I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Paracetamolo in gravidanza: rischi per il feto

Le donne incinte dovrebbero limitare l'assunzione di paracetamolo

Pubblicato il 27/05/2015 da Prevenzione a tavola

Le donne incinte dovrebbero limitare l'assunzione di paracetamolo, in quanto potrebbe danneggiare la salute futura del bambino. L'assunzione prolungata del popolare antidolorifico, infatti, potrebbe compromettere la fertilita' del nascituro. A lanciare l'allarme e' stato un gruppo di ricercatori dell'Universita' di Edimburgo in uno studio pubblicato sulla rivista Science Translational Medicine.

Gli scienziati hanno scoperto che il paracetamolo puo' interrompere la produzione di testosterone quando viene assunto per sette giorni. Questo ormone ha un ruolo chiave nello sviluppo degli organi riproduttivi maschili. In particolare, lo studio ha messo in luce che le donne che assumono paracetamolo hanno piu' probabilita' di mettere al mondo bambini affetti da criptorchidismo, un difetto che consiste nella mancata discesa di uno o di entrambi i testicoli all'interno della sacca scrotale, e questo puo' portare a problemi riproduttivi in futuro.

Per capire il legame tra l'antidolorifico e questo problema, gli scienziati hanno progettato un sistema per simulare, in modo piu' fedele possibile, la gravidanza. Visto che gli esperimenti non potevano essere condotti su bambini nel grembo materno, i ricercatori hanno studiato i topi a cui erano stati impiantati pezzi di tessuto testicolare fetale umano ed e' stato dato loro del paracetamolo per sette giorni. Ebbene, dall'analisi del sangue delle cavie sono stati rilevati livelli molto piu' bassi di testosterone rispetto ai topi che hanno ricevuto placebo.

Ma quando sono state somministrate dosi per un solo giorno non e' stato riscontrato alcun effetto. "Questo studio si aggiunge alle evidenze esistenti secondo le quali l'uso prolungato di paracetamolo in gravidanza puo' aumentare il rischio di problemi riproduttivi nei neonati maschi", ha detto Rod Mitchell, scienziato che ha guidato lo studio- "Consigliamo alle donne incinte di seguire le correnti linee guida che prevedono l'assunzione dell'antidolorifico alle piu' basse dosi per il piu' breve periodo di tempo". ha aggiunto. (AGI)

Per la salute dei bambini è importante vedere questo video



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La proteina dei broccoli che spegne i tumori

Nuovo studio scopre virtù di una proteina contenuta in tutte le 'crucifere', broccoli, cavolfiore, cime di rapa

Le straordinarie virtù dell’avocado

Riduce la fame e il peso, protegge il cuore e contrasta il diabete perché riduce i picchi glicemici

Nespole, il toccasana della primavera

Consigliate per chi soffre di problemi renali e al fegato, oltre che per altri disturbi

I cibi che sembrano genuini ma provocano il diabete

Influenzano il metabolismo, provocando aumento di peso e resistenza all'insulina. Nuova ricerca ha scoperto i cibi responsabili

Se mangi i fagiolini la tua salute ti ringrazierà

Ecco perché fanno bene. E poi: trucchi per scegliere i fagiolini migliori e cuocerli senza perdere le proprietà nutritive

Corsi - Prevenzione a tavola

Dieta sana: quali sono i nutrienti essenziali per un’alimentazione corretta?

Scoperti i cibi che contrastano il tumore alla vescica

La ricerca è stata condotta dall’Istituto nazionale tumori di Milano

Le uova proteggerebbero la vista degli anziani da una malattia della retina

Ecco quante uova bisognerebbe mangiare a settimana, secondo la rivista Clinical Nutrition

Corsi - Prevenzione a tavola

Fave, il regalo primaverile che fa bene alla salute (e due ricette)

Regolano l'intestino, controllano glucosio e colesterolo nel sangue. Ma sono tossiche per alcuni.

Le mele ci stanno avvelenando?

Il Codacons denuncia la presenza di troppi pesticidi sulla buccia delle mele del supermercato

L’alimentazione sbagliata uccide più del fumo e della pressione alta

A livello globale una morte su 5 è riconducibile a un'alimentazione scorretta, povera di cereali integrali e verdure

Solo pensare al caffè ci rende più attenti e lucidi

Nuovo studio svolto dall'Università di Toronto pubblicato sulla rivista scientifica Consciousness and Cognition

Prevenzione a tavola: un commento da condividere

Le domande di una nostra studentessa sono diventate un post con i consigli e una ricetta di Elena Alquati

Il colesterolo delle uova mette a rischio il cuore?

Nuovo studio riapre il dibattito sulle uova

Arriva la quinoa tutta italiana

Una varietà adattabile alle nostre condizioni climatiche di quinoa, lo pseudocereale delle Ande