I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Ghee, il burro privo di lattosio e caseina e ricco di vitamine

È facile da preparare, economico e ha innumerevoli benefici

Pubblicato il 27/04/2015 da Dolce Senza Zucchero

Una delle mie ricette preferite di sempre è il ghee. Se mi dovessi chiedere se c’è una cosa sola alla quale non potrei mai rinunciare (o senza la quale cambierebbero in maniera drastica le mie ricette) sarebbe il ghee. In moltissime delle mie ricette c’è il ghee e non è facile sostituirlo. Di cosa si tratta? Nel mio primo libro di ricette (che uscirà nel mese di maggio) ho pubblicato la ricetta passo per passo su come realizzare il ghee in maniera casalinga, velocemente ed economicamente. Qui invece, voglio condividere con te i passaggi per la sua realizzazione ed anche perché lo utilizzo.  [acquistalo qui]

Quando Luca ed io abbiamo iniziato a lavorare la prima volta sugli ingredienti che dovevamo eliminare, era chiaro che dovevamo eliminare anche i latticini (a causa del lattosio: il lattosio è lo zucchero del latte che ha un indice insulinico molto alto, scarica da qui la tabella completa con gli ingredienti e il loro valore di lattosio) dalla nostra dieta. Il caso (anche se io non ci credo nelle coincidenze, oserei dire più che si sia trattato di una sincronia di eventi) volle che in quel periodo io avessi iniziato una cura con il mio medico ayurvedico, il quale mi aveva consigliato una dieta. L’alimentazione che lui mi aveva proposto consisteva in cibi integrali e veri, possibilmente biologici, con poche proteine animali. Ed anche se mi aveva sconsigliato una dieta priva di latticini, l’unico alimento a base di latte largamente consigliato da lui era il ghee. Non sapevo che quel piccolo suggerimento mi avrebbe cambiato la vita.

Dunque, cosa è il ghee? La definizione più semplice è che il ghee o burro chiarificato è il burro privato dalla sua parte di acqua e delle particelle di latte. La spiegazione più complessa è che il ghee è una specifica variante di burro, utilizzato da milenni nella cultura ayurvedica, ed al quale si attribuisce un grande potere curativo e nutrizionale.

INGREDIENTI

Per ricetta base:

Burro

Per ricetta del ghee aromatizzato:

200g di ghee (burro chiarificato) [acquistalo qui] 1 mazzetto di prezzemolo fresco buccia di 2 limoni un pizzico di sale dell’ Himalaya [acquistalo qui]

Preparazione

1. Sciogli il panetto di burro a bagnomaria lentamente e senza mai mischiare.

2. Una volta che è diventato liquido, versa il ghee liquido molto attentamente, facendo attenzione a lasciare i sedimenti del latticello.

3. Travasalo ed aggiungi il prezzemolo, il sale e la buccia di due limoni al ghee e mescola energeticamente.

4. Lascia a temperatura ambiente e poi conserva nel frigorifero a tempo indeterminato (non ha scadenza).

Oltre ad essere privo di lattosio e caseina (non al 100%, pertanto valuta questo aspetto nel caso in cui tu sia intollerante o allergica), il ghee contiene notevoli quantità di vitamine A, E e K. La medicina ayurvedica inoltre attribuisce proprietà rinvigorenti e favorevoli alla stimolazione dell’intelletto. Il ghee è naturalmente antibatterico, antivirale e antifungale. Io lo ho sperimento con grande successo applicandolo su herpes labiale oppure su piccole ferite. Nei casi in cui siano presenti acidità dello stomaco o reflusso gastrico, i medici ayurvedici raccomandano il consumo di ghee per alleviarne i sintomi. Io l’ho sperimentato direttamente con il mio gatto e i risultati sono stati veloci e molto soddisfacenti (parola di Rocky, il mio gatto ;-)).

Forse potrebbe interessarti anche la ricetta della Pizza con le Zucchine (Senza Farina, Senza Lievito, Senza Glutine)



banner basso postfucina





Dolce Senza Zucchero

Dolce Senza Zucchero
Foodblogger

Ho creato il blog di Dolce Senza Zucchero con l’intento di ispirare altre persone a credere che un’alimentazione naturale e biologica sia il primo passo per migliorare la qualità della vita, e che gestire con serenità e portare una malattia autoimmune ad uno stato di equilibrio sia possibile. Il mio rapporto con la cucina naturale sarà per ... LEGGI »

Seguilo su:Blog


  • Segui Prevenzione a Tavola:





NOTIZIE + RECENTI

Ecco i cibi che causano 500mila morti l’anno per malattie di cuore

Da Oms guerra a grassi trans, eliminarli dalla dieta

Frutta verdure e pesce tengono le rughe lontane

A evidenziarlo è uno studio dell'Erasmus Medical Centre di Rotterdam

Olio extravergine d’oliva: meglio DOP o IGP?

Il legame col territorio è dunque più forte nel DOP piuttosto che nell’IGP

Perché scegliere una birra artigianale?

Tra le altre cose ha un maggiore contenuto in vitamine e minerali rispetto ad una birra filtrata

Ecco cosa succede al cervello se mangiamo cioccolato fondente

Il cioccolato fondente è anti-infiammatorio e antistress

Corsi - Prevenzione a tavola

Il miglio previene diabete e cancro

È un cereale ricco di ferro, fosforo, magnesio, vitamine del gruppo B e soprattutto di acido folico

La carne dei fast food è da demonizzare?

Basta evitare patatine fritte, salse e bevande zuccherate e tenere a mente le raccomandazioni anti-cancro

Gli effetti di verdure, yogurt, tè e cioccolato sul fegato

Studio su cirrosi epatica, più diversità batteri intestino

Corsi - Prevenzione a tavola

La frutta secca fa battere il cuore a un ritmo regolare

Il consumo riduce il rischio di fibrillazione atriale

Perché scegliere i grani antichi?

Coltivare i grani antichi significa salvaguardare queste specie vegetali ed impedire che si estinguano

I ravanelli fanno benissimo al nostro organismo

Ha importanti facoltà antiossidanti e depurative, un ottimo aiuto per il fegato e la cistifellea

Cosa succede se si beve una birra in gravidanza?

Anche le bevande con gradazione alcolica medio-bassa sono pericolose in gravidanza

Ecco come scegliere il miglior olio extravergine d’oliva

Il miglior olio evo? Fruttato, amaro e piccante

Latte di mandorla: ottimo alleato per le ossa

Tra le bevande vegetali, è quello che contiene un maggior quantitativo di calcio, magnesio e fosforo

Come orientarsi tra i diversi tipi di farina

La nutrizionista spiega la differenza tra farine integrali, tipo 00, tipo 0, tipo 1, tipo 2, di manitoba, di grano duro, di grano tenero