I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Polpette di quinoa senza glutine e latticini

Una ricetta a basso indice glicemico e ad alto contenuto proteico e di fibre

Pubblicato il 16/04/2015 da Dolce Senza Zucchero

Con pochi ingredienti (in realtà la quinoa utilizzata era l’avanzo della sera di prima): quinoa, erbette fresche e semi, ho realizzato queste facili e golose polpette al forno. La quinoa, come avevo già scritto nelle altre ricette è un ingrediente molto versatile: contiene un alto contenuto di proteine (ed è una proteina completa), non ha glutine ed è molto nutriente. Nei paesi come Bolivia e Perù (dove già 5000 anni fa si coltivava e si consumava la quinoa) alle donne incinte e neomamme veniva somministrata una pietanza a base di quinoa per aumentare la produzione di latte e per fornire una pronta energia.

La ricetta delle polpette di quinoa senza glutine e latticini


Le verdure a foglia larga che ho usato in questa ricetta, le ho cotte a vapore e poi le ho tritate finemente. Con questo particolare metodo di cottura, le verdure non disperdono i minerali (o almeno la perdita è di circa il 20% – versus l’80% se cotte nell’acqua) e volevo anche un leggero effetto detox sul nostro organismo. Io ho usato le bietole e cavolo nero, ma tu puoi adoperare anche gli spinaci, la cicoria o tutte le altre verdure a foglia verde che ti piacciono.

Ingredienti


150g di quinoa cotta ( per vedere come cuocere la quinoa clicca qui 2 uova sale marino integrale fino qb olio extravergine di oliva qb 50g di semi misti: semi di sesamo semi di zucca, semi di lino, semi di girasole 300g di verdure a foglia verde

Preparazione


1. Cuoci la quinoa e cuoci le verdure a vapore. 2. Se hai usato un altro metodo di cottura per le verdure, strizzale bene e tritale finemente con la mezzaluna o con un robot da cucina. 3. Aggiungi nel misto di verdure, l'olio, il sale e le uova. Mescola bene. 4. Unisci la quinoa con le verdure, le uova e infine i semi. 5. Dovresti ottenere una massa compatta e unita. Se così non fosse, aggiungi un altro uovo o qualche cucchiaio di farina fine di semi di lino. 6. Compatta e con le mani, crea palline e poggia su una teglia ricoperta da carta da forno. 7. Cuoci a 190°C (forno statico) per circa 20 minuti o fino a quando non vedi che la superficie delle polpette diventa secca.



banner basso postfucina





Dolce Senza Zucchero

Dolce Senza Zucchero
Foodblogger

Ho creato il blog di Dolce Senza Zucchero con l’intento di ispirare altre persone a credere che un’alimentazione naturale e biologica sia il primo passo per migliorare la qualità della vita, e che gestire con serenità e portare una malattia autoimmune ad uno stato di equilibrio sia possibile. Il mio rapporto con la cucina naturale sarà per ... LEGGI »

Seguilo su:Blog


  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La curcuma è in grado di uccidere le cellule tumorali

I ricercatori hanno scoperto che unendola al platino riesce a uccidere le cellule malate

Psoriasi? Ci pensa la dieta mediterranea

Studio condotto su oltre 3500 persone colpite da malattia dà ottimi risultati

Come conservare l’olio extravergine di oliva

Esistono diverse accortezze, come tenere l'olio al riparo da luce, calore e ossigeno

Cosa pensa davvero l’ONU di parmigiano, olio d’oliva e prosciutto

Siamo tornati sull'argomento per fare chiarezza su quello che è avvenuto realmente

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

Corsi - Prevenzione a tavola

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'

Scoperto perché una mela al giorno leva il medico di torno

Il segreto è contenuto nei polifenoli che hanno un ruolo decisivo nel microbiota dell'intestino

Corsi - Prevenzione a tavola

La ricetta dell’Acquasale pugliese, piatto povero ma ricco

Acquasale, una tipica ricetta Salentina povera negli ingredienti ma ricca in principi nutritivi

I valori nutrizionali della farina di grano duro

La classificazione degli sfarinati e la superiorità nutrizionale della farina integrale e dei suoi derivati

Alla scoperta della Meloncella, frutto-verdura dalle mille virtù

La meloncella del Salento è ricchissima di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

Conoscete la cottura passiva?

La cottura passiva fa risparmiare e conserva tutti i nutrienti

Il tè verde mantiene il cuore in salute e contrasta l’infarto

Il merito potrebbe essere di una sostanza antiossidante contenuta nel tè verde

Il mango contrasta stitichezza e intestino pigro

Studio rivela che basta un mango uno al giorno

Tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno in un’unica ciotola

Impariamo a preparare la ciotola di Buddha per un pasto sano e completo