I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Lisciva, un ottimo detersivo fai da te

Come prepararla in pochi, semplici passi

Pubblicato il 18/02/2015 da Stefania Rossini
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

La lisciva è un detersivo fai da te, da utilizzare in sostituzione di quello tradizionale. Nella lavatrice ne utilizzo 1 o 2 bicchieri in base alla quantità dei capi da lavare e allo sporco. In alternativa potete impiegarla come multiuso, dopo averla versata in uno spruzzino: è ottimo per i sanitari e per la cucina, mentre non è indicato per marmo e legno.

Lisciva, il detersivo fai da te delle nostre nonne

 La lisciva non è altro che il detersivo delle nostre nonne e gli ingredienti per prepararlo sono semplicissimi: acqua di rubinetto e cenere di legna non setacciata. Chi non ha a disposizione un camino a legna potrà chiedere tranquillamente della cenere alla pizzeria di fiducia, saranno molto contenti di regalarcela. Utilizzeremo una pentola in acciaio (mi raccomando non alluminio), un panno, uno scolapasta e un catino. La proporzione è 5 bicchieri di acqua e 1 bicchiere di cenere. Quando l'acqua bolle spegniamo il gas, togliamo la pentola dal fuoco e aggiungiamo il bicchiere di cenere. Farà reazione chimica e noi mescoliamo per qualche minuto. Ora le opzioni sono due: i più audaci filtreranno subito, mentre io vi consiglio di aspettare che il liquido si raffreddi. La cenere che rimane è ottima per lavare i piatti, ma lo dobbiamo fare in un lavandino esterno, perché i tubi delle case tradizionali si otturerebbero subito. Filtriamo con un panno e il liquido che vedete uscire è la lisciva stessa. Io utilizzo il "Metodo dei 5 minuti" (diverso dal metodo tradizionale, che prevede la bollitura di acqua e cenere per due ore). Sono stati dei ragazzi di Reggio Emilia ad insegnarmelo ed è approvato dalle loro professoresse di chimica, che lo hanno analizzato in laboratorio e hanno riscontrato che è paragonabile alla bollitura di due ore. La lisciva che ho preparato è di colore giallo, l'altra è di colore bianco-trasparente. La differenza è la tipologia di legno utilizzata per questa cenere. Il colore potrà variare dal bianco trasparente al marroncino chiaro-marroncino scuro, quindi non abbiate timore: la vostra lisciva sarà perfetta, dipenderà solo dal tipo di legna.Seguimi su Facebook
 



banner basso postfucina





Stefania Rossini

Stefania Rossini
Blogger

Nata 37 anni fa, sposata da 16 e mamma di tre meravigliosi bambini, trovatami per caso e non per volontà a fare la casalinga, mi sono reinventata una quotidianità che mai avrei pensato esistesse. Con immenso dolore, mi sono sentita la classica fallita senza un lavoro, poi ho alzato il capo e giorno dopo giorno, ora sono felice di godermi la mia ... LEGGI »

Seguilo su:Blog


  • Segui Prevenzione a Tavola:





NOTIZIE + RECENTI

Ecco i cibi che causano 500mila morti l’anno per malattie di cuore

Da Oms guerra a grassi trans, eliminarli dalla dieta

Frutta verdure e pesce tengono le rughe lontane

A evidenziarlo è uno studio dell'Erasmus Medical Centre di Rotterdam

Olio extravergine d’oliva: meglio DOP o IGP?

Il legame col territorio è dunque più forte nel DOP piuttosto che nell’IGP

Perché scegliere una birra artigianale?

Tra le altre cose ha un maggiore contenuto in vitamine e minerali rispetto ad una birra filtrata

Ecco cosa succede al cervello se mangiamo cioccolato fondente

Il cioccolato fondente è anti-infiammatorio e antistress

Corsi - Prevenzione a tavola

Il miglio previene diabete e cancro

È un cereale ricco di ferro, fosforo, magnesio, vitamine del gruppo B e soprattutto di acido folico

La carne dei fast food è da demonizzare?

Basta evitare patatine fritte, salse e bevande zuccherate e tenere a mente le raccomandazioni anti-cancro

Gli effetti di verdure, yogurt, tè e cioccolato sul fegato

Studio su cirrosi epatica, più diversità batteri intestino

Corsi - Prevenzione a tavola

La frutta secca fa battere il cuore a un ritmo regolare

Il consumo riduce il rischio di fibrillazione atriale

Perché scegliere i grani antichi?

Coltivare i grani antichi significa salvaguardare queste specie vegetali ed impedire che si estinguano

I ravanelli fanno benissimo al nostro organismo

Ha importanti facoltà antiossidanti e depurative, un ottimo aiuto per il fegato e la cistifellea

Cosa succede se si beve una birra in gravidanza?

Anche le bevande con gradazione alcolica medio-bassa sono pericolose in gravidanza

Ecco come scegliere il miglior olio extravergine d’oliva

Il miglior olio evo? Fruttato, amaro e piccante

Latte di mandorla: ottimo alleato per le ossa

Tra le bevande vegetali, è quello che contiene un maggior quantitativo di calcio, magnesio e fosforo

Come orientarsi tra i diversi tipi di farina

La nutrizionista spiega la differenza tra farine integrali, tipo 00, tipo 0, tipo 1, tipo 2, di manitoba, di grano duro, di grano tenero