I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Aceto di miele: l’oro liquido che fa digerire meglio

Un antichissima ricetta ottenuta dalla fermentazione di acqua e miele

Pubblicato il 24/04/2015 da Prevenzione a tavola
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

La scorsa settimana siamo andati a trovare l'apicoltore Giorgio Torazza nella sua cascina a Ceresole D'Alba, in provincia di Cuneo. Tra le altre cose, ci ha spiegato come si produce l'aceto di miele e ci ha parlato delle sue proprietà benefiche. Si tratta di un prodotto antichissimo, che si ottiene con la fermentazione di acqua e miele. Da acqua e miele si ottine l'idromele, che si lascia a fermentare e quando si trasforma in una specie di vino lo si lascia aperto e diventa aceto. L'aceto di miele ricco di enzimi e sali minerali, che servono per creare una flora batterica intestinale giusta. Questo aceto aiuta a migliorare il funzionamento dell'intestino. Si può usare nell'insalata e negli agrodolci, ed è ottimo per la preparazione di bevande dissetanti.

Le proprietà dell'aceto di miele

L'aceto di miele stimola le funzioni gastriche e svolge un'azione antifermentativa, quindi utile contro i gonfiori addominali. Per di più risulta essere maggiormente efficace rispetto ad altri tipi di aceto grazie agli enzimi e agli aminoacidi presenti nel miele. L'aceto di miele è un alimento leggero e facilmente digeribile, caratterizzato da un sapore acre, meno pungente, e viene gradito anche da coloro che solitamente non amano il sapore caratteristico dell’aceto.  Affinché l'aceto di miele conservi tutte le sue proprietà deve essere NON pastorizzato e meglio se biologico.

La ricetta: Insalata di arance e finocchi alle mandorle e vinagrette al miele

Con l'aceto di miele potete preparare la vinagrette al miele per poi utilizzarla in una squisita insalata vegetariana, senza glutine e ideale per i bambini. Vediamo la ricetta (da The Honeyland) per 2 persone:

Ingredienti:

1 di arancia Novel di Sicilia bio 1 di finocchio bio (di media dimensione) 7-8 mandorle di Sicilia bio (leggermente tostate)

Ingredienti salsa al miele

3 cucchiai di di olio evo bio 1 cucchiaio di di aceto di miele bio non pastorizzato 1 cucchiaiono di di miele di melata di agrumi bio sale e pepe q.b.

Preparazione vinagrette al miele di melata

Preparare la salsa prima dell’insalata.

Al miele aggiungete l’olio evo, l’aceto di miele, il sale, il pepe mescolando bene con una piccola frusta per emulsionare il tutto. Grazie al miele questa salsa vinagrette ha una consistenza più densa. Trasferiteli in una ciotola.

Preparazione insalata

Lavate bene tutti gli ingredienti. Mondate i finocchi, eliminando la parte del gambo e la prima foglia più legnosa. Tagliarlo in 4 spicchi e affettateli molto sottilmente (ancora più veloce se avete una mandolina) Trasferite i finocchi affettati nella ciotola con la vinagrette (per un risultato ancora più saporito lasciateli a marinare ben coperti circa 15-30 minuti in frigo). Tritare grossolanamente le mandorle. Sbucciate l’arancia al vivo con un coltello molto affilato, in modo da non far perdere troppo succo. Dividetela in spicchi, eliminando anche la pellicina amarognola che li ricopre. Tagliarli a metà. Per un maggiore effetto decorativo potete lasciarli anche a spicchi. Disponete i finocchi nel piatto da servire, le arance e spolverate i pezzi di mandorle sopra. Versatela la vinagrette sulla vostra insalata e servite subito.

Fonte: theHoneyLand



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'

Scoperto perché una mela al giorno leva il medico di torno

Il segreto è contenuto nei polifenoli che hanno un ruolo decisivo nel microbiota dell'intestino

La ricetta dell’Acquasale pugliese, piatto povero ma ricco

Acquasale, una tipica ricetta Salentina povera negli ingredienti ma ricca in principi nutritivi

Corsi - Prevenzione a tavola

I valori nutrizionali della farina di grano duro

La classificazione degli sfarinati e la superiorità nutrizionale della farina integrale e dei suoi derivati

Alla scoperta della Meloncella, frutto-verdura dalle mille virtù

La meloncella del Salento è ricchissima di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

Conoscete la cottura passiva?

La cottura passiva fa risparmiare e conserva tutti i nutrienti

Corsi - Prevenzione a tavola

Il tè verde mantiene il cuore in salute e contrasta l’infarto

Il merito potrebbe essere di una sostanza antiossidante contenuta nel tè verde

Il mango contrasta stitichezza e intestino pigro

Studio rivela che basta un mango uno al giorno

Tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno in un’unica ciotola

Impariamo a preparare la ciotola di Buddha per un pasto sano e completo

Perché è bene consumare mandorle italiane

Le mandorle rappresentano un'ottima merenda, sana, nutriente e saziante

Cosa significano i numeri e le lettere sulle uova?

Importante informarsi per sapere che tipo di uova stiamo acquistando

Le uova non aumentano il colesterolo né rovinano il fegato

Sfiatiamo un falso mito e facciamo chiarezza sul ruolo delle uova nella nostra alimentazione

La pasta madre: proprietà, benefici e vantaggi in cucina

Anche chiamato lievito madre, migliora la regolazione della glicemia e la digeribilità dei prodotti