I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Polpette di quinoa senza glutine e latticini

Una ricetta a basso indice glicemico e ad alto contenuto proteico e di fibre

Pubblicato il 16/04/2015 da Dolce Senza Zucchero

Con pochi ingredienti (in realtà la quinoa utilizzata era l’avanzo della sera di prima): quinoa, erbette fresche e semi, ho realizzato queste facili e golose polpette al forno. La quinoa, come avevo già scritto nelle altre ricette è un ingrediente molto versatile: contiene un alto contenuto di proteine (ed è una proteina completa), non ha glutine ed è molto nutriente. Nei paesi come Bolivia e Perù (dove già 5000 anni fa si coltivava e si consumava la quinoa) alle donne incinte e neomamme veniva somministrata una pietanza a base di quinoa per aumentare la produzione di latte e per fornire una pronta energia.

La ricetta delle polpette di quinoa senza glutine e latticini


Le verdure a foglia larga che ho usato in questa ricetta, le ho cotte a vapore e poi le ho tritate finemente. Con questo particolare metodo di cottura, le verdure non disperdono i minerali (o almeno la perdita è di circa il 20% – versus l’80% se cotte nell’acqua) e volevo anche un leggero effetto detox sul nostro organismo. Io ho usato le bietole e cavolo nero, ma tu puoi adoperare anche gli spinaci, la cicoria o tutte le altre verdure a foglia verde che ti piacciono.

Ingredienti


150g di quinoa cotta ( per vedere come cuocere la quinoa clicca qui 2 uova sale marino integrale fino qb olio extravergine di oliva qb 50g di semi misti: semi di sesamo semi di zucca, semi di lino, semi di girasole 300g di verdure a foglia verde

Preparazione


1. Cuoci la quinoa e cuoci le verdure a vapore. 2. Se hai usato un altro metodo di cottura per le verdure, strizzale bene e tritale finemente con la mezzaluna o con un robot da cucina. 3. Aggiungi nel misto di verdure, l'olio, il sale e le uova. Mescola bene. 4. Unisci la quinoa con le verdure, le uova e infine i semi. 5. Dovresti ottenere una massa compatta e unita. Se così non fosse, aggiungi un altro uovo o qualche cucchiaio di farina fine di semi di lino. 6. Compatta e con le mani, crea palline e poggia su una teglia ricoperta da carta da forno. 7. Cuoci a 190°C (forno statico) per circa 20 minuti o fino a quando non vedi che la superficie delle polpette diventa secca.



banner basso postfucina





Dolce Senza Zucchero

Dolce Senza Zucchero
Foodblogger

Ho creato il blog di Dolce Senza Zucchero con l’intento di ispirare altre persone a credere che un’alimentazione naturale e biologica sia il primo passo per migliorare la qualità della vita, e che gestire con serenità e portare una malattia autoimmune ad uno stato di equilibrio sia possibile. Il mio rapporto con la cucina naturale sarà per ... LEGGI »

Seguilo su:Blog


  • Segui Prevenzione a Tavola:





NOTIZIE + RECENTI

Ecco cosa succede a mangiare un uovo al giorno

Nuovo studio riabilita l'alimento: riduce il rischio cardiovascolare

Ecco i cibi che causano 500mila morti l’anno per malattie di cuore

Da Oms guerra a grassi trans, eliminarli dalla dieta

Frutta verdure e pesce tengono le rughe lontane

A evidenziarlo è uno studio dell'Erasmus Medical Centre di Rotterdam

Olio extravergine d’oliva: meglio DOP o IGP?

Il legame col territorio è dunque più forte nel DOP piuttosto che nell’IGP

Perché scegliere una birra artigianale?

Tra le altre cose ha un maggiore contenuto in vitamine e minerali rispetto ad una birra filtrata

Corsi - Prevenzione a tavola

Ecco cosa succede al cervello se mangiamo cioccolato fondente

Il cioccolato fondente è anti-infiammatorio e antistress

Il miglio previene diabete e cancro

È un cereale ricco di ferro, fosforo, magnesio, vitamine del gruppo B e soprattutto di acido folico

La carne dei fast food è da demonizzare?

Basta evitare patatine fritte, salse e bevande zuccherate e tenere a mente le raccomandazioni anti-cancro

Corsi - Prevenzione a tavola

Gli effetti di verdure, yogurt, tè e cioccolato sul fegato

Studio su cirrosi epatica, più diversità batteri intestino

La frutta secca fa battere il cuore a un ritmo regolare

Il consumo riduce il rischio di fibrillazione atriale

Perché scegliere i grani antichi?

Coltivare i grani antichi significa salvaguardare queste specie vegetali ed impedire che si estinguano

I ravanelli fanno benissimo al nostro organismo

Ha importanti facoltà antiossidanti e depurative, un ottimo aiuto per il fegato e la cistifellea

Cosa succede se si beve una birra in gravidanza?

Anche le bevande con gradazione alcolica medio-bassa sono pericolose in gravidanza

Ecco come scegliere il miglior olio extravergine d’oliva

Il miglior olio evo? Fruttato, amaro e piccante

Latte di mandorla: ottimo alleato per le ossa

Tra le bevande vegetali, è quello che contiene un maggior quantitativo di calcio, magnesio e fosforo