I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Di cosa è fatto un gelato?

Sostituire il pranzo con un gelato è una buona abitudine?

Pubblicato il 26/05/2015 da Chiara Cevoli

Arriva il caldo, l’estate e in molti iniziano a sostituire il pranzo con un semplice gelato. Spesso confezionato: buono, veloce, pratico e si compra ormai ovunque.

Ma…il gelato sostituisce il pranzo? La risposta è no. Infatti anche se la differenza in calorie non è grande, l’apporto in tutti in nutrienti è molto diverso. Fibre, proteine, minerali e vitamine presenti in misere quantità nel gelato, sono invece ben rappresentate in un pasto completo, è inoltre necessario tener conto di un fattore molto importante: la sazietà. Il pranzo completo è molto più saziante per la presenza di fibre e la quantità maggiore di alimenti: primo piatto, secondo piatto, verdure, olio. Questo risulta fondamentale in quanto ci permette di arrivare senza i morsi della fame alla merenda del pomeriggio.

E per chi vuole stare attento alla linea, non c’è nulla di più importante: sentirsi sazi durante tutto il giorno è il modo migliore per riuscire a seguire una dieta e mantenere la linea senza troppi sforzi. Inoltre i carboidrati contenuti nel gelato sono per la maggior parte zuccheri semplici: questo causa un grande picco glicemico, cioè un aumento repentino di zuccheri nel sangue. I picchi glicemici sono pericolosi per la nostra salute, soprattutto per chi soffre di diabete e favoriscono la trasformazione degli zuccheri in grassi; dopo poco tempo la glicemia torna a scendere, e torna così la sensazione di fame.

Vediamo ora gli ingredienti del gelato confezionato per eccellenza: il cornetto (gelato alla panna, con cialda, copertura al cacao magro e granella di nocciole e meringhe). Chi non l’ha mai mangiato?

Ingredienti: latte scremato reidratato, zucchero, farina di grano tenero, oli vegetali (cocco, palma), sciroppo di glucosio-fruttosio, latte scremato concentrato, burro concentrato, granella di nocciole, sciroppo di glucosio, panna (2,5%), cacao magro in polvere, emulsionanti (lecitina di girasole, mono- e digliceridi degli acidi grassi, fosfatidi d'ammonio), amido di patata, sale, addensanti (alginato di sodio), latte scremato in polvere, sciroppo di zucchero caramellato, aroma naturale di vaniglia, aromi naturali, amido modificato di frumento, albume d'uovo, proteine del latte.

Zucchero come secondo ingrediente (quindi il secondo più abbondante), oli vegetali, tra cui l’olio di palma, sciroppi che sono peggio dello zucchero e una lista infinita di altro. Analizzando velocemente diverse marche e formati, gli ingredienti e i valori nutrizionali non si discostano molto da quello che vi ho riportato sopra: oltre a sconsigliarvelo come pranzo, posso affermare che il gelato non costituisce neanche una buona merenda. Le calorie non sono infatti trascurabili: tra le 400 e le 500 Kcal per cornetto. Una mela sapete quante ne contiene? Circa 80.

Per chi non ne può proprio fare a meno, un’idea veloce per una merenda sana e gustosa: frullate un frutto a vostra scelta, mescolate il composto a yogurt bianco senza zucchero, arricchite con frutta secca, uvetta, cannella o cioccolato fondente. Versate l’impasto in bicchieri o vaschette e mettete il tutto in congelatore: dopo qualche ora la vostra merenda gelato sarà pronta e buonissima.

Seguite gli aggiornamenti della Dottoressa Cevoli

Il pane utilizzato per fare i panini venduti nei McDonald, come TERZO ingrediente ha lo sciroppo di glucosio-fruttosio,...Posted by Dott.ssa Chiara Cevoli Biologo Nutrizionista on Lunedì 25 maggio 2015



banner basso postfucina





Chiara Cevoli

Chiara Cevoli
Biologa Nutrizionista

Laureata in Biologia Applicata alla Ricerca Biomedica presso l'Università di Roma La Sapienza nel 2009 con lode, mi sono da subito interessata alla tematica dell'alimentazione frequentando diversi corsi e collaborando in alcuni Ospedali del Lazio come volontaria. Negli anni successivi è quindi iniziata la mia attività come Biologo Nutrizionista ... LEGGI »

Seguilo su:Blog


  • Segui Prevenzione a Tavola:





NOTIZIE + RECENTI

I ravanelli fanno benissimo al nostro organismo

Ha importanti facoltà antiossidanti e depurative, un ottimo aiuto per il fegato e la cistifellea

Cosa succede se si beve una birra in gravidanza?

Anche le bevande con gradazione alcolica medio-bassa sono pericolose in gravidanza

Ecco come scegliere il miglior olio extravergine d’oliva

Il miglior olio evo? Fruttato, amaro e piccante

Latte di mandorla: ottimo alleato per le ossa

Tra le bevande vegetali, è quello che contiene un maggior quantitativo di calcio, magnesio e fosforo

Come orientarsi tra i diversi tipi di farina

La nutrizionista spiega la differenza tra farine integrali, tipo 00, tipo 0, tipo 1, tipo 2, di manitoba, di grano duro, di grano tenero

Corsi - Prevenzione a tavola

Grassi saturi: sempre più studi ribaltano tutto ciò che sapevamo finora

Oggi sono sempre più numerosi gli studi che ci raccontano tutta un’altra storia rispetto ai grassi cattivi

Il latte di soia fa male ai bambini?

Può essere dato ai bambini? Fa bene o fa male? È il giusto sostituto del latte?

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina

Corsi - Prevenzione a tavola

Perché gli asparagi sono così buoni per la salute

Cinque ottimi motivi per mangiare gli asparagi e qualche ricetta per utilizzarli in cucina

L’olio extravergine di oliva fa ingrassare?

Quanti cucchiai bisogna consumarne, è meglio a crudo o cotto e altre risposte ai vostri dubbi

5 ottimi motivi per mangiare indivia

L'indivia è una verdura eccezionale per il nostro organismo

Le virtù del Pan di zucchero, la cicoria bianca

Stimola le funzioni intestinali,del fegato e dei reni. Ecco come cucinarla

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali

Ecco cosa mangiare dopo i 60 anni

Ogni età ha la sua dieta: ecco come dovrebbe essere quella degli over 60

Soia ai bambini: sì o no?

Esisterebbe un rischio nel consumo abbondante e prolungato di prodotti di soia: i fitoestrogeni