I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Pulire la casa con la candeggina esporrebbe bimbi a infezioni

La ricerca pubblicata sulla rivista Occupational & Environmental Medicine

Pubblicato il 03/04/2015 da Prevenzione a tavola

L'uso di candeggina per l'igiene di casa potrebbe esporre i bambini al rischio di infezioni, specie di quelle respiratorie. Lo rivela una ricerca pubblicata sulla rivista Occupational & Environmental Medicine da Lidia Casas del dipartimento di salute pubblica e igiene del centro per Salute e Ambiente di Lovanio in Belgio. Lo studio ha coinvolto oltre 9000 bambini di 6-12 che frequentavano 19 scuole nelle città di Utrecht, Olanda; 17 scuole in Finlandia; 18 scuole a Barcellona. Ai genitori è stato chiesto di dire se e con quale frequenza i figli si fossero ammalati nell'ultimo anno di influenza, tonsillite, sinusite, bronchite, otite, polmonite. Inoltre i genitori dovevano dire se usavano candeggina per l'igiene domestica, almeno una volta a settimana. L'uso di candeggina è risultato comune in Spagna (usata dal 72% degli intervistati) e raro (appena il 7%) in Finlandia. Il prodotto era inoltre utilizzato in tutte le scuole spagnole e in nessuna di quelle considerate in Finlandia. Ebbene, è emerso che i bambini nelle cui case si usava abitualmente candeggina erano più a rischio di infezioni: ad esempio avevano una probabilità del 35% maggiore di aver sofferto nell'ultimo anno di tonsillite ricorrente, oppure del 20% maggiore di aver avuto la febbre. L'ipotesi avvalorata dai ricercatori è che i composti volatili liberati durante l'uso di candeggina in casa hanno un'azione irritante che può danneggiare la superficie delle vie respiratorie e favorire le infezioni. Inoltre la candeggina potrebbe indebolire il sistema immunitario. I rischi individuati sono di per sé modesti ma, dicono i ricercatori, l'ampio uso che si fa di candeggina, nonché di altri prodotti per l'igiene domestico rende il fenomeno nel complesso preoccupante: il problema è che vi è l'erronea convinzione, rinforzata dai messaggi pubblicitari, che nelle nostre case dovrebbero essere totalmente assenti i microbi, concludono. (ANSA)

Come rimuovere la muffa dai muri con metodi naturali


In un altro articolo vi avevamo dato alcuni consigli su come sostituire la candeggina con dei metodi naturali, che vi riproponiamo di seguito: 1) Antimuffa al Tea Tree Oil100 ml di aceto di vino bianco 15 gocce di Tea Tree Oil Il Tea Tree Oil, o olio essenziale di Tea Tree, è tra i più potenti antimuffa naturali. Può essere anche applicato puro, in poche gocce, per trattare in modo localizzato quelle zone in cui la muffa risulta già presente. Per poterlo spruzzare su superfici più ampie, abbinatelo all’aceto di vino bianco, un altro ingrediente dalle spiccate proprietà antimuffa, che vi permetterà di evitare di ricorrere alla candeggina“. Oppure potete provare con del bicarbonato: “50 grammi di bicarbonato di sodio 10 gocce di Tea Tree Oil 1 cucchiaino di detersivo per i piatti Acqua Unite al bicarbonato il detersivo per i piatti e il Tea Tree Oil. Versate gli ingredienti in una ciotolina e aggiungete acqua a poco a poco, fino ad ottenere una pasta cremosa, facilmente applicabile con la spugna. Ecco pronta una pasta pulente che potrete utilizzare per strofinare le superfici resistenti della casa, così da rimuovere la muffa. Il consiglio è di pretrattare le superfici spruzzando dell’aceto e lasciando agire il più possibile, di risciacquarle e in seguito di strofinarle con la pasta pulente al bicarbonato“. E c’è anche un altro metodo che potete adoperare, l’estratto di semi di pompelmo: “2 cucchiaini di estratto di semi di pompelmo 2 cucchiaini di olio essenziale di Tea Tree 500 ml d’acqua di rubinetto L’estratto di semi di pompelmo è uno straordinario antimuffa e battericida naturale, che viene potenziato nella propria azione se associato al Tea Tree Oil. Versate tutti gli ingredienti in una bottiglietta d’acqua, preferibilmente con spruzzino. Agitate prima dell’uso e applicate sulle superfici da trattare. Lasciate agire il più possibile e poi strofinate con un panno ruvido così da facilitare la rimozione della muffa“. Forse potrebbe interessarti questo video: Tutti i benefici dei carciofi



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La curcuma è in grado di uccidere le cellule tumorali

I ricercatori hanno scoperto che unendola al platino riesce a uccidere le cellule malate

Psoriasi? Ci pensa la dieta mediterranea

Studio condotto su oltre 3500 persone colpite da malattia dà ottimi risultati

Come conservare l’olio extravergine di oliva

Esistono diverse accortezze, come tenere l'olio al riparo da luce, calore e ossigeno

Cosa pensa davvero l’ONU di parmigiano, olio d’oliva e prosciutto

Siamo tornati sull'argomento per fare chiarezza su quello che è avvenuto realmente

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

Corsi - Prevenzione a tavola

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'

Scoperto perché una mela al giorno leva il medico di torno

Il segreto è contenuto nei polifenoli che hanno un ruolo decisivo nel microbiota dell'intestino

Corsi - Prevenzione a tavola

La ricetta dell’Acquasale pugliese, piatto povero ma ricco

Acquasale, una tipica ricetta Salentina povera negli ingredienti ma ricca in principi nutritivi

I valori nutrizionali della farina di grano duro

La classificazione degli sfarinati e la superiorità nutrizionale della farina integrale e dei suoi derivati

Alla scoperta della Meloncella, frutto-verdura dalle mille virtù

La meloncella del Salento è ricchissima di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

Conoscete la cottura passiva?

La cottura passiva fa risparmiare e conserva tutti i nutrienti

Il tè verde mantiene il cuore in salute e contrasta l’infarto

Il merito potrebbe essere di una sostanza antiossidante contenuta nel tè verde

Il mango contrasta stitichezza e intestino pigro

Studio rivela che basta un mango uno al giorno

Tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno in un’unica ciotola

Impariamo a preparare la ciotola di Buddha per un pasto sano e completo