I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Come togliere una zecca dalla pelle

Basteranno delle semplici pinzette per rimuoverla

Pubblicato il 28/04/2015 da Prevenzione a tavola

Se trovate una zecca attaccata alla vostra pelle NON andate in panico. Ci sono diversi strumenti per la rimozione delle zecche, ma basteranno delle semplici pinzette per toglierle. Questi minuscoli insetti pungono in tutti i periodi dell'anno, ma la loro attività diventa particolarmente intensa in primavera e autunno. Per cui se capita di fare qualche escursione in campagna si sconsigliano pantaloni e magliette corte: meglio indossare indumenti stretti e lunghi, così da impedire che le zecche vengano a contatto con la pelle. Un'altra raccomandazione è di vestirsi con indumenti chiari in modo da notare più facilmente la presenza delle zecche.

Come togliere una zecca dalla pelle con le pinzette


1. Usate delle pinzette dalla punta fine e afferrate la zecca il più possibile vicino alla superficie della pelle 2. Tirate su senza muovere a scatti o torcere la zecca in quanto procedendo in questo modo la parte della bocca dell'insetto potrebbe rimanere incastrata nella pelle: se dovesse capitare rimuovetela con le pinzette. 3. Dopo aver rimosso la zecca pulite bene l'area del morso e le mani. 4. Sbarazzatevi della zecca e non schiacciatela mai con le dita

Come togliere una zecca dalla pelle: cosa succede se si stacca accidentalmente

Leggiamo su Mypersonaltrainer: "Il morso di zecca, di per sé, non è grave. Il problema principale, piuttosto, è costituito dai microorganismi che s'insidiano nelle zecche: gli aracnidi in generale, e le zecche in particolare, sono considerati infatti vettori di malattie. In parole semplici, i parassiti, quali per esempio virus o batteri, intaccano le zecche: queste ultime, ghiotte di sangue, aderiscono alla superficie cutanea dell'uomo, trasmettendo così il battere/virus all'ospite, tramite la puntura o il morso. Il più delle volte, la puntura di zecca passa inosservata perché indolore: questo rappresenta un grosso limite, soprattutto per la diagnosi del problema, spesso confusa ed incerta. La zecca, dopo la puntura, si può staccare accidentalmente: in genere, la zona intaccata appare leggermente infiammata e gonfia. Dopo alcuni giorni, l'infiammazione si espande, causando eruzioni più o meno fastidiose".



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Mangiare frutta e verdura rende felici

Uno studio dimostra che il benessere individuale cresce all'aumentare delle porzioni di frutta e verdura

Se mangi cavolo viola la tua salute ti ringrazierà

Ricco di vitamine, ottimo per la salute degli occhi e per abbassare il colesterolo

Zuppa di borlotti con maltagliati fatti in casa

Berrino: come invecchiare in salute con la corretta alimentazione

Il cibo è la nostra arma più forte contro le malattie croniche

Come usare gli agrumi per combattere tosse, mal di gola, raffreddore

I trucchi del contadino a base di agrumi contro i malanni di stagione

Corsi - Prevenzione a tavola

Muffin con olive e capperi agli aromi

Oggi prepariamo di gustosi muffin salati buonissimi ma ottimi per il nostro organismo

Cosa mangiare per combattere il freddo

Arriva la “dieta universale” per prevenire le malattie e salvare il pianeta

Corsi - Prevenzione a tavola

Quanti grammi di fibre e cereali integrali servono contro cancro, diabete e infarto?

Il sale rosa dell’Himalaya fa bene?

Sento spesso farmi questa domanda: ”Il sale rosa fa bene? E’ meglio di quello bianco?”

Come stufare carciofi e cicoria

uUn accostamento semplice che unisce due sapori particolari che insieme si armonizzano

Il dolcificante fa davvero perdere peso?

Veronesi: le sostanze anti-cancro di frutta e verdura

Come proteggerci dalle numerose sostanze potenzialmente cancerogene intorno a noi

10 ottime ragioni per portare in tavola il radicchio rosso

Moltissimi benefici per la nostra salute

La carne rossa collegata al rischio infarti e ictus

Troppa carne rossa mette in circolo una sostanza legata al rischio cuore