I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Allergia: le abitudini che aggravano i sintomi

Profumi, lenti a contatto e tutte quelle abitudini che fanno stare peggio chi soffre di allergia

Pubblicato il 20/05/2015 da Prevenzione a tavola

Ci sono delle abitudini che è bene moderare o eliminare definitivamente per evitare di peggiorare i sintomi causati dalle allergie. Nella maggior parte dei casi si tratta di azioni e abitudini innocue che compiamo quotidianamente senza nemmeno accorgercene., come usare le lenti a contatto, utilizzare essenze e candele profumate, oppure riutilizzate abiti già indossati.

Salute24 ha individuato 6 abitudini che i pazienti allergici dovrebbero impegnarsi a modificare.

Profumi - I prodotti che emanano una fragranza possono irritare le mucose interne delle palpebre e le vie respiratorie. Pertanto, dentro casa è consigliabile evitare l'impiego di profumi, candele profumate e incenso.

Lenti a contatto - Le lenti a contatto, soprattutto quelle morbide, possono assorbire le sostanze irritanti presenti nell'aria, come polline o fumo. Gli esperti consigliano di utilizzare gli occhiali durante la stagione primaverile, oppure di usare le lenti a contatto giornaliere, per prevenire l'accumulo di polline.

Frutta e verdura - Un terzo dei pazienti allergici ai pollini soffre anche di “sindrome orale allergica”. Questo disturbo genera una reazione allergica, più o meno grave, in risposta al consumo di determinati alimenti, come mele, pomodori e melone. I sintomi vanno dal prurito alla gola fino allo shock anafilattico. Dato che la causa del disturbo dovrebbe essere una proteina presente sulla superficie dei vegetali, è consigliabile sbucciarli o cuocerli prima di consumarli.

Piscina - Come i profumi, anche il cloro è una sostanza irritante, per cui andare in piscina potrebbe peggiorare i sintomi dell'allergia. Chi non intende rinunciare al nuoto dovrebbe preferire le piscine esterne a quelle coperte, perché in quelle interne il cloro è contenuto in uno spazio più piccolo.

Abiti - Durante la stagione primaverile, è consigliabile lavare i vestiti dopo ogni uso. Soprattutto quelli realizzati con materiali ruvidi o “appiccicosi”, come la lana, cui si attaccano polvere e polline. Pertanto, oltre a lavaggi frequenti, gli esperti consigliano l'utilizzo di abiti in cotone o altri tessuti facilmente lavabili. Suggeriscono, inoltre, di utilizzare cicli di lavaggio ad alte temperature, che sono più efficaci nell'uccidere gli allergeni rispetto all'acqua fredda.

Doccia - Il polline non si aggrappa solo ai vestiti, ma anche a pelle e capelli. Per cui sarebbe opportuno fare la doccia prima di andare a letto, per eliminare gli allergeni dal corpo. Chi, tuttavia, non può rinunciare a fare la doccia la mattina, potrebbe, una volta tornato a casa, spazzolare bene i capelli e lavare il viso.

Ti potrebbe anche interessare Le 10 regole per sconfiggere l’allergia al polline



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La proteina dei broccoli che spegne i tumori

Nuovo studio scopre virtù di una proteina contenuta in tutte le 'crucifere', broccoli, cavolfiore, cime di rapa

Le straordinarie virtù dell’avocado

Riduce la fame e il peso, protegge il cuore e contrasta il diabete perché riduce i picchi glicemici

Nespole, il toccasana della primavera

Consigliate per chi soffre di problemi renali e al fegato, oltre che per altri disturbi

I cibi che sembrano genuini ma provocano il diabete

Influenzano il metabolismo, provocando aumento di peso e resistenza all'insulina. Nuova ricerca ha scoperto i cibi responsabili

Se mangi i fagiolini la tua salute ti ringrazierà

Ecco perché fanno bene. E poi: trucchi per scegliere i fagiolini migliori e cuocerli senza perdere le proprietà nutritive

Corsi - Prevenzione a tavola

Dieta sana: quali sono i nutrienti essenziali per un’alimentazione corretta?

Scoperti i cibi che contrastano il tumore alla vescica

La ricerca è stata condotta dall’Istituto nazionale tumori di Milano

Le uova proteggerebbero la vista degli anziani da una malattia della retina

Ecco quante uova bisognerebbe mangiare a settimana, secondo la rivista Clinical Nutrition

Corsi - Prevenzione a tavola

Fave, il regalo primaverile che fa bene alla salute (e due ricette)

Regolano l'intestino, controllano glucosio e colesterolo nel sangue. Ma sono tossiche per alcuni.

Le mele ci stanno avvelenando?

Il Codacons denuncia la presenza di troppi pesticidi sulla buccia delle mele del supermercato

L’alimentazione sbagliata uccide più del fumo e della pressione alta

A livello globale una morte su 5 è riconducibile a un'alimentazione scorretta, povera di cereali integrali e verdure

Solo pensare al caffè ci rende più attenti e lucidi

Nuovo studio svolto dall'Università di Toronto pubblicato sulla rivista scientifica Consciousness and Cognition

Prevenzione a tavola: un commento da condividere

Le domande di una nostra studentessa sono diventate un post con i consigli e una ricetta di Elena Alquati

Il colesterolo delle uova mette a rischio il cuore?

Nuovo studio riapre il dibattito sulle uova

Arriva la quinoa tutta italiana

Una varietà adattabile alle nostre condizioni climatiche di quinoa, lo pseudocereale delle Ande