I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Perché bisogna digiunare prima e dopo la chemioterapia

Qualche giorno di digiuno si sopporta molto bene, anche nelle persone che sono malate

Pubblicato il 14/04/2015 da Franco Berrino
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

È molto probabilmente utile per aiutare l'efficacia delle terapie oncologiche andare a fare i trattamenti con la glicemia bassa, con i fattori di crescita bassi, con le infiammazioni basse. Perché se la glicemia è bassa il tumore è in difficoltà, e allora i veleni della chemioterapia avranno maggiore facilità a ucciderlo. È stato dimostrato negli animali da laboratorio: se li si tiene a digiuno per due giorni prima della chemioterapia, e anche il giorno stesso e il giorno dopo, la chemio è molto più efficace. Quindi consideriamo l'opportunità di studiare se anche nell'uomo funziona questa cosa che funziona negli animali di laboratorio, e potrebbe funzionare.

Perché digiunare prima e dopo la chemioterapia

  Io so benissimo che uno, due, tre, quattro, cinque giorni di digiuno non fanno male a nessuno: si sopportano molto bene, anche nelle persone che sono malate. Per cui, personalmente, ai miei malati suggerisco di mangiare poco o non mangiare affatto il giorno prima della chemioterapia e il giorno della chemioterapia e poi riprendere a mangiare dopo. Occorrerebbe fare degli studi su queste cose: alcuni studi stanno partendo, però sono studi difficili da fare perché dietro questi studi non c'è business. Non c'è disponibilità di qualche grande impresa economica a finanziare studi di questo tipo, che devono essere fatti bene, devono essere grandi. Per cui cerchiamo di aumentare la consapevolezza che questi studi sono importanti e chiediamo che vengano fatti. Forse potrebbe interessarti questo video in cui consiglio ai malati tumorali di non prendete gli integratori di sostanze antiossidanti



banner basso postfucina





Franco Berrino

Franco Berrino
Medico ed epidemiologo

Laureatosi in medicina e chirurgia magna cum laude all'università di Torino nel 1969 e specializzatosi in anatomia patologica, si è poi dedicato principalmente all’epidemiologia dei tumori. Dal 1975 lavora all’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano, dove dal 2002 dirige il Dipartimento di medicina preventiva e ... LEGGI »

Seguilo su:Blog


  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Le uova proteggerebbero la vista degli anziani da una malattia della retina

Ecco quante uova bisognerebbe mangiare a settimana, secondo la rivista Clinical Nutrition

Fave, il regalo primaverile che fa bene alla salute (e due ricette)

Regolano l'intestino, controllano glucosio e colesterolo nel sangue. Ma sono tossiche per alcuni.

Le mele ci stanno avvelenando?

Il Codacons denuncia la presenza di troppi pesticidi sulla buccia delle mele del supermercato

L’alimentazione sbagliata uccide più del fumo e della pressione alta

A livello globale una morte su 5 è riconducibile a un'alimentazione scorretta, povera di cereali integrali e verdure

Solo pensare al caffè ci rende più attenti e lucidi

Nuovo studio svolto dall'Università di Toronto pubblicato sulla rivista scientifica Consciousness and Cognition

Corsi - Prevenzione a tavola

Prevenzione a tavola: un commento da condividere

Le domande di una nostra studentessa sono diventate un post con i consigli e una ricetta di Elena Alquati

Il colesterolo delle uova mette a rischio il cuore?

Nuovo studio riapre il dibattito sulle uova

Arriva la quinoa tutta italiana

Una varietà adattabile alle nostre condizioni climatiche di quinoa, lo pseudocereale delle Ande

Corsi - Prevenzione a tavola

Funghi, mantengono giovane il cervello e contrastano la demenza

Lo afferma uno studio pubblicato su Journal of Alzheimer's Disease. Ecco quanti grammi a settimana ne servono.

Berrino, ecco cosa non mangiare per vivere in salute

L'ampiezza del girovita rivela un alto rischio di ammalarsi

Il tè verde migliora la salute intestinale e contrasta l’obesità

Il tè verde incoraggia la crescita di buoni batteri intestinali, e che porta a una serie di benefici che riducono significativamente il rischio di obesità

Ma è vero che gli spinaci contengono così tanto ferro?

E se Popeye, il nostro Braccio di Ferro, coi suoi spinaci ci avesse ingannati per tutto questo tempo? L'ISS fa chiarezza

Ecco come insaporire i cibi senza usare il sale

Dalle spezie alle ricette, come mangiare meno salato

Sorpresa: la pasta a cena non disturba il sonno e non fa ingrassare

Parola di uno studio pubblicato sulla rivista scientifica The Lancet Public Health

Ecco perché il cedro fa così bene

Il cedro, una sorpresa in cucina e per la salute, dall'agrume simbolo della prevenzione oncologica