I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Ghee, il burro privo di lattosio e caseina e ricco di vitamine

È facile da preparare, economico e ha innumerevoli benefici

Pubblicato il 27/04/2015 da Dolce Senza Zucchero

Una delle mie ricette preferite di sempre è il ghee. Se mi dovessi chiedere se c’è una cosa sola alla quale non potrei mai rinunciare (o senza la quale cambierebbero in maniera drastica le mie ricette) sarebbe il ghee. In moltissime delle mie ricette c’è il ghee e non è facile sostituirlo. Di cosa si tratta? Nel mio primo libro di ricette (che uscirà nel mese di maggio) ho pubblicato la ricetta passo per passo su come realizzare il ghee in maniera casalinga, velocemente ed economicamente. Qui invece, voglio condividere con te i passaggi per la sua realizzazione ed anche perché lo utilizzo.  [acquistalo qui]

Quando Luca ed io abbiamo iniziato a lavorare la prima volta sugli ingredienti che dovevamo eliminare, era chiaro che dovevamo eliminare anche i latticini (a causa del lattosio: il lattosio è lo zucchero del latte che ha un indice insulinico molto alto, scarica da qui la tabella completa con gli ingredienti e il loro valore di lattosio) dalla nostra dieta. Il caso (anche se io non ci credo nelle coincidenze, oserei dire più che si sia trattato di una sincronia di eventi) volle che in quel periodo io avessi iniziato una cura con il mio medico ayurvedico, il quale mi aveva consigliato una dieta. L’alimentazione che lui mi aveva proposto consisteva in cibi integrali e veri, possibilmente biologici, con poche proteine animali. Ed anche se mi aveva sconsigliato una dieta priva di latticini, l’unico alimento a base di latte largamente consigliato da lui era il ghee. Non sapevo che quel piccolo suggerimento mi avrebbe cambiato la vita.

Dunque, cosa è il ghee? La definizione più semplice è che il ghee o burro chiarificato è il burro privato dalla sua parte di acqua e delle particelle di latte. La spiegazione più complessa è che il ghee è una specifica variante di burro, utilizzato da milenni nella cultura ayurvedica, ed al quale si attribuisce un grande potere curativo e nutrizionale.

INGREDIENTI

Per ricetta base:

Burro

Per ricetta del ghee aromatizzato:

200g di ghee (burro chiarificato) [acquistalo qui] 1 mazzetto di prezzemolo fresco buccia di 2 limoni un pizzico di sale dell’ Himalaya [acquistalo qui]

Preparazione

1. Sciogli il panetto di burro a bagnomaria lentamente e senza mai mischiare.

2. Una volta che è diventato liquido, versa il ghee liquido molto attentamente, facendo attenzione a lasciare i sedimenti del latticello.

3. Travasalo ed aggiungi il prezzemolo, il sale e la buccia di due limoni al ghee e mescola energeticamente.

4. Lascia a temperatura ambiente e poi conserva nel frigorifero a tempo indeterminato (non ha scadenza).

Oltre ad essere privo di lattosio e caseina (non al 100%, pertanto valuta questo aspetto nel caso in cui tu sia intollerante o allergica), il ghee contiene notevoli quantità di vitamine A, E e K. La medicina ayurvedica inoltre attribuisce proprietà rinvigorenti e favorevoli alla stimolazione dell’intelletto. Il ghee è naturalmente antibatterico, antivirale e antifungale. Io lo ho sperimento con grande successo applicandolo su herpes labiale oppure su piccole ferite. Nei casi in cui siano presenti acidità dello stomaco o reflusso gastrico, i medici ayurvedici raccomandano il consumo di ghee per alleviarne i sintomi. Io l’ho sperimentato direttamente con il mio gatto e i risultati sono stati veloci e molto soddisfacenti (parola di Rocky, il mio gatto ;-)).

Forse potrebbe interessarti anche la ricetta della Pizza con le Zucchine (Senza Farina, Senza Lievito, Senza Glutine)



banner basso postfucina





Dolce Senza Zucchero

Dolce Senza Zucchero
Foodblogger

Ho creato il blog di Dolce Senza Zucchero con l’intento di ispirare altre persone a credere che un’alimentazione naturale e biologica sia il primo passo per migliorare la qualità della vita, e che gestire con serenità e portare una malattia autoimmune ad uno stato di equilibrio sia possibile. Il mio rapporto con la cucina naturale sarà per ... LEGGI »

Seguilo su:Blog


  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Il caffè può rallentare il Parkinson

I ricercatori hanno scoperto le potenzialità di due composti del caffè

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Corsi - Prevenzione a tavola

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina

La ricetta dello strudel di zucca

Oggi prepariamo un dolce buono e sano che non ci farà sentire in colpa, lo strudel di zucca

Corsi - Prevenzione a tavola

Ecco la frutta che ti salva da infarto e ictus

Le antocianine presenti in alcuni tipi di frutta rappresentano uno scudo per la salute del cuore

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali