I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Come togliere una zecca dalla pelle

Basteranno delle semplici pinzette per rimuoverla

Pubblicato il 28/04/2015 da Prevenzione a tavola

Se trovate una zecca attaccata alla vostra pelle NON andate in panico. Ci sono diversi strumenti per la rimozione delle zecche, ma basteranno delle semplici pinzette per toglierle. Questi minuscoli insetti pungono in tutti i periodi dell'anno, ma la loro attività diventa particolarmente intensa in primavera e autunno. Per cui se capita di fare qualche escursione in campagna si sconsigliano pantaloni e magliette corte: meglio indossare indumenti stretti e lunghi, così da impedire che le zecche vengano a contatto con la pelle. Un'altra raccomandazione è di vestirsi con indumenti chiari in modo da notare più facilmente la presenza delle zecche.

Come togliere una zecca dalla pelle con le pinzette


1. Usate delle pinzette dalla punta fine e afferrate la zecca il più possibile vicino alla superficie della pelle 2. Tirate su senza muovere a scatti o torcere la zecca in quanto procedendo in questo modo la parte della bocca dell'insetto potrebbe rimanere incastrata nella pelle: se dovesse capitare rimuovetela con le pinzette. 3. Dopo aver rimosso la zecca pulite bene l'area del morso e le mani. 4. Sbarazzatevi della zecca e non schiacciatela mai con le dita

Come togliere una zecca dalla pelle: cosa succede se si stacca accidentalmente

Leggiamo su Mypersonaltrainer: "Il morso di zecca, di per sé, non è grave. Il problema principale, piuttosto, è costituito dai microorganismi che s'insidiano nelle zecche: gli aracnidi in generale, e le zecche in particolare, sono considerati infatti vettori di malattie. In parole semplici, i parassiti, quali per esempio virus o batteri, intaccano le zecche: queste ultime, ghiotte di sangue, aderiscono alla superficie cutanea dell'uomo, trasmettendo così il battere/virus all'ospite, tramite la puntura o il morso. Il più delle volte, la puntura di zecca passa inosservata perché indolore: questo rappresenta un grosso limite, soprattutto per la diagnosi del problema, spesso confusa ed incerta. La zecca, dopo la puntura, si può staccare accidentalmente: in genere, la zona intaccata appare leggermente infiammata e gonfia. Dopo alcuni giorni, l'infiammazione si espande, causando eruzioni più o meno fastidiose".



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La curcuma è in grado di uccidere le cellule tumorali

I ricercatori hanno scoperto che unendola al platino riesce a uccidere le cellule malate

Psoriasi? Ci pensa la dieta mediterranea

Studio condotto su oltre 3500 persone colpite da malattia dà ottimi risultati

Come conservare l’olio extravergine di oliva

Esistono diverse accortezze, come tenere l'olio al riparo da luce, calore e ossigeno

Cosa pensa davvero l’ONU di parmigiano, olio d’oliva e prosciutto

Siamo tornati sull'argomento per fare chiarezza su quello che è avvenuto realmente

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

Corsi - Prevenzione a tavola

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'

Scoperto perché una mela al giorno leva il medico di torno

Il segreto è contenuto nei polifenoli che hanno un ruolo decisivo nel microbiota dell'intestino

Corsi - Prevenzione a tavola

La ricetta dell’Acquasale pugliese, piatto povero ma ricco

Acquasale, una tipica ricetta Salentina povera negli ingredienti ma ricca in principi nutritivi

I valori nutrizionali della farina di grano duro

La classificazione degli sfarinati e la superiorità nutrizionale della farina integrale e dei suoi derivati

Alla scoperta della Meloncella, frutto-verdura dalle mille virtù

La meloncella del Salento è ricchissima di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

Conoscete la cottura passiva?

La cottura passiva fa risparmiare e conserva tutti i nutrienti

Il tè verde mantiene il cuore in salute e contrasta l’infarto

Il merito potrebbe essere di una sostanza antiossidante contenuta nel tè verde

Il mango contrasta stitichezza e intestino pigro

Studio rivela che basta un mango uno al giorno

Tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno in un’unica ciotola

Impariamo a preparare la ciotola di Buddha per un pasto sano e completo