I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Il grande rischio del consumare troppe proteine

Le proteine sono indispensabili per la vita ma i bambini e gli adulti mangiano circa il doppio delle proteine necessarie

Pubblicato il 08/05/2015 da
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

I bambini sono un grande mercato, un mercato importantissimo per l’industria alimentare, per l’industria farmaceutica e per altri prodotti. È un mercato che fa gola, è un mercato su cui c’è una grande competizione e è importante che noi diventiamo coscienti, che dobbiamo difendere i nostri bambini da questo mercato. I nostri bambini mangiano male, mangiano troppo e mangiano in particolare troppe proteine. Le proteine sono indispensabili per la vita ma i nostri bambini e anche noi adulti, peraltro, mangiamo circa il doppio delle proteine di cui abbiamo bisogno.

Se si guardano le tabelle ministeriali per l’alimentazione scolastica e se si sommano le porzioni e le quantità di proteine che ci sono nelle varie porzioni del pasto di mezzogiorno che si dà a scuola, si scopre che se i bambini mangiassero tutta questa roba che gli offriamo, avrebbero già mangiato a mezzogiorno tutte le proteine di cui hanno bisogno nella giornata. Non dovrebbero mangiare proteine né a pranzo e né a cena. Un eccesso di proteine non fa bene alla salute, è uno dei fattori di obesità nei bambini, l’obesità nei bambini è un problema assolutamente drammatico negli Stati Uniti, ma è un problema anche importante qui da noi. Oggi conosciamo abbastanza bene quali sono le cause dell’obesità: in termini di nutrienti non sono tanto i grassi che fanno ingrassare, è l’eccesso di proteine che fa ingrassare, nonostante sapete che ci sono queste diete assurde che ti fanno dimagrire con un’esagerazione di proteine, ma queste sono diete che funzionano perché intossicano, non bisogna mai fare queste diete!

È importante rendere coscienti le amministrazioni comunali, le A.S.L., il corpo insegnante, le ditte di ristorazione e i bambini stessi che stiamo sbagliando il cibo che gli diamo. Cambiare le cose è sempre molto difficile, però si può, abbiamo qualche indizio che si può, sto lavorando su questo tema della ristorazione scolastica con l’associazione L’Ordine dell’Universo. Abbiamo instaurato delle relazioni con delle amministrazioni volenterose per fare qualcosa ma bisogna lavorare con i genitori perché spesso il primo ostacolo sono proprio i genitori che quando si riduce la carne per esempio nella mensa scolastica. Noi medici in particolare abbiamo trasmesso questa immagine che la carne è comunque un alimento molto importante per la crescita dei bambini, cosa che non è vero. Bisogna lavorare contemporaneamente con gli insegnanti perché è sufficiente che l’insegnante storca il naso quando arriva qualcosa di nuovo, quando arriva un prodotto per esempio a base di cibo vegetale. Nel menù dei bambini c’è un cibo animale tutti i giorni, o carne rossa o carne bianca, o uovo o formaggio o pesce, e spesso più cibi animali nello stesso pasto. Invece no, invece bisognerebbe seguire anche con i bambini le raccomandazioni dell’Oms che l’alimentazione deve essere prevalentemente basata su cibo di provenienza vegetale, va benissimo che ci sia del cibo animale, è bene che ci sia, ma non tutti i giorni, anche perché comunque i bambini poi lo mangiano tutti i giorni o quasi anche a casa. Gli studi sono chiarissimi nel mostrare che un eccesso di proteine favorisce l’obesità. Il latte materno contiene relativamente poche proteine, nel latte artificiale ce ne è di più, noi medici abbiamo pensato che il Padre Eterno si fosse sbagliato quando abbiamo inventato i latti artificiali, abbiamo detto: ma no ci sono poche proteine, mettiamogliene di più e chi è allattato, i bambini che sono allattati con il latte artificiale hanno un rischio significativamente maggiore di diventare dei bambini obesi.

Nel latte di mucca ci sono molte più proteine che non nel latte materno, anche il latte di mucca è una cosa che aiuta a prendere peso. Per cui gli studi sono chiarissimi sia sui bambini, sia sugli adulti, quindi bisogna cominciare a lavorare. La strategia che noi abbiamo utilizzato è quella di lavorare con i bambini, portare i bambini in cucina, fare cucinare i bambini. E i bambini invitano i loro genitori ad assaggiare le meraviglie che hanno cucinato che sono la zuppa di piselli, la cosiddetta zuppa Shrek, che ha inventato la Presidente dell’Associazione l’Ordine dell’Universo; che sono le polpette fatte con i legumi e i cereali integrali, che sono i dolci fatti senza zucchero, che sono i cioccolatini fatti senza zucchero. E allora i genitori vengono ed è un primo contatto che riesce a smuovere un po’ questa consolidata presunzione favorita da una tradizione medica ignorante. Perché noi medici non sappiamo più di alimentazione e non la studiamo a scuola.

