I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Paracetamolo in gravidanza: rischi per il feto

Le donne incinte dovrebbero limitare l'assunzione di paracetamolo

Pubblicato il 27/05/2015 da Prevenzione a tavola

Le donne incinte dovrebbero limitare l'assunzione di paracetamolo, in quanto potrebbe danneggiare la salute futura del bambino. L'assunzione prolungata del popolare antidolorifico, infatti, potrebbe compromettere la fertilita' del nascituro. A lanciare l'allarme e' stato un gruppo di ricercatori dell'Universita' di Edimburgo in uno studio pubblicato sulla rivista Science Translational Medicine.

Gli scienziati hanno scoperto che il paracetamolo puo' interrompere la produzione di testosterone quando viene assunto per sette giorni. Questo ormone ha un ruolo chiave nello sviluppo degli organi riproduttivi maschili. In particolare, lo studio ha messo in luce che le donne che assumono paracetamolo hanno piu' probabilita' di mettere al mondo bambini affetti da criptorchidismo, un difetto che consiste nella mancata discesa di uno o di entrambi i testicoli all'interno della sacca scrotale, e questo puo' portare a problemi riproduttivi in futuro.

Per capire il legame tra l'antidolorifico e questo problema, gli scienziati hanno progettato un sistema per simulare, in modo piu' fedele possibile, la gravidanza. Visto che gli esperimenti non potevano essere condotti su bambini nel grembo materno, i ricercatori hanno studiato i topi a cui erano stati impiantati pezzi di tessuto testicolare fetale umano ed e' stato dato loro del paracetamolo per sette giorni. Ebbene, dall'analisi del sangue delle cavie sono stati rilevati livelli molto piu' bassi di testosterone rispetto ai topi che hanno ricevuto placebo.

Ma quando sono state somministrate dosi per un solo giorno non e' stato riscontrato alcun effetto. "Questo studio si aggiunge alle evidenze esistenti secondo le quali l'uso prolungato di paracetamolo in gravidanza puo' aumentare il rischio di problemi riproduttivi nei neonati maschi", ha detto Rod Mitchell, scienziato che ha guidato lo studio- "Consigliamo alle donne incinte di seguire le correnti linee guida che prevedono l'assunzione dell'antidolorifico alle piu' basse dosi per il piu' breve periodo di tempo". ha aggiunto. (AGI)

Per la salute dei bambini è importante vedere questo video



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La curcuma è in grado di uccidere le cellule tumorali

I ricercatori hanno scoperto che unendola al platino riesce a uccidere le cellule malate

Psoriasi? Ci pensa la dieta mediterranea

Studio condotto su oltre 3500 persone colpite da malattia dà ottimi risultati

Come conservare l’olio extravergine di oliva

Esistono diverse accortezze, come tenere l'olio al riparo da luce, calore e ossigeno

Cosa pensa davvero l’ONU di parmigiano, olio d’oliva e prosciutto

Siamo tornati sull'argomento per fare chiarezza su quello che è avvenuto realmente

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

Corsi - Prevenzione a tavola

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'

Scoperto perché una mela al giorno leva il medico di torno

Il segreto è contenuto nei polifenoli che hanno un ruolo decisivo nel microbiota dell'intestino

Corsi - Prevenzione a tavola

La ricetta dell’Acquasale pugliese, piatto povero ma ricco

Acquasale, una tipica ricetta Salentina povera negli ingredienti ma ricca in principi nutritivi

I valori nutrizionali della farina di grano duro

La classificazione degli sfarinati e la superiorità nutrizionale della farina integrale e dei suoi derivati

Alla scoperta della Meloncella, frutto-verdura dalle mille virtù

La meloncella del Salento è ricchissima di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

Conoscete la cottura passiva?

La cottura passiva fa risparmiare e conserva tutti i nutrienti

Il tè verde mantiene il cuore in salute e contrasta l’infarto

Il merito potrebbe essere di una sostanza antiossidante contenuta nel tè verde

Il mango contrasta stitichezza e intestino pigro

Studio rivela che basta un mango uno al giorno

Tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno in un’unica ciotola

Impariamo a preparare la ciotola di Buddha per un pasto sano e completo