I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Mantenere bassa la glicemia

Il primo dei 4 pilastri alimentari nella prevenzione delle recidive del cancro

Pubblicato il 23/03/2015 da Franco Berrino
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

Abbiamo visto nei nostri studi che le donne che hanno la glicemia un po' più alta, verso l'alto dei valori normali, hanno un rischio di ammalarsi di cancro della mammella che è doppio rispetto alle donne che hanno la glicemia verso i valori bassi dei valori normali. Questo lo abbiamo pubblicato una quindicina di anni fa. Recentemente siamo andati a vedere se nelle donne che hanno sviluppato il cancro della mammella la glicemia che sempre si misura al momento del ricovero ha un'influenza sulla prognosi. Abbiamo visto che effettivamente le donne che hanno la glicemia più alta, anche se normale, hanno un rischio quasi doppio di sviluppare metastasi del tumore della mammella.

Come mantenere bassa la glicemia

  Per cui dobbiamo mantenere bassa la glicemia: questa è una raccomandazione che diamo a tutti i malati di tumore. Che la sopravvivenza sia più bassa in chi ha la glicemia più alta è dimostrato per i tumori della mammella, per i tumori del colon, per i tumori del collo dell'utero, per i tumori del polmone, e probabilmente vale per la grande maggioranza dei tumori. Sappiamo che la glicemia alta favorisce anche la crescita dei tumori cerebrali. Per mantenere bassa la glicemia bisogna ridurre o eliminare gli alimenti raffinati: sono le farine bianche, il pane bianco, il riso bianco, le patate. L'amido delle patate fa aumentare molto la glicemia: sono sconsigliate ad un malato di tumore. Mentre invece va molto meglio, fra gli alimenti che contengono carboidrati, i cibi integrali, il riso integrale, il farro e l'orzo decorticato, ma anche il miglio e il grano saraceno. Conviene anche ridurre i grassi saturi: i grassi del latte, della carne, dei formaggi, delle carni rosse. I grassi saturi sono i grassi solidi e ostacolano il buon funzionamento dell'insulina: le membrane delle nostre cellule sono fatte da grassi. Se abbiamo una dieta di grassi saturi, che sono più duri, più rigidi, le membrane saranno più rigide e l'insulina farà più fatica ad aprire le porte per far entrare il glucosio nelle cellule e questo farà salire la glicemia. Quindi conviene limitare questi alimenti ricchi di grassi saturi. Giovedì 26 marzo ci sarà la prossima puntata: "Tenere basse le infiammazioni" Segui La Grande Via su Facebook



banner basso postfucina





Franco Berrino

Franco Berrino
Medico ed epidemiologo

Laureatosi in medicina e chirurgia magna cum laude all'università di Torino nel 1969 e specializzatosi in anatomia patologica, si è poi dedicato principalmente all’epidemiologia dei tumori. Dal 1975 lavora all’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano, dove dal 2002 dirige il Dipartimento di medicina preventiva e ... LEGGI »

Seguilo su:Blog


  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Il caffè può rallentare il Parkinson

I ricercatori hanno scoperto le potenzialità di due composti del caffè

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Corsi - Prevenzione a tavola

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina

La ricetta dello strudel di zucca

Oggi prepariamo un dolce buono e sano che non ci farà sentire in colpa, lo strudel di zucca

Corsi - Prevenzione a tavola

Ecco la frutta che ti salva da infarto e ictus

Le antocianine presenti in alcuni tipi di frutta rappresentano uno scudo per la salute del cuore

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali