I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Ecco che gamberi arrivano sulle nostre tavole

L'inchiesta di Presa Diretta

Pubblicato il 16/03/2015 da Prevenzione a tavola
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

Liza Boschin, inviata di Presa Diretta, ha realizzato un'inchiesta sconvolgente sulla produzione dei gamberi, molti dei quali arrivano nel nostro piatto. Il viaggio della giornalista parte dal Bangladesh per arrivare in Thailandia. Le telecamere hanno documentato come, dove e da chi vengono allevati i gamberi che finiscono sulle nostre tavole. Perché questi crostacei arrivano da così lontano? La produzione italiana di gamberi vive una crisi profonda dovuta alla concorrenza spietata dei prodotti importati dall'estero. I crostacei vengono pescati, allevati, spesso precotti e congelati a migliaia di chilometri di distanza, rendendo molto difficile i necessari controlli di qualità e portando in Italia alimenti rovinati e sui costi dei quali incide molto il lungo viaggio internazionale. Leggiamo da HuffingtonPost il prezzo pagato per l'importazione dei gamberi dal Bangladesh:
Si tratta di un'area che in passato era occupata da diverse coltivazioni, dai pascoli, dalle foreste e dalle risaie ma che è, oggi, un unico grande lago salato in cui donne e bambini lavorano per crescere i crostacei completamente destinati al mercato straniero. Creati abbattendo le dighe che proteggevano l'interno dalle mareggiate nel periodo dei monsoni, questi bacini d'acqua salata distruggono l'ecosistema bruciando le poche coltivazioni rimaste, facendo sparire i pascoli e intaccando addirittura le abitazioni degli abitanti del posto. Il viaggio della giornalista prosegue verso la Thailandia seguendo a ritroso le orme del trash fish, il pesce immondizia, ossia tutto quel pesce che non può essere venduto al mercato ma viene acquistato dai produttori di farina di pesce per creare il mangime necessario ad allevare i gamberi. L'Europa è il più grosso importatore di farina di pesce dalla Tailandia, usata anche per ingrassare i nostri polli e maiali di allevamento; tuttavia tra le bancarelle ricolme di trash fish l'occhio cade su diversi pesci tropicali della barriera corallina e sui piccoli di altre specie, portati a riva dai pescatori tramite la pesca a strascico che distrugge i fondali decimando i coralli. È questo il vero prezzo del cocktail di gamberi: la produzione nazionale e i suoi frutti arrancano, mentre a migliaia di chilometri da noi l'ambiente viene massacrato.

I CLIENTI ITALIANI - Quali sono i clienti italiani che importano questi gamberi di scarsa qualità in Italia? Presa Diretta fa i nomi: Ortofin, Coop Italia, Conad, Metro.Queste aziende comprano in Bangladesh e addirittura, in alcuni casi, trasformano il prodotto in un loro marchio sotto forma di sughi per la pasta. *Aggiornamento: La smentita di Conad: "Nella puntata di Presa Diretta di domenica scorsa è andato in onda il servizio “Salviamo il mare” sul sistema della coltura dei gamberetti nel Bangladesh, in cui Conad è citato da una persona intervistata all’interno dello stabilimento del gruppo Seamark a Chittagong (Bangladesh) tra i “molti clienti che comperano da noi merce in stock e la trasformano anche in prodotti a marchio loro”. Conad non importa né direttamente né indirettamente dal Bangladesh nessun prodotto ittico destinato ai propri brand (men che meno surgelati). Tant’è che i gamberetti che si vedono nel filmato sono a marchio di un competitor. Nell’assortimento ittico surgelato – venduto come tale o ingrediente di ricette – in nessun caso sono presenti e utilizzati i gamberi Tiger oggetto del servizio. Conad acquista i prodotti esclusivamente dai fornitori italiani, spagnoli e olandesi (e comunque da Paesi dell’Ue, in qualche caso e se necessario) che hanno – pochi – stabilimenti nel mondo, ma attualmente. Nessuno in Bangladesh. Si tratta in massima parte di prodotti ittici pescati l'unica eccezione è quella delle mazzancolle tropicali Conad, allevate in Ecuador Ufficio stampa CONAD".



banner basso postfucina







  • Segui TV:


NOTIZIE + RECENTI

La zucca è ottima per la nostra salute: due ricette da leccarsi i baffi

La zucca, la regina dell'autunno, è ricca di proprietà benefiche per il nostro organismo

Tutti i cibi che fanno bene alla pelle

La mantengono sana, idratata e la fanno invecchiare meno

L’olio extravergine d’oliva protegge da infarti e ictus

Il merito è di una proteina salva-cuore

Nel tuorlo d’uovo in segreto per non perdere i capelli

Secondo uno studio giapponese si nasconde un possibile composto contro l'alopecia

La dieta mediterranea allunga la vita degli anziani

Perché riduce del 25% il rischio di morte per qualsiasi causa negli over-65

Corsi - Prevenzione a tavola

Le fragole contrastano le malattie infiammatorie croniche intestinali

Secondo studio possono essere utili contro morbo di Chron e colite ulcerosa

Ecco perché le cicerchie fanno bene

Proprietà e benefici delle cicerchie

Cicerchie: tra falsi miti e realtà

In passato ingiustamente demonizzate, oggi le cicerchie sono oggetto di riscoperta

Corsi - Prevenzione a tavola

La curcuma è in grado di uccidere le cellule tumorali

I ricercatori hanno scoperto che unendola al platino riesce a uccidere le cellule malate

Psoriasi? Ci pensa la dieta mediterranea

Studio condotto su oltre 3500 persone colpite da malattia dà ottimi risultati

Come conservare l’olio extravergine di oliva

Esistono diverse accortezze, come tenere l'olio al riparo da luce, calore e ossigeno

Cosa pensa davvero l’ONU di parmigiano, olio d’oliva e prosciutto

Siamo tornati sull'argomento per fare chiarezza su quello che è avvenuto realmente

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'