I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Aloe vera: come usarla per la cura della pelle

Una pianta dalle eccezionali proprietà curative

Pubblicato il 09/03/2015 da Prevenzione a tavola

Aloe vera: come usarla per la cura della pelle


Molti la coltivano nei propri balconi eppure non conoscono le sue eccezionali proprietà curative. Questa pianta, oltre a svolgere un’azione antiossidante e anti-aging, è un potente antinfiammatorio, molto utile per trattare alcuni problemi cutanei, come piccole ferite o bruciature, senza effetti collaterali gravi. Il suo gel può essere applicato sulle punture d’insetti per alleviare rossore e prurito, è in grado di rimarginare piccole ferite e, se applicato costantemente sulle cicatrici migliora il loro aspetto e queste scompaiono più velocemente Stiamo parlando dell'aloe vera, uno dei migliori rimedi naturali per la cura della nostra pelle, come ci spiega Marta Albè su Greenme: "La sostanza gelatinosa presente all’interno delle foglie presenta infatti spiccate proprietà lenitive e calmanti, adatte a curare rossori, pruriti e screpolature della pelle, ma anche scottature solari ed altre piccole irritazioni. A livello fitoterapico, l’aloe vera viene utilizzata per la preparazione di prodotti venduti sotto forma di succo, dalle proprietà depurative o volte a favorire la digestione. Per i piccoli fastidi della pelle è possibile utilizzare il gel d’aloe vera estratto dalle foglie della piantina in proprio possesso, facendo attenzione a staccarle dalla pianta con la massima delicatezza e ad inciderle in seguito con l’aiuto di un coltello, estraendo ogni volta solamente la quantità di gel d’aloe necessaria e procurandosi quindi un numero di foglie limitato, per non provocare lesioni alla pianta. Per questo raccomando di partire dalle foglie situate più in basso. Se si vuole utilizzare l'aloe vera per la cura della pelle, il consiglio è di coltivarla in maniera biologica, in modo da garantire l'applicazione di un gel d’aloe puro al 100%. Nel video sotto l'autoproduttrice Lucia Cuffaro illustra come utilizzare l'aloe vera per curare l'herpes

L'aloe vera può curare il cancro?


I dati disponibili non sono sufficienti ad affermare che l'aloe vera sia efficace e sicura nelle terapie anticancro. Tuttavia da alcuni studi è emerso che "l'emodina contenuta nelle foglie di Aloe vera, blocca in vitro la crescita delle cellule e stimola l'apoptosi, ovvero il processo di "morte programmata", fondamentale nella lotta contro il cancro perché permette all'organismo di eliminare le cellule tumorali. Alcuni studi in vitro hanno dimostrato in particolare che l'emodina è efficace contro le cellule di tumore di testa-collo e di tumore del fegato", come spiegato sul sito dell'AIRC.



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La curcuma è in grado di uccidere le cellule tumorali

I ricercatori hanno scoperto che unendola al platino riesce a uccidere le cellule malate

Psoriasi? Ci pensa la dieta mediterranea

Studio condotto su oltre 3500 persone colpite da malattia dà ottimi risultati

Come conservare l’olio extravergine di oliva

Esistono diverse accortezze, come tenere l'olio al riparo da luce, calore e ossigeno

Cosa pensa davvero l’ONU di parmigiano, olio d’oliva e prosciutto

Siamo tornati sull'argomento per fare chiarezza su quello che è avvenuto realmente

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

Corsi - Prevenzione a tavola

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'

Scoperto perché una mela al giorno leva il medico di torno

Il segreto è contenuto nei polifenoli che hanno un ruolo decisivo nel microbiota dell'intestino

Corsi - Prevenzione a tavola

La ricetta dell’Acquasale pugliese, piatto povero ma ricco

Acquasale, una tipica ricetta Salentina povera negli ingredienti ma ricca in principi nutritivi

I valori nutrizionali della farina di grano duro

La classificazione degli sfarinati e la superiorità nutrizionale della farina integrale e dei suoi derivati

Alla scoperta della Meloncella, frutto-verdura dalle mille virtù

La meloncella del Salento è ricchissima di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

Conoscete la cottura passiva?

La cottura passiva fa risparmiare e conserva tutti i nutrienti

Il tè verde mantiene il cuore in salute e contrasta l’infarto

Il merito potrebbe essere di una sostanza antiossidante contenuta nel tè verde

Il mango contrasta stitichezza e intestino pigro

Studio rivela che basta un mango uno al giorno

Tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno in un’unica ciotola

Impariamo a preparare la ciotola di Buddha per un pasto sano e completo