I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Cucinare senza elettricità con il forno solare

Il dispositivo realizzato da una artigiana sarda

Pubblicato il 08/04/2015 da Prevenzione a tavola

È utile e pratico e funziona senza elettricità: basta lasciarlo al sole e in poche ore il pranzo è pronto. Stiamo parlando del forno solare, un dispositivo ecologico che permette di cucinare gratis e senza emissioni. Graziella Caria, falegname di Guspini, in provincia di Cagliari, ha creato un prodotto ecologico che ha battezzato "Ecosirio", derivato dal propotipo dell'ecologista Alexander Scano. Leggiamo su L'Unione Sarda: "Il lavoro di due generazioni è racchiuso nel’Ecosirio, il nostro forno solare, che è nato dal prototipo di Alexander Scano, un geniale ecologista. Io l’ho brevettato, ottimizzato e reso bello. È un camera di cottura, cioè una scatola di legno dentro l’altra, e tra le due c’è lana di pecora sarda autoctona l’Edilana, prodotta da Daniela Donato. È un’isolante naturale che trattiene il calore dei raggi solari, catturati da specchi convergenti. Esternamente è rivestito di sughero e ha un coperchio di vetro. Il calore prodotto dal sole, che raggiunge temperature medie tra i 120 e 150 gradi centigradi, cuoce i cibi. Non c’è fiamma e gli alimenti cuociono lentamente senza bruciare. Durante la cottura, inoltre, non c’è necessità che qualcuno controlli, in due 2-3 ore si possono cucinare stufati di verdura, carne, pesce al cartoccio. Tutto senza fumo, emissioni e consumo energetico. Si può cucinare gratis, ovunque ci sia sole Il legno naturale certificato che usiamo, assieme alle colle derivate dai cereali e ai balsami e alle essenze di erbe sarde, rendono il forno solare adatto alla cottura sicura dei cibi. Ad esempio, per la lana di pecora come antiparassitario viene utilizzata l’essenze di lavanda. La natura ha già le molecole che servono per difenderci, spetta a noi cercarle. Per questo collaboriamo con Sardegna Ricerche. Tengo a sottolineare che usiamo materiali sardi, per promuovere il territorio, valorizzando ciò che la terra produce". Grazielle ha ereditato il mestiere di suo padre: "A Guspini, c'è una falegnameria che ha deciso di investire nella ricerca e nell'ecologia. Distinguersi per l'uso di materiali green è stato l'obiettivo di Graziella, raggiunto con la creazione dell'innovativo forno solare. La storia inizia con Sirio Caria che, a soli 12 anni, fu costretto a lasciare gli studi quando suo padre, fuochista delle locomotive delle miniere di Montevecchio, rimase senza lavoro dopo il grande sciopero del 1949. Erano anni difficili, di crisi e fame, ma il giovane Sirio non si perse d’animo. Decise di imparare il mestiere di falegname, aveva talento e volontà tali che il suo futuro sarebbe dipeso solo dal suo lavoro. Alla fine degli anni '50 a Guspini nasce tra montagne di trucioli Graziella Caria, la prima di sei sorelle, nate tutte letteralmente nella falegnameria di Sirio: casa Caria e falegnameria erano un tutt'uno. Graziella cresce affascinata dal lavoro del padre, diventato ormai un vero artista. Vive il legno e lo ama, ma il disgusto per l’odore di petrolchimico delle vernici, proprio non lo sopporta e cresce in lei il desiderio di migliorare il lavoro del padre, con una svolta verde. È lei una delle pioniere in Italia a studiare ed applicare alla lavorazione del legno le innovazioni tecnologiche dell’ecologia. Nel 2006, con due sorelle, fonda a Guspini la prima falegnameria ecologica in Sardegna, e il manufatto simbolo di questa storia è il forno solare".



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'

Scoperto perché una mela al giorno leva il medico di torno

Il segreto è contenuto nei polifenoli che hanno un ruolo decisivo nel microbiota dell'intestino

La ricetta dell’Acquasale pugliese, piatto povero ma ricco

Acquasale, una tipica ricetta Salentina povera negli ingredienti ma ricca in principi nutritivi

Corsi - Prevenzione a tavola

I valori nutrizionali della farina di grano duro

La classificazione degli sfarinati e la superiorità nutrizionale della farina integrale e dei suoi derivati

Alla scoperta della Meloncella, frutto-verdura dalle mille virtù

La meloncella del Salento è ricchissima di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

Conoscete la cottura passiva?

La cottura passiva fa risparmiare e conserva tutti i nutrienti

Corsi - Prevenzione a tavola

Il tè verde mantiene il cuore in salute e contrasta l’infarto

Il merito potrebbe essere di una sostanza antiossidante contenuta nel tè verde

Il mango contrasta stitichezza e intestino pigro

Studio rivela che basta un mango uno al giorno

Tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno in un’unica ciotola

Impariamo a preparare la ciotola di Buddha per un pasto sano e completo

Perché è bene consumare mandorle italiane

Le mandorle rappresentano un'ottima merenda, sana, nutriente e saziante

Cosa significano i numeri e le lettere sulle uova?

Importante informarsi per sapere che tipo di uova stiamo acquistando

Le uova non aumentano il colesterolo né rovinano il fegato

Sfiatiamo un falso mito e facciamo chiarezza sul ruolo delle uova nella nostra alimentazione

La pasta madre: proprietà, benefici e vantaggi in cucina

Anche chiamato lievito madre, migliora la regolazione della glicemia e la digeribilità dei prodotti