I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Come curare i funghi con l’aglio

Uno studio ha rilevato che funziona più delle medicine

Pubblicato il 03/02/2015 da Prevenzione a tavola

Potrebbe capitare di contrarre la micosi ai piedi, che si verifica quando questi sono infettati da un fungo. La prima cosa da fare è evitare che sorga questo problema lavandosi i piedi accuratamente almeno una volta al giorno e con un buon sapone che non irriti la pelle. Ma questo può non bastare e se ci "prendiamo i funghi" dobbiamo eliminarli in qualche modo. Di seguito vi proponiamo un ottimo rimedio naturale.Come curare i funghi con l'aglio:In questo alimento troviamo ajoene, una sostanza antimicotica che si è risultata efficace nel combattere diverse infezioni, come il piede d'atleta e la candidosi. La dottoressa Lawrence D. Rosen ha fatto notare che gli studi hanno dimostrato che applicando una soluzione di ajoene all'1% per due volte alla settimana per due mesi è possibile curare il piede d'atleta nel 100% dei casi. Il "Lamisil" invece presenta un tasso di cura del 94% di una soluzione all'1%, secondo quanto rilevato da una ricerca pubblicata sul Journal of the American Academy of Dermatology. Le soluzioni di ajoene non si trovano nei negozi, ma si possono facilmente preparare tritando finemente alcuni spicchi d'aglio, e inserendoli in una bacinella con dell'acqua calda. Qui immergeremo i piedi per mezz'ora. Altrimenti possiamo anche mescolare l'aglio appena tritato con dell'olio di oliva per poi strofinarlo sulle aree dei piedi colpite con del cotone.Gli effetti collaterali dell'aglio non sono molto comuni e generalmente hanno scarsi effetti. Alcune persone tuttavia potrebbero sviluppare allergie.

Come curare i funghi con l'aglio: l'infuso con i chiodi di garofano


Leggiamo su Inerboristeria:"Si utilizza anche come infuso preparato con aglio, olio e 4 chiodi di garofano schiacciati, applicandolo sulla pelle per due o tre volte al giorno (dopo la preparazione, lasciarlo riposare a temperatura ambiente per tre giorni, poi filtrare; va conservato in frigorifero fino ad un massimo di 6 mesi)."



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





NOTIZIE + RECENTI

I ravanelli fanno benissimo al nostro organismo

Ha importanti facoltà antiossidanti e depurative, un ottimo aiuto per il fegato e la cistifellea

Cosa succede se si beve una birra in gravidanza?

Anche le bevande con gradazione alcolica medio-bassa sono pericolose in gravidanza

Ecco come scegliere il miglior olio extravergine d’oliva

Il miglior olio evo? Fruttato, amaro e piccante

Latte di mandorla: ottimo alleato per le ossa

Tra le bevande vegetali, è quello che contiene un maggior quantitativo di calcio, magnesio e fosforo

Come orientarsi tra i diversi tipi di farina

La nutrizionista spiega la differenza tra farine integrali, tipo 00, tipo 0, tipo 1, tipo 2, di manitoba, di grano duro, di grano tenero

Corsi - Prevenzione a tavola

Grassi saturi: sempre più studi ribaltano tutto ciò che sapevamo finora

Oggi sono sempre più numerosi gli studi che ci raccontano tutta un’altra storia rispetto ai grassi cattivi

Il latte di soia fa male ai bambini?

Può essere dato ai bambini? Fa bene o fa male? È il giusto sostituto del latte?

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina

Corsi - Prevenzione a tavola

Perché gli asparagi sono così buoni per la salute

Cinque ottimi motivi per mangiare gli asparagi e qualche ricetta per utilizzarli in cucina

L’olio extravergine di oliva fa ingrassare?

Quanti cucchiai bisogna consumarne, è meglio a crudo o cotto e altre risposte ai vostri dubbi

5 ottimi motivi per mangiare indivia

L'indivia è una verdura eccezionale per il nostro organismo

Le virtù del Pan di zucchero, la cicoria bianca

Stimola le funzioni intestinali,del fegato e dei reni. Ecco come cucinarla

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali

Ecco cosa mangiare dopo i 60 anni

Ogni età ha la sua dieta: ecco come dovrebbe essere quella degli over 60

Soia ai bambini: sì o no?

Esisterebbe un rischio nel consumo abbondante e prolungato di prodotti di soia: i fitoestrogeni