I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Il cloro dell’insalata in busta uccide i microbi utili al corpo

Le raccomandazioni fatte dal dottor Franco Berrino durante la conferenza 'Il Cibo, la Genetica e il Karma'

Pubblicato il 05/02/2015 da Prevenzione a tavola
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

L'insalata in busta fa male? No, ma sicuramente non porta benefici al nostro organismo. Ne ha parlato il dottor Franco Berrino nel corso della conferenza "Il Cibo, la Genetica e il Karma" tenutasi mercoledì all'Istituto dei Tumori di Milano. L'epidemiologo ha parlato di come è possibile modificare l'attività dei geni con il cibo e con le pratiche psicodinamiche: "Per modificare l'informazione che c'è nel nostro DNA una via è la via del cibo. Ho messo qualche principio: rispettare la terra, rispettare il cibo, rispettare i microbi che ci sono sul cibo. Non mangiamo solo il cibo sterile industriale, i microbi servono tantissimo. Per rispettare il nostro corpo e il nostro intestino ci devono essere i microbi in quello che mangiamo. L'insalata già lavata che comprate al supermercato è stata trattata con del cloro che ha ucciso tutto quel film di microbi che c'è sulla foglia di insalata. Non ci farà tanto male, ma non ci farà bene", ha detto. Berrino ha anche parlato dei benefici della restrizione calorica: "Se mangi poco si abbassano l'insulina e la glicemia, e chi ha l'insulina e la glicemia bassa si ammala meno di cancro". La restrizione calorica inoltre "influenza la metilazione. Fa aumentare le deacetilasi degli istoni e quindi ha un effetto clamoroso per attivare un gene che si chiama AMPK. Questo gene si attiva quando c'è poca energia, quando non c'è da mangiare, e attivandosi blocca tutti i processi biochimici che consumano energia, la proliferazione cellulare, ed è molto importante per la prevenzione dei tumori. L'epidemiologo ha anche fatto alcune raccomandazioni per chi è ammalato di tumore: "Tenere basse la glicemia e l'insulina, quindi evitare gli zuccheri e le farine raffinate. Tenere bassi i fattori di crescita che stimolano la proliferazione, quindi il latte, che è un alimento per far crescere. Tenere basse le infiammazioni, quindi ridurre il consumo di carne: i prodotti animali, eccetto il pesce, aumentano le infiammazioni". Seguici su Facebook se ti interessano notizie di salute e alimentazione



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Mangiare frutta e verdura rende felici

Uno studio dimostra che il benessere individuale cresce all'aumentare delle porzioni di frutta e verdura

Se mangi cavolo viola la tua salute ti ringrazierà

Ricco di vitamine, ottimo per la salute degli occhi e per abbassare il colesterolo

Zuppa di borlotti con maltagliati fatti in casa

Berrino: come invecchiare in salute con la corretta alimentazione

Il cibo è la nostra arma più forte contro le malattie croniche

Come usare gli agrumi per combattere tosse, mal di gola, raffreddore

I trucchi del contadino a base di agrumi contro i malanni di stagione

Corsi - Prevenzione a tavola

Muffin con olive e capperi agli aromi

Oggi prepariamo di gustosi muffin salati buonissimi ma ottimi per il nostro organismo

Cosa mangiare per combattere il freddo

Arriva la “dieta universale” per prevenire le malattie e salvare il pianeta

Corsi - Prevenzione a tavola

Quanti grammi di fibre e cereali integrali servono contro cancro, diabete e infarto?

Il sale rosa dell’Himalaya fa bene?

Sento spesso farmi questa domanda: ”Il sale rosa fa bene? E’ meglio di quello bianco?”

Come stufare carciofi e cicoria

uUn accostamento semplice che unisce due sapori particolari che insieme si armonizzano

Il dolcificante fa davvero perdere peso?

Veronesi: le sostanze anti-cancro di frutta e verdura

Come proteggerci dalle numerose sostanze potenzialmente cancerogene intorno a noi

10 ottime ragioni per portare in tavola il radicchio rosso

Moltissimi benefici per la nostra salute

La carne rossa collegata al rischio infarti e ictus

Troppa carne rossa mette in circolo una sostanza legata al rischio cuore