I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Per guarire ciascuno deve cucinare il proprio cibo

L'invito che noi facciamo è: torniamo in cucina con i nostri figli e facciamo vedere che si possono fare delle cose meravigliose

Pubblicato il 22/04/2015 da Franco Berrino
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

Una domanda che mi si fa sempre più spesso è 'se dovessimo mangiare come lei raccomanda come facciamo? Perché ci vuole molto tempo. Ci vogliono 50 minuti per cuocere il riso integrale, come facciamo?'. Ci sono due considerazioni da fare: uno che non è tanto una questione di tempo, ma è una questione di organizzazione, perché il riso integrale lo puoi mettere su questa sera, quando arrivi a casa. Ci vorrà un po' per cuocere, ma lo prepari per domani e intanto ti mangi qualche cosa che hai preparato ieri. E l'altra considerazione è che non è una perdita di tempo, è un investimento di tempo. E poi, se ci pensate, il tempo lo abbiamo: ci sono delle cose che ci rubano il tempo. Un esempio noto a tutti: la televisione ci ruba il tempo.

René Lévy: "Per guarire ciascuno deve cucinare il proprio cibo"

C'è un grande saggio a cui ho dedicato un capitolo del mio libro: il grande René Lévy, che è stato uno dei miei maestri. Lui diceva: "Non bisogna aprire dei ristoranti macrobiotici, dei ristoranti che ti offrono del cibo che fa bene alla salute, perché per guarire ciascuno deve cucinare il proprio cibo". L'invito che noi facciamo è: torniamo in cucina, torniamo in cucina con i nostri figli, cuciniamo con loro, facciamo vedere che si possono fare delle cose meravigliose molto più buone che non il cibo che ci viene proposto oggi già pronto. Torniamo in cucina e cuciniamo con amore per la nostra famiglia, quando si cucina con amore il cibo diventa buono. Il tempo lo abbiamo, cercate bene nella vostra giornata e vedrete che il tempo ce lo abbiamo.



banner basso postfucina





Franco Berrino

Franco Berrino
Medico ed epidemiologo

Laureatosi in medicina e chirurgia magna cum laude all'università di Torino nel 1969 e specializzatosi in anatomia patologica, si è poi dedicato principalmente all’epidemiologia dei tumori. Dal 1975 lavora all’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano, dove dal 2002 dirige il Dipartimento di medicina preventiva e ... LEGGI »

Seguilo su:Blog


  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Mangiare frutta e verdura rende felici

Uno studio dimostra che il benessere individuale cresce all'aumentare delle porzioni di frutta e verdura

Se mangi cavolo viola la tua salute ti ringrazierà

Ricco di vitamine, ottimo per la salute degli occhi e per abbassare il colesterolo

Zuppa di borlotti con maltagliati fatti in casa

Berrino: come invecchiare in salute con la corretta alimentazione

Il cibo è la nostra arma più forte contro le malattie croniche

Come usare gli agrumi per combattere tosse, mal di gola, raffreddore

I trucchi del contadino a base di agrumi contro i malanni di stagione

Corsi - Prevenzione a tavola

Muffin con olive e capperi agli aromi

Oggi prepariamo di gustosi muffin salati buonissimi ma ottimi per il nostro organismo

Cosa mangiare per combattere il freddo

Arriva la “dieta universale” per prevenire le malattie e salvare il pianeta

Corsi - Prevenzione a tavola

Quanti grammi di fibre e cereali integrali servono contro cancro, diabete e infarto?

Il sale rosa dell’Himalaya fa bene?

Sento spesso farmi questa domanda: ”Il sale rosa fa bene? E’ meglio di quello bianco?”

Come stufare carciofi e cicoria

uUn accostamento semplice che unisce due sapori particolari che insieme si armonizzano

Il dolcificante fa davvero perdere peso?

Veronesi: le sostanze anti-cancro di frutta e verdura

Come proteggerci dalle numerose sostanze potenzialmente cancerogene intorno a noi

10 ottime ragioni per portare in tavola il radicchio rosso

Moltissimi benefici per la nostra salute

La carne rossa collegata al rischio infarti e ictus

Troppa carne rossa mette in circolo una sostanza legata al rischio cuore