I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

L’esercizio per avere gli addominali scolpiti

Come eseguire il plank addominale

Pubblicato il 30/03/2015 da Prevenzione a tavola
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

Avete sempre sognato di avere gli addominali scolpiti? No problem, in questo articolo vi spieghiamo passo per passo cosa fare per raggiungere il vostro obbiettivo. Oltre a tanta buona volontà, determinazione e un'alimentazione sana, potete provare ad eseguire esercizi come il plank, che serve ad equilibrare e potenziare la parte centrale del corpo e a rinforzare spalle e schiena. La prima cosa che dovete fare è mettervi in posizione pushup su un tappetino, dopodiché abbassate gli avambracci verso terra in modo da formare una linea retta con il corpo. Il tutorial che potete vedere sopra mostra come ottenere addominali scolpiti con il plank e le sue varianti. Questi "sono considerati tra i 5 migliori esercizi in termini di efficenza per allenare la parte centrale del busto, in particolare gli addominali, senza sovraccaricare la colonna vertebrale come spesso accade nei classici Sit Up (in particolar modo se eseguiti con un tecnica errata). La difficoltà di questo esercizio non risiede tanto nel movimento, quanto nel mantenere la posizione "in asse" per una determinata durata e nello stesso tempo contrarre in modo volontario i muscoli del busto (addominali, addominali obliqui e lombari). Questo esercizio è un must per tutti coloro che desiderano migliorare i propri addominali riducendo al minimo il carico sulla schiena".

Prima di ottenere addominali scolpiti eliminate la pancia


Se vogliamo avere addominali scolpiti dobbiamo prima di tutto eliminare la pancia (se abbiamo questo problema) e per farlo è necessario mangiare determinati alimenti, come ci spiega la dottoressa Martinoli: "Il fegato con il suo ruolo di organo emuntoriale si trova ad agire in quest’ambiente infiammato e compensa i deficit funzionali di intestino e sistema linfatico, infarcendosi esso stesso di grasso. Diviene dunque steatosico! È facile ora comprendere che non si potrà perdere la pancia se prima non si rimettono a posto fegato, sistema linfatico e intestino! Sarà necessario alleggerire il lavoro del fegato virando verso un’alimentazione a base di pesce, carboidrati complessi, frutta e verdura; favorire l’attività degli organi emuntoriali (fegato e reni) e il drenaggio linfatico; eseguire una profonda pulizia del tubo digerente rimuovendo la gran parte dei batteri patogeni e infine ripopolarlo con i batteri buoni attraverso il ricorso a prebiotici-probiotici. Solo a questo punto saremo nelle condizioni ideali per poter perdere i chili di troppo. Lo faremo scegliendo alimenti con basso indice glicemico (cereali integrali, frutta e verdura), dando il giusto peso alle proteine di buona qualità, eliminando gli alimenti industriali troppo ricchi di sale, zuccheri e grassi saturi, e ricorrendo ad un’attività fisica moderata e costante. La cosa bella è che perdendo la pancia non stiamo solo migliorando il nostro aspetto. Mentre ci sentiamo più belli sappiamo di essere anche più sani!" Forse potrebbe interessarti questo video: "Il riso bianco non serve a niente, potete anche buttarlo"



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La curcuma è in grado di uccidere le cellule tumorali

I ricercatori hanno scoperto che unendola al platino riesce a uccidere le cellule malate

Psoriasi? Ci pensa la dieta mediterranea

Studio condotto su oltre 3500 persone colpite da malattia dà ottimi risultati

Come conservare l’olio extravergine di oliva

Esistono diverse accortezze, come tenere l'olio al riparo da luce, calore e ossigeno

Cosa pensa davvero l’ONU di parmigiano, olio d’oliva e prosciutto

Siamo tornati sull'argomento per fare chiarezza su quello che è avvenuto realmente

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

Corsi - Prevenzione a tavola

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'

Scoperto perché una mela al giorno leva il medico di torno

Il segreto è contenuto nei polifenoli che hanno un ruolo decisivo nel microbiota dell'intestino

Corsi - Prevenzione a tavola

La ricetta dell’Acquasale pugliese, piatto povero ma ricco

Acquasale, una tipica ricetta Salentina povera negli ingredienti ma ricca in principi nutritivi

I valori nutrizionali della farina di grano duro

La classificazione degli sfarinati e la superiorità nutrizionale della farina integrale e dei suoi derivati

Alla scoperta della Meloncella, frutto-verdura dalle mille virtù

La meloncella del Salento è ricchissima di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

Conoscete la cottura passiva?

La cottura passiva fa risparmiare e conserva tutti i nutrienti

Il tè verde mantiene il cuore in salute e contrasta l’infarto

Il merito potrebbe essere di una sostanza antiossidante contenuta nel tè verde

Il mango contrasta stitichezza e intestino pigro

Studio rivela che basta un mango uno al giorno

Tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno in un’unica ciotola

Impariamo a preparare la ciotola di Buddha per un pasto sano e completo