I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Cosa ci dice il colore del muco sulla nostra salute

Come sapere se si tratta di un semplice raffreddore o di una patologia più grave

Pubblicato il 26/03/2015 da Prevenzione a tavola

Il muco è importantissimo per la nostra salute, in quanto protegge le vie aeree, intrappolando le particelle estranee che fanno il loro ingresso nel naso mentre respiriamo e impedisce che i tessuti si disidratino. Se però si verifica un incremento della sua produzione significa che si sta sviluppando una patologia come, ad esempio, il raffreddore, ma potrebbe anche essere una malattia ben più grave. L'analisi del colore del muco ci aiuta a capire se si tratta, appunto, di un semplice raffreddore o se abbiamo bisogno di essere visitati da uno specialista. Valutando la tonalità del colore, l'odore e la consistenza, i medici saranno in grado di stabilire di quale patologia si tratta.

Cosa ci dice il colore del muco sulla nostra salute


Leggiamo su Mypersonaltrainer: "Catarro liquido, schiumoso e biancastro: è costituito in prevalenza da muco, segno di un'irritazione bronchiale aspecifica, non sostenuta o comunque solo in parte, da patogeni. E' tipico dei fumatori, delle allergie, ma anche degli asmatici e dei soggetti affetti da BPCO (in queste ultime due categorie di pazienti può essere particolarmente denso). Catarro vischioso e giallognolo-verdastro: è causata da un infezione del naso e/o delle vie respiratorie; più denso, risulta di difficile espettorazione e si caratterizza per la presenza di materiale purulento (pus), ricco cioè di leucociti; è tipico delle infezioni batteriche (quando verdastro degli anaerobi). Catarro verde: è indice di un ristagno prolungato di muco purulento nei bronchi, che oltre al tipico colorito acquista anche un odore fetido (espettorato gangrenoso). E' tipico degli ascessi e delle gangrene polmonari, o delle bronchiectasie causate da infezioni batteriche ripetute. Catarro rossastro: la presenza di striature di sangue nell'espettorato può essere la conseguenza di microlesioni della mucosa respiratoria prodotte durante gli sforzi per tossire. Si tratta, in ogni caso, di un sintomo da non sottovalutare, poiché comune anche a neoplasie, infarti polmonari e polmoniti batteriche di varia natura [in questi casi il catarro assume un colorito che va dal rosato (tipico dell'edema polmonare) al rosso ruggine (tipico della polmonite da pneumococco), per la contemporanea presenza di sangue e materiale purulento)]. Catarro a gelatina di ribes: tipico della polmonite da Klebsiella Pneumoniae Catarro nerastro: tipico dell'antracosi, una malattia professionale - oggi rara - causata dall'inalazione prolungata di particelle di polvere di carbone".



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La curcuma è in grado di uccidere le cellule tumorali

I ricercatori hanno scoperto che unendola al platino riesce a uccidere le cellule malate

Psoriasi? Ci pensa la dieta mediterranea

Studio condotto su oltre 3500 persone colpite da malattia dà ottimi risultati

Come conservare l’olio extravergine di oliva

Esistono diverse accortezze, come tenere l'olio al riparo da luce, calore e ossigeno

Cosa pensa davvero l’ONU di parmigiano, olio d’oliva e prosciutto

Siamo tornati sull'argomento per fare chiarezza su quello che è avvenuto realmente

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

Corsi - Prevenzione a tavola

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'

Scoperto perché una mela al giorno leva il medico di torno

Il segreto è contenuto nei polifenoli che hanno un ruolo decisivo nel microbiota dell'intestino

Corsi - Prevenzione a tavola

La ricetta dell’Acquasale pugliese, piatto povero ma ricco

Acquasale, una tipica ricetta Salentina povera negli ingredienti ma ricca in principi nutritivi

I valori nutrizionali della farina di grano duro

La classificazione degli sfarinati e la superiorità nutrizionale della farina integrale e dei suoi derivati

Alla scoperta della Meloncella, frutto-verdura dalle mille virtù

La meloncella del Salento è ricchissima di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

Conoscete la cottura passiva?

La cottura passiva fa risparmiare e conserva tutti i nutrienti

Il tè verde mantiene il cuore in salute e contrasta l’infarto

Il merito potrebbe essere di una sostanza antiossidante contenuta nel tè verde

Il mango contrasta stitichezza e intestino pigro

Studio rivela che basta un mango uno al giorno

Tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno in un’unica ciotola

Impariamo a preparare la ciotola di Buddha per un pasto sano e completo