccherate e tenere a mente le raccomandazioni anti-cancro

Gli effetti di verdure, yogurt, tè e cioccolato sul fegato

Studio su cirrosi epatica, più diversità batteri intestino

Corsi - Prevenzione a tavola

La frutta secca fa battere il cuore a un ritmo regolare

Il consumo riduce il rischio di fibrillazione atriale

Perché scegliere i grani antichi?

Coltivare i grani antichi significa salvaguardare queste specie vegetali ed impedire che si estinguano

I ravanelli fanno benissimo al nostro organismo

Ha importanti facoltà antiossidanti e depurative, un ottimo aiuto per il fegato e la cistifellea

Cosa succede se si beve una birra in gravidanza?

Anche le bevande con gradazione alcolica medio-bassa sono pericolose in gravidanza

Ecco come scegliere il miglior olio extravergine d’oliva

Il miglior olio evo? Fruttato, amaro e piccante

Latte di mandorla: ottimo alleato per le ossa

Tra le bevande vegetali, è quello che contiene un maggior quantitativo di calcio, magnesio e fosforo

Come orientarsi tra i diversi tipi di farina

La nutrizionista spiega la differenza tra farine integrali, tipo 00, tipo 0, tipo 1, tipo 2, di manitoba, di grano duro, di grano tenero