I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Aceto di miele: l’oro liquido che fa digerire meglio

Un antichissima ricetta ottenuta dalla fermentazione di acqua e miele

Pubblicato il 24/04/2015 da Prevenzione a tavola
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

La scorsa settimana siamo andati a trovare l'apicoltore Giorgio Torazza nella sua cascina a Ceresole D'Alba, in provincia di Cuneo. Tra le altre cose, ci ha spiegato come si produce l'aceto di miele e ci ha parlato delle sue proprietà benefiche. Si tratta di un prodotto antichissimo, che si ottiene con la fermentazione di acqua e miele. Da acqua e miele si ottine l'idromele, che si lascia a fermentare e quando si trasforma in una specie di vino lo si lascia aperto e diventa aceto. L'aceto di miele ricco di enzimi e sali minerali, che servono per creare una flora batterica intestinale giusta. Questo aceto aiuta a migliorare il funzionamento dell'intestino. Si può usare nell'insalata e negli agrodolci, ed è ottimo per la preparazione di bevande dissetanti.

Le proprietà dell'aceto di miele

L'aceto di miele stimola le funzioni gastriche e svolge un'azione antifermentativa, quindi utile contro i gonfiori addominali. Per di più risulta essere maggiormente efficace rispetto ad altri tipi di aceto grazie agli enzimi e agli aminoacidi presenti nel miele. L'aceto di miele è un alimento leggero e facilmente digeribile, caratterizzato da un sapore acre, meno pungente, e viene gradito anche da coloro che solitamente non amano il sapore caratteristico dell’aceto.  Affinché l'aceto di miele conservi tutte le sue proprietà deve essere NON pastorizzato e meglio se biologico.

La ricetta: Insalata di arance e finocchi alle mandorle e vinagrette al miele

Con l'aceto di miele potete preparare la vinagrette al miele per poi utilizzarla in una squisita insalata vegetariana, senza glutine e ideale per i bambini. Vediamo la ricetta (da The Honeyland) per 2 persone:

Ingredienti:

1 di arancia Novel di Sicilia bio 1 di finocchio bio (di media dimensione) 7-8 mandorle di Sicilia bio (leggermente tostate)

Ingredienti salsa al miele

3 cucchiai di di olio evo bio 1 cucchiaio di di aceto di miele bio non pastorizzato 1 cucchiaiono di di miele di melata di agrumi bio sale e pepe q.b.

Preparazione vinagrette al miele di melata

Preparare la salsa prima dell’insalata.

Al miele aggiungete l’olio evo, l’aceto di miele, il sale, il pepe mescolando bene con una piccola frusta per emulsionare il tutto. Grazie al miele questa salsa vinagrette ha una consistenza più densa. Trasferiteli in una ciotola.

Preparazione insalata

Lavate bene tutti gli ingredienti. Mondate i finocchi, eliminando la parte del gambo e la prima foglia più legnosa. Tagliarlo in 4 spicchi e affettateli molto sottilmente (ancora più veloce se avete una mandolina) Trasferite i finocchi affettati nella ciotola con la vinagrette (per un risultato ancora più saporito lasciateli a marinare ben coperti circa 15-30 minuti in frigo). Tritare grossolanamente le mandorle. Sbucciate l’arancia al vivo con un coltello molto affilato, in modo da non far perdere troppo succo. Dividetela in spicchi, eliminando anche la pellicina amarognola che li ricopre. Tagliarli a metà. Per un maggiore effetto decorativo potete lasciarli anche a spicchi. Disponete i finocchi nel piatto da servire, le arance e spolverate i pezzi di mandorle sopra. Versatela la vinagrette sulla vostra insalata e servite subito.

Fonte: theHoneyLand



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore

Corsi - Prevenzione a tavola

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali

Ricetta del Pan dei morti senza zucchero

Una versione senza zucchero e con farina integrale del Pan dei morti

La ricetta del castagnaccio

Ecco la ricetta sana e genuina del castagnaccio, senza zucchero o latte

Corsi - Prevenzione a tavola

Alla scoperta della Batata, la patata a basso indice glicemico

La batata è il tubero della salute: proprietà nutrizionali e qualche ricetta

La pasta non fa ingrassare ma rende felici

Gli endocrinologi svelano come godersi un piatto di pasta senza ingrassare

Maltagliati di farro con borlotti e castagne

Una ricetta autunnale, sana e golosa

Zuppa di lenticchie con castagne

Ricetta sana e gustosa, perfetta per l'autunno

Come scegliere una buona zucca? Ecco le differenze tra le diverse qualità

Mantovana, Delica, Napoletana, Violina: perché fanno bene e come cucinarle

6 ottimi motivi per mangiare finocchi

I finocchi rappresentano un ottimo alimento per il nostro organismo

Anemia da carenza di ferro? Ecco cosa mangiare

Quali sono i cibi che ne contengono di più?