I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Come riutilizzare i gusci delle uova

Per la cura del corpo, in cucina o in giardino: il guscio dell'uovo si può riutilizzare in mille modi

Pubblicato il 10/03/2015 da Prevenzione a tavola

Mai buttare i gusci delle uova! Possono essere riutilizzati in tanti modi: per la cura del corpo, in giardino e in casa. Da cosa sono composti i gusci? Principalmente carbonato di calcio: uno di medie dimensioni ne contiene circa 750-800 mg. Ma veniamo a come riciclarli: Vivere più sani ci dà qualche consiglio su come riutilizzare i gusci delle uova:

1) Benda naturale La membrana del guscio (quella specie di pellicola trasparente che si trova all’interno) viene utilizzata per stimolare la guarigione di tagli e graffi. La prossima volta che vi fate male, quindi, applicatela e lasciatela agire. 2) Migliora il gusto del caffè Mettere a bollire dei gusci d’uovo nel caffè (una pratica che è stata impiegata per secoli) contribuirà a ridurne l’amarezza. Ricordatevi di lavare accuratamente il guscio e poi filtrare il caffè per eliminare eventuali residui. 3) Eliminare i parassiti in giardino Gli animali dal corpo molle, come le lumache o le chiocciole non passeranno sopra i taglienti pezzi di guscio d’uovo. Pertanto, piante e fiori saranno al sicuro da questi animali.

E i gusci dell'uovo possono anche essere utili per rinforzare la pianta dei pomodori e per la cura delle piante:

Se avete un orto, di certo saprete che un problema comune della pianta del pomodoro è che non è abbastanza forte da sopportare il peso del frutto. I giardinieri esperti spesso mettono dei gusci d’uovo nella terra in cui piantano il pomodoro, per riuscire a risolvere questo problema. Se state creando un nuovo orticello (ma vale anche per le piante in vaso) potete sfruttare i gusci d’uovo con lo stesso scopo che avevano per il pomodoro. Metteteli nel terriccio, mescolando alcuni frammenti di guscio e fertilizzante. Potete anche spargerli direttamente sull’erba del vostro giardino o sulla terra dei fiori oppure buttarli nel mucchio del compost.

Come riutilizzare i gusci delle uova in maniera creativa


Oppure potete realizzare un mosaico. Greenme spiega come:

Dopo aver fatto la frittata aspettate a buttare via i gusci delle uova che avete utilizzato! Lavateli e privateli della pellicola interna e nel frattempo procuratevi un foglio da disegno, colla vinilica (possibilmente quella ecologica priva di sostanze tossiche) e colori a tempera. A questo punto, mettete in alcuni contenitori i colori a tempera diluiti con un po' d'acqua: in un contenitore il giallo, in un altro il verde, in un altro ancora il blu e così via e adesso schiacciate i gusci ottenendo dei frammenti. A questo punto, mettete i frammenti nei vari contenitori e lasciateceli finché non avranno assorbito il colore desiderato e nel frattempo disegnate a matita sul foglio l'immagine che volete riprodurre a mosaico: fiori, farfalle, foglie, palloncini colorati...tutto ciò che vi viene in mente. Ricordate che una volta assorbito bene il colore i frammenti di guscio vanno fatti asciugare. Adesso passate una mano di colla sul vostro disegno e disponete i frammenti colorati sulla figura.

Forse potrebbe interessarti questo video: “Sono guarita dal cancro. Per i medici ero spacciata”



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Il caffè può rallentare il Parkinson

I ricercatori hanno scoperto le potenzialità di due composti del caffè

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Corsi - Prevenzione a tavola

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina

La ricetta dello strudel di zucca

Oggi prepariamo un dolce buono e sano che non ci farà sentire in colpa, lo strudel di zucca

Corsi - Prevenzione a tavola

Ecco la frutta che ti salva da infarto e ictus

Le antocianine presenti in alcuni tipi di frutta rappresentano uno scudo per la salute del cuore

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali