I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Pepe di cayenna: l’oro rosso che protegge il cuore

La capsaicina contenuta nel pepe di Cayenna aiuta a contrastare gli attacchi cardiaci e gli ictus

Pubblicato il 13/02/2015 da Prevenzione a tavola

È "l'oro rosso della tavola" e le sue proprietà sono state sfruttate in campo medico già nell'antichità. La capsaicina, che secondo alcuni studi è in grado di combattere il cancro, è un valido alleato del benessere del nostro cuore: questa sostanza è in grado di abbassare i livelli di colesterolo nel sangue, in particolare quello cattivo (l’LDL), restringere i vasi sanguigni e le arterie. È per questo motivo che il pepe di cayenna aiuta a contrastare gli attacchi cardiaci e gli ictus. Per di più la capsaicina svolge un'azione benefica sui vasi sanguigni che si trovano attorno ai muscoli, facendo sì che si rilassino e si allarghino: tutto ciò favorisce la circolazione del sangue.

Come fermare l'infarto in 1 minuto: la ricetta del dottor Christopher


Il dottor John Raymond Christopher, noto erboristerista americano, addirittura avrebbe documentato casi di persone salvate grazie ad infuso preparato con un cucchiaino di pepe di Cayenna. La procedura consisterebbe nel sorreggere il paziente e preparare un tazza di acqua calda con un cucchiaino da te pieno di peperoncino. Il paziente deve bere il liquido e l´attacco cardiaco smetterá immediatamente. Vi sconsigliamo però di ricorrere a metodi alternativi e la prima cosa da fare se si verifica un attacco cardiaco è rivolgersi immediatamente al 118. Ad ogni modo, uno studio del 2009 dell'Università di Cincinnati aveva rilevato che spalmando una crema a base di pepe di Cayenna sulla pelle durante un attacco cardiaco può prevenire o ridurre i danni al cuore nel mentre che i medici intervengono. I ricercatori hanno applicato della capsaicina su determinati punti della pelle dei ratti, notando che si attivava una comunicazione cellulare che proteggeva il muscolo.Seguici su Facebook se tin interessano notizie di salute e alimentazione



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





NOTIZIE + RECENTI

Ecco i cibi che causano 500mila morti l’anno per malattie di cuore

Da Oms guerra a grassi trans, eliminarli dalla dieta

Frutta verdure e pesce tengono le rughe lontane

A evidenziarlo è uno studio dell'Erasmus Medical Centre di Rotterdam

Olio extravergine d’oliva: meglio DOP o IGP?

Il legame col territorio è dunque più forte nel DOP piuttosto che nell’IGP

Perché scegliere una birra artigianale?

Tra le altre cose ha un maggiore contenuto in vitamine e minerali rispetto ad una birra filtrata

Ecco cosa succede al cervello se mangiamo cioccolato fondente

Il cioccolato fondente è anti-infiammatorio e antistress

Corsi - Prevenzione a tavola

Il miglio previene diabete e cancro

È un cereale ricco di ferro, fosforo, magnesio, vitamine del gruppo B e soprattutto di acido folico

La carne dei fast food è da demonizzare?

Basta evitare patatine fritte, salse e bevande zuccherate e tenere a mente le raccomandazioni anti-cancro

Gli effetti di verdure, yogurt, tè e cioccolato sul fegato

Studio su cirrosi epatica, più diversità batteri intestino

Corsi - Prevenzione a tavola

La frutta secca fa battere il cuore a un ritmo regolare

Il consumo riduce il rischio di fibrillazione atriale

Perché scegliere i grani antichi?

Coltivare i grani antichi significa salvaguardare queste specie vegetali ed impedire che si estinguano

I ravanelli fanno benissimo al nostro organismo

Ha importanti facoltà antiossidanti e depurative, un ottimo aiuto per il fegato e la cistifellea

Cosa succede se si beve una birra in gravidanza?

Anche le bevande con gradazione alcolica medio-bassa sono pericolose in gravidanza

Ecco come scegliere il miglior olio extravergine d’oliva

Il miglior olio evo? Fruttato, amaro e piccante

Latte di mandorla: ottimo alleato per le ossa

Tra le bevande vegetali, è quello che contiene un maggior quantitativo di calcio, magnesio e fosforo

Come orientarsi tra i diversi tipi di farina

La nutrizionista spiega la differenza tra farine integrali, tipo 00, tipo 0, tipo 1, tipo 2, di manitoba, di grano duro, di grano tenero