Oltre alle proteine l’altro grande fattore dell’obesità che è uno dei principali problemi di salute pubblica oggi, sono le farine raffinate, le farine 00, la farina 0, lo zucchero. Michelle Obama due anni e mezzo fa ha annunciato insieme al Direttore del Ministero dell’agricoltura statunitense che nelle mense scolastiche degli Stati Uniti non ci sarà più nessun cibo che abbia come primo ingrediente una farina raffinata. Non dobbiamo dare il pane bianco ai nostri bambini, mentre la pasta anche bianca va bene, perché la pasta non è così nociva, non fa alzare la glicemia così rapidamente come il pane. Non dobbiamo dare le patatine ai nostri bambini e dobbiamo ridurre il contenuto di patate: i colleghi dell’università di Harvard hanno fatto una classifica dei cibi che fanno ingrassare sulla base dei loro studi su centinaia di migliaia di lavoratori della sanità che seguono ormai da 40 anni e periodicamente compilano questionari alimentari.

Al primo posto ci sono le patatine, al secondo posto le patate a pari merito con le carni conservate, le bevande zuccherate, con le carni rosse, poi ci sono le farine raffinate, i dolciumi, il burro,. I cibi che aiutano a non ingrassare, invece, sono i cereali integrali, i legumi, le verdure, la frutta, le noci, nocciole, mandorle, vorremmo vederli questi ingredienti anche nelle mense.



banner basso postfucina





Franco Berrino

Franco Berrino
Medico ed epidemiologo

Laureatosi in medicina e chirurgia magna cum laude all'università di Torino nel 1969 e specializzatosi in anatomia patologica, si è poi dedicato principalmente all’epidemiologia dei tumori. Dal 1975 lavora all’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano, dove dal 2002 dirige il Dipartimento di medicina preventiva e ... LEGGI »

Seguilo su:Blog


  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La ricetta degli Gnocchi di borragine

Se l'orto ti regala borragine, tu fanne gnocchi deliziosi

La ricetta dei Guadrotti di miglio con nocciole

Un dolce sano, senza glutine e squisito: eccovi la lista degli ingredienti e il procedimento

Torta di mele rovesciata

Oggi v'insegno la ricetta della mia squisita torta di mele rovesciata

Crema di zucca al profumo di rosmarino

Una crema da utilizzare per un dessert, oppure per fare delle crostate, o anche delle fragranti torte salate

Favette dei morti, ricetta e ingredienti

Per la ricorrenza odierna ho preparato un dolce tradizionale di molte regioni italiane, le favette dei morti

Corsi - Prevenzione a tavola

Ricette autunnali, è online il nuovo corso di cucina di Prevenzione a Tavola

Menù giornalieri equilibrati per affrontare il cambio di stagione senza malanni

Giornata mondiale dell’alimentazione: tra coscienza e consapevolezza

Oggi in 150 Paesi si festeggia il World Food Day: da anni Prevenzione a tavola si batte per diffondere una corretta cultura del cibo

Pane di riso cotto fermentato

Una ricetta squisita che ci permette di recuperare gli avanzi di un pasto precedente. Ecco come si prepara

Corsi - Prevenzione a tavola

Pancake alle carote con farina di mandorla e semi di papavero

Una rivisitazione più sana, leggera e nutriente del famosissimo dolce americano per la prima colazione

Troppo fruttosio mette a rischio il fegato

Secondo un nuovo studio causa la steatosi epatica non alcolica

Chi mangia pasta ha un’alimentazione più sana e più ricca di nutrienti

E presenta un'assunzione giornaliera inferiore di grassi saturi e zuccheri aggiunti, rispetto a chi non la mangia

Con la soia diminuiscono le recidive di cancro al seno

La ricerca scientifica ha ampiamente dimostrato come il consumo di cibi tradizionali a base di soia riduca il rischio di recidive e mortalità

Quercetina: la molecola di frutta e verdura che contrasta il Covid-19

Si tratta della quercetina, contenuta in molti frutti, verdure e ortaggi comuni. E anche in vino rosso e thè. Ecco lo studio che dà una speranza in più nella lotta contro il coronavirus

Torta alle mele con grano saraceno ed estratto di liquirizia

La torta che prepariamo oggi è un piacere per le pupille gustative e anche per gli occhi. Ecco la ricetta della Torta alle mele con grano saraceno ed estratto di liquirizia

Le tortine di farro rivisitate da una nostra allieva

Valentina, una studentessa di Prevenzione a Tavola, ha realizzato una delle nostre ricette con qualche piccola variante che noi abbiamo molto apprezzato