I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Allergia: le abitudini che aggravano i sintomi

Profumi, lenti a contatto e tutte quelle abitudini che fanno stare peggio chi soffre di allergia

Pubblicato il 20/05/2015 da Prevenzione a tavola

Ci sono delle abitudini che è bene moderare o eliminare definitivamente per evitare di peggiorare i sintomi causati dalle allergie. Nella maggior parte dei casi si tratta di azioni e abitudini innocue che compiamo quotidianamente senza nemmeno accorgercene., come usare le lenti a contatto, utilizzare essenze e candele profumate, oppure riutilizzate abiti già indossati.

Salute24 ha individuato 6 abitudini che i pazienti allergici dovrebbero impegnarsi a modificare.

Profumi - I prodotti che emanano una fragranza possono irritare le mucose interne delle palpebre e le vie respiratorie. Pertanto, dentro casa è consigliabile evitare l'impiego di profumi, candele profumate e incenso.

Lenti a contatto - Le lenti a contatto, soprattutto quelle morbide, possono assorbire le sostanze irritanti presenti nell'aria, come polline o fumo. Gli esperti consigliano di utilizzare gli occhiali durante la stagione primaverile, oppure di usare le lenti a contatto giornaliere, per prevenire l'accumulo di polline.

Frutta e verdura - Un terzo dei pazienti allergici ai pollini soffre anche di “sindrome orale allergica”. Questo disturbo genera una reazione allergica, più o meno grave, in risposta al consumo di determinati alimenti, come mele, pomodori e melone. I sintomi vanno dal prurito alla gola fino allo shock anafilattico. Dato che la causa del disturbo dovrebbe essere una proteina presente sulla superficie dei vegetali, è consigliabile sbucciarli o cuocerli prima di consumarli.

Piscina - Come i profumi, anche il cloro è una sostanza irritante, per cui andare in piscina potrebbe peggiorare i sintomi dell'allergia. Chi non intende rinunciare al nuoto dovrebbe preferire le piscine esterne a quelle coperte, perché in quelle interne il cloro è contenuto in uno spazio più piccolo.

Abiti - Durante la stagione primaverile, è consigliabile lavare i vestiti dopo ogni uso. Soprattutto quelli realizzati con materiali ruvidi o “appiccicosi”, come la lana, cui si attaccano polvere e polline. Pertanto, oltre a lavaggi frequenti, gli esperti consigliano l'utilizzo di abiti in cotone o altri tessuti facilmente lavabili. Suggeriscono, inoltre, di utilizzare cicli di lavaggio ad alte temperature, che sono più efficaci nell'uccidere gli allergeni rispetto all'acqua fredda.

Doccia - Il polline non si aggrappa solo ai vestiti, ma anche a pelle e capelli. Per cui sarebbe opportuno fare la doccia prima di andare a letto, per eliminare gli allergeni dal corpo. Chi, tuttavia, non può rinunciare a fare la doccia la mattina, potrebbe, una volta tornato a casa, spazzolare bene i capelli e lavare il viso.

Ti potrebbe anche interessare Le 10 regole per sconfiggere l’allergia al polline



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Quanti grammi di fibre e cereali integrali servono contro cancro, diabete e infarto?

Il sale rosa dell’Himalaya fa bene?

Sento spesso farmi questa domanda: ”Il sale rosa fa bene? E’ meglio di quello bianco?”

Come stufare carciofi e cicoria

uUn accostamento semplice che unisce due sapori particolari che insieme si armonizzano

Il dolcificante fa davvero perdere peso?

10 ottime ragioni per portare in tavola il radicchio rosso

Moltissimi benefici per la nostra salute

Corsi - Prevenzione a tavola

La carne rossa collegata al rischio infarti e ictus

Troppa carne rossa mette in circolo una sostanza legata al rischio cuore

Non causa solo ipertensione: nuova ricerca svela i rischi del sale

Ecco cosa si rischia con una dieta ad alto contenuto di sale

Il caffè può rallentare il Parkinson

I ricercatori hanno scoperto le potenzialità di due composti del caffè

Corsi - Prevenzione a tavola

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina

La ricetta dello strudel di zucca

Oggi prepariamo un dolce buono e sano che non ci farà sentire in colpa, lo strudel di zucca