I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Per guarire ciascuno deve cucinare il proprio cibo

L'invito che noi facciamo è: torniamo in cucina con i nostri figli e facciamo vedere che si possono fare delle cose meravigliose

Pubblicato il 22/04/2015 da Franco Berrino
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

Una domanda che mi si fa sempre più spesso è 'se dovessimo mangiare come lei raccomanda come facciamo? Perché ci vuole molto tempo. Ci vogliono 50 minuti per cuocere il riso integrale, come facciamo?'. Ci sono due considerazioni da fare: uno che non è tanto una questione di tempo, ma è una questione di organizzazione, perché il riso integrale lo puoi mettere su questa sera, quando arrivi a casa. Ci vorrà un po' per cuocere, ma lo prepari per domani e intanto ti mangi qualche cosa che hai preparato ieri. E l'altra considerazione è che non è una perdita di tempo, è un investimento di tempo. E poi, se ci pensate, il tempo lo abbiamo: ci sono delle cose che ci rubano il tempo. Un esempio noto a tutti: la televisione ci ruba il tempo.

René Lévy: "Per guarire ciascuno deve cucinare il proprio cibo"

C'è un grande saggio a cui ho dedicato un capitolo del mio libro: il grande René Lévy, che è stato uno dei miei maestri. Lui diceva: "Non bisogna aprire dei ristoranti macrobiotici, dei ristoranti che ti offrono del cibo che fa bene alla salute, perché per guarire ciascuno deve cucinare il proprio cibo". L'invito che noi facciamo è: torniamo in cucina, torniamo in cucina con i nostri figli, cuciniamo con loro, facciamo vedere che si possono fare delle cose meravigliose molto più buone che non il cibo che ci viene proposto oggi già pronto. Torniamo in cucina e cuciniamo con amore per la nostra famiglia, quando si cucina con amore il cibo diventa buono. Il tempo lo abbiamo, cercate bene nella vostra giornata e vedrete che il tempo ce lo abbiamo.



banner basso postfucina





Franco Berrino

Franco Berrino
Medico ed epidemiologo

Laureatosi in medicina e chirurgia magna cum laude all'università di Torino nel 1969 e specializzatosi in anatomia patologica, si è poi dedicato principalmente all’epidemiologia dei tumori. Dal 1975 lavora all’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano, dove dal 2002 dirige il Dipartimento di medicina preventiva e ... LEGGI »

Seguilo su:Blog


  • Segui Prevenzione a Tavola:





NOTIZIE + RECENTI

Ecco i cibi che causano 500mila morti l’anno per malattie di cuore

Da Oms guerra a grassi trans, eliminarli dalla dieta

Frutta verdure e pesce tengono le rughe lontane

A evidenziarlo è uno studio dell'Erasmus Medical Centre di Rotterdam

Olio extravergine d’oliva: meglio DOP o IGP?

Il legame col territorio è dunque più forte nel DOP piuttosto che nell’IGP

Perché scegliere una birra artigianale?

Tra le altre cose ha un maggiore contenuto in vitamine e minerali rispetto ad una birra filtrata

Ecco cosa succede al cervello se mangiamo cioccolato fondente

Il cioccolato fondente è anti-infiammatorio e antistress

Corsi - Prevenzione a tavola

Il miglio previene diabete e cancro

È un cereale ricco di ferro, fosforo, magnesio, vitamine del gruppo B e soprattutto di acido folico

La carne dei fast food è da demonizzare?

Basta evitare patatine fritte, salse e bevande zuccherate e tenere a mente le raccomandazioni anti-cancro

Gli effetti di verdure, yogurt, tè e cioccolato sul fegato

Studio su cirrosi epatica, più diversità batteri intestino

Corsi - Prevenzione a tavola

La frutta secca fa battere il cuore a un ritmo regolare

Il consumo riduce il rischio di fibrillazione atriale

Perché scegliere i grani antichi?

Coltivare i grani antichi significa salvaguardare queste specie vegetali ed impedire che si estinguano

I ravanelli fanno benissimo al nostro organismo

Ha importanti facoltà antiossidanti e depurative, un ottimo aiuto per il fegato e la cistifellea

Cosa succede se si beve una birra in gravidanza?

Anche le bevande con gradazione alcolica medio-bassa sono pericolose in gravidanza

Ecco come scegliere il miglior olio extravergine d’oliva

Il miglior olio evo? Fruttato, amaro e piccante

Latte di mandorla: ottimo alleato per le ossa

Tra le bevande vegetali, è quello che contiene un maggior quantitativo di calcio, magnesio e fosforo

Come orientarsi tra i diversi tipi di farina

La nutrizionista spiega la differenza tra farine integrali, tipo 00, tipo 0, tipo 1, tipo 2, di manitoba, di grano duro, di grano tenero