I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Aceto di miele: l’oro liquido che fa digerire meglio

Un antichissima ricetta ottenuta dalla fermentazione di acqua e miele

Pubblicato il 24/04/2015 da Prevenzione a tavola
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

La scorsa settimana siamo andati a trovare l'apicoltore Giorgio Torazza nella sua cascina a Ceresole D'Alba, in provincia di Cuneo. Tra le altre cose, ci ha spiegato come si produce l'aceto di miele e ci ha parlato delle sue proprietà benefiche. Si tratta di un prodotto antichissimo, che si ottiene con la fermentazione di acqua e miele. Da acqua e miele si ottine l'idromele, che si lascia a fermentare e quando si trasforma in una specie di vino lo si lascia aperto e diventa aceto. L'aceto di miele ricco di enzimi e sali minerali, che servono per creare una flora batterica intestinale giusta. Questo aceto aiuta a migliorare il funzionamento dell'intestino. Si può usare nell'insalata e negli agrodolci, ed è ottimo per la preparazione di bevande dissetanti.

Le proprietà dell'aceto di miele

L'aceto di miele stimola le funzioni gastriche e svolge un'azione antifermentativa, quindi utile contro i gonfiori addominali. Per di più risulta essere maggiormente efficace rispetto ad altri tipi di aceto grazie agli enzimi e agli aminoacidi presenti nel miele. L'aceto di miele è un alimento leggero e facilmente digeribile, caratterizzato da un sapore acre, meno pungente, e viene gradito anche da coloro che solitamente non amano il sapore caratteristico dell’aceto.  Affinché l'aceto di miele conservi tutte le sue proprietà deve essere NON pastorizzato e meglio se biologico.

La ricetta: Insalata di arance e finocchi alle mandorle e vinagrette al miele

Con l'aceto di miele potete preparare la vinagrette al miele per poi utilizzarla in una squisita insalata vegetariana, senza glutine e ideale per i bambini. Vediamo la ricetta (da The Honeyland) per 2 persone:

Ingredienti:

1 di arancia Novel di Sicilia bio 1 di finocchio bio (di media dimensione) 7-8 mandorle di Sicilia bio (leggermente tostate)

Ingredienti salsa al miele

3 cucchiai di di olio evo bio 1 cucchiaio di di aceto di miele bio non pastorizzato 1 cucchiaiono di di miele di melata di agrumi bio sale e pepe q.b.

Preparazione vinagrette al miele di melata

Preparare la salsa prima dell’insalata.

Al miele aggiungete l’olio evo, l’aceto di miele, il sale, il pepe mescolando bene con una piccola frusta per emulsionare il tutto. Grazie al miele questa salsa vinagrette ha una consistenza più densa. Trasferiteli in una ciotola.

Preparazione insalata

Lavate bene tutti gli ingredienti. Mondate i finocchi, eliminando la parte del gambo e la prima foglia più legnosa. Tagliarlo in 4 spicchi e affettateli molto sottilmente (ancora più veloce se avete una mandolina) Trasferite i finocchi affettati nella ciotola con la vinagrette (per un risultato ancora più saporito lasciateli a marinare ben coperti circa 15-30 minuti in frigo). Tritare grossolanamente le mandorle. Sbucciate l’arancia al vivo con un coltello molto affilato, in modo da non far perdere troppo succo. Dividetela in spicchi, eliminando anche la pellicina amarognola che li ricopre. Tagliarli a metà. Per un maggiore effetto decorativo potete lasciarli anche a spicchi. Disponete i finocchi nel piatto da servire, le arance e spolverate i pezzi di mandorle sopra. Versatela la vinagrette sulla vostra insalata e servite subito.

Fonte: theHoneyLand



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





NOTIZIE + RECENTI

Ecco i cibi che causano 500mila morti l’anno per malattie di cuore

Da Oms guerra a grassi trans, eliminarli dalla dieta

Frutta verdure e pesce tengono le rughe lontane

A evidenziarlo è uno studio dell'Erasmus Medical Centre di Rotterdam

Olio extravergine d’oliva: meglio DOP o IGP?

Il legame col territorio è dunque più forte nel DOP piuttosto che nell’IGP

Perché scegliere una birra artigianale?

Tra le altre cose ha un maggiore contenuto in vitamine e minerali rispetto ad una birra filtrata

Ecco cosa succede al cervello se mangiamo cioccolato fondente

Il cioccolato fondente è anti-infiammatorio e antistress

Corsi - Prevenzione a tavola

Il miglio previene diabete e cancro

È un cereale ricco di ferro, fosforo, magnesio, vitamine del gruppo B e soprattutto di acido folico

La carne dei fast food è da demonizzare?

Basta evitare patatine fritte, salse e bevande zuccherate e tenere a mente le raccomandazioni anti-cancro

Gli effetti di verdure, yogurt, tè e cioccolato sul fegato

Studio su cirrosi epatica, più diversità batteri intestino

Corsi - Prevenzione a tavola

La frutta secca fa battere il cuore a un ritmo regolare

Il consumo riduce il rischio di fibrillazione atriale

Perché scegliere i grani antichi?

Coltivare i grani antichi significa salvaguardare queste specie vegetali ed impedire che si estinguano

I ravanelli fanno benissimo al nostro organismo

Ha importanti facoltà antiossidanti e depurative, un ottimo aiuto per il fegato e la cistifellea

Cosa succede se si beve una birra in gravidanza?

Anche le bevande con gradazione alcolica medio-bassa sono pericolose in gravidanza

Ecco come scegliere il miglior olio extravergine d’oliva

Il miglior olio evo? Fruttato, amaro e piccante

Latte di mandorla: ottimo alleato per le ossa

Tra le bevande vegetali, è quello che contiene un maggior quantitativo di calcio, magnesio e fosforo

Come orientarsi tra i diversi tipi di farina

La nutrizionista spiega la differenza tra farine integrali, tipo 00, tipo 0, tipo 1, tipo 2, di manitoba, di grano duro, di grano tenero