I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Come togliere una zecca dalla pelle

Basteranno delle semplici pinzette per rimuoverla

Pubblicato il 28/04/2015 da Prevenzione a tavola

Se trovate una zecca attaccata alla vostra pelle NON andate in panico. Ci sono diversi strumenti per la rimozione delle zecche, ma basteranno delle semplici pinzette per toglierle. Questi minuscoli insetti pungono in tutti i periodi dell'anno, ma la loro attività diventa particolarmente intensa in primavera e autunno. Per cui se capita di fare qualche escursione in campagna si sconsigliano pantaloni e magliette corte: meglio indossare indumenti stretti e lunghi, così da impedire che le zecche vengano a contatto con la pelle. Un'altra raccomandazione è di vestirsi con indumenti chiari in modo da notare più facilmente la presenza delle zecche.

Come togliere una zecca dalla pelle con le pinzette


1. Usate delle pinzette dalla punta fine e afferrate la zecca il più possibile vicino alla superficie della pelle 2. Tirate su senza muovere a scatti o torcere la zecca in quanto procedendo in questo modo la parte della bocca dell'insetto potrebbe rimanere incastrata nella pelle: se dovesse capitare rimuovetela con le pinzette. 3. Dopo aver rimosso la zecca pulite bene l'area del morso e le mani. 4. Sbarazzatevi della zecca e non schiacciatela mai con le dita

Come togliere una zecca dalla pelle: cosa succede se si stacca accidentalmente

Leggiamo su Mypersonaltrainer: "Il morso di zecca, di per sé, non è grave. Il problema principale, piuttosto, è costituito dai microorganismi che s'insidiano nelle zecche: gli aracnidi in generale, e le zecche in particolare, sono considerati infatti vettori di malattie. In parole semplici, i parassiti, quali per esempio virus o batteri, intaccano le zecche: queste ultime, ghiotte di sangue, aderiscono alla superficie cutanea dell'uomo, trasmettendo così il battere/virus all'ospite, tramite la puntura o il morso. Il più delle volte, la puntura di zecca passa inosservata perché indolore: questo rappresenta un grosso limite, soprattutto per la diagnosi del problema, spesso confusa ed incerta. La zecca, dopo la puntura, si può staccare accidentalmente: in genere, la zona intaccata appare leggermente infiammata e gonfia. Dopo alcuni giorni, l'infiammazione si espande, causando eruzioni più o meno fastidiose".



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La carne rossa collegata al rischio infarti e ictus

Troppa carne rossa mette in circolo una sostanza legata al rischio cuore

Non causa solo ipertensione: nuova ricerca svela i rischi del sale

Ecco cosa si rischia con una dieta ad alto contenuto di sale

Il caffè può rallentare il Parkinson

I ricercatori hanno scoperto le potenzialità di due composti del caffè

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Corsi - Prevenzione a tavola

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale

Corsi - Prevenzione a tavola

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina

La ricetta dello strudel di zucca

Oggi prepariamo un dolce buono e sano che non ci farà sentire in colpa, lo strudel di zucca

Ecco la frutta che ti salva da infarto e ictus

Le antocianine presenti in alcuni tipi di frutta rappresentano uno scudo per la salute del cuore

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente