I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Rimedi naturali per sconfiggere le verruche

Ecco quattro soluzioni naturali che favoriscono la scomparsa delle verruche

Pubblicato il 15/05/2015 da Prevenzione a tavola

Le verruche sono formazioni cutanee benigne che si manifestano dopo un contagio superficiale con il virus. Il virus rimane confinato alla pelle e non intacca il sangue. Il virus che causa la comparsa delle verruche è noto come HPV, virus del papilloma umano e il contagio avviene solitamente in luoghi caldi, umidi e molto frequentati come palestre, docce e piscine.

Esistono rimedi naturali che favoriscono la scomparsa delle verruche. Vediamone insieme qualcuno!

LATTICE DI FICO

Si estrae dalle foglie o dai frutti della pianta di fico, si passa sulle verruche e si lascia asciugare completamente per qualche minuto. Dopodiché si copre la zona trattata con un cerotto e si ripete l'operazione fino a quando la verruca non è completamente scomparsa.

PATATA

Anche la patata ha potere antiinfiammatorio e permette di far scomparire la verruca in una decina di giorni. Basta tagliare una fettina di patata e strofinare la parte interna sulla verruca per 5-10 minuti

ARGILLA

L'argilloterapia, con l'aggiunta di cloruro di magnesio, dovrebbe far scomparire le verruche in breve tempo. I prodotti potete trovarli direttamente in erboristeria o in farmacia. Basterà fare impacchi giornalieri di almeno un'ora per vedere subito grossi risultati.

OLI ESSENZIALI

Sempre in farmacia o in erboristeria potete richiedere un mix di oli essenziali (composto da origano completo, ginepro, cassia, chiodi di garofano, santoreggia montanada, 1 ml ciascuno, per un totale di 5 ml) da applicare dopo un bagno caldo nella quantità di una goccia su ogni verruca. Il trattamento andrà ripetuto fino a tre volte al giorno per 2 o 3 settimane.

Fonte: Greenme



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'

Scoperto perché una mela al giorno leva il medico di torno

Il segreto è contenuto nei polifenoli che hanno un ruolo decisivo nel microbiota dell'intestino

La ricetta dell’Acquasale pugliese, piatto povero ma ricco

Acquasale, una tipica ricetta Salentina povera negli ingredienti ma ricca in principi nutritivi

Corsi - Prevenzione a tavola

I valori nutrizionali della farina di grano duro

La classificazione degli sfarinati e la superiorità nutrizionale della farina integrale e dei suoi derivati

Alla scoperta della Meloncella, frutto-verdura dalle mille virtù

La meloncella del Salento è ricchissima di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

Conoscete la cottura passiva?

La cottura passiva fa risparmiare e conserva tutti i nutrienti

Corsi - Prevenzione a tavola

Il tè verde mantiene il cuore in salute e contrasta l’infarto

Il merito potrebbe essere di una sostanza antiossidante contenuta nel tè verde

Il mango contrasta stitichezza e intestino pigro

Studio rivela che basta un mango uno al giorno

Tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno in un’unica ciotola

Impariamo a preparare la ciotola di Buddha per un pasto sano e completo

Perché è bene consumare mandorle italiane

Le mandorle rappresentano un'ottima merenda, sana, nutriente e saziante

Cosa significano i numeri e le lettere sulle uova?

Importante informarsi per sapere che tipo di uova stiamo acquistando

Le uova non aumentano il colesterolo né rovinano il fegato

Sfiatiamo un falso mito e facciamo chiarezza sul ruolo delle uova nella nostra alimentazione

La pasta madre: proprietà, benefici e vantaggi in cucina

Anche chiamato lievito madre, migliora la regolazione della glicemia e la digeribilità dei prodotti