I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Cosa c’è dentro un KitKat?

Lo snack messo a confronto con una merenda ideale

Pubblicato il 31/12/2014 da Chiara Cevoli

Cosa c’è dentro un KitKat?

Un'altra merenda a base di zucchero, un altro snack buonissimo. È semplice produrre alimenti così appetibili con questi ingredienti: zucchero, grassi e sale. Lo zucchero in grande quantità è oro per il nostro palato, il nostro umore, il gusto; i grassi lo rendono appetibile e il sale? Anche il sale serve a spingerci a mangiarne, mangiarne e mangiarne: non a caso è presente in tutti gli alimenti industriali dlci. La combinazione di zuccheri e grassi rende inoltre questi alimenti non solo irresistibili, ma sembrerebbe innescare una certa dipendenza, mimando a livello cerebrale gli effetti di alcune droghe. Ingredienti: zucchero, farina di frumento, burro di cacao, latte scremato in polvere, grasso di palma, pasta di cacao, burro anidro, filtrato di siero di latte in polvere, cacao magro in polvere, emulsionante lecitine di girasole, aromi, sale, agente lievitante carbonati di sodio. tab A prima vista saltano subito agli occhi 2 cose: tantissimi i grassi saturi e gli zuccheri semplici responsabili rispettivamente di malattie cardiovascolari e diabete. Vediamo ora come dovrebbe essere composta una merenda “ideale” per un bambino di 8 anni, con un’assunzione di 1800 Kcal (stima) giornaliere e con il 5% di queste calorie dedicate alla merenda. tab2 Rispetto ad una merenda ideale, un KitKat ha: tab3 Guardando la tabella, se scegliamo come merenda per noi o i nostri figli un KitKat scegliamo di mangiare uno spuntino: - Ipercalorico - Iperproteico - Iperlipidico - Iperglucidico Alla luce di quanto detto: continuerete ancora a comprarlo? Seguimi su Facebook



banner basso postfucina





Chiara Cevoli

Chiara Cevoli
Biologa Nutrizionista

Laureata in Biologia Applicata alla Ricerca Biomedica presso l'Università di Roma La Sapienza nel 2009 con lode, mi sono da subito interessata alla tematica dell'alimentazione frequentando diversi corsi e collaborando in alcuni Ospedali del Lazio come volontaria. Negli anni successivi è quindi iniziata la mia attività come Biologo Nutrizionista ... LEGGI »

Seguilo su:Blog


  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Mangiare frutta e verdura rende felici

Uno studio dimostra che il benessere individuale cresce all'aumentare delle porzioni di frutta e verdura

Se mangi cavolo viola la tua salute ti ringrazierà

Ricco di vitamine, ottimo per la salute degli occhi e per abbassare il colesterolo

Zuppa di borlotti con maltagliati fatti in casa

Berrino: come invecchiare in salute con la corretta alimentazione

Il cibo è la nostra arma più forte contro le malattie croniche

Come usare gli agrumi per combattere tosse, mal di gola, raffreddore

I trucchi del contadino a base di agrumi contro i malanni di stagione

Corsi - Prevenzione a tavola

Muffin con olive e capperi agli aromi

Oggi prepariamo di gustosi muffin salati buonissimi ma ottimi per il nostro organismo

Cosa mangiare per combattere il freddo

Arriva la “dieta universale” per prevenire le malattie e salvare il pianeta

Corsi - Prevenzione a tavola

Quanti grammi di fibre e cereali integrali servono contro cancro, diabete e infarto?

Il sale rosa dell’Himalaya fa bene?

Sento spesso farmi questa domanda: ”Il sale rosa fa bene? E’ meglio di quello bianco?”

Come stufare carciofi e cicoria

uUn accostamento semplice che unisce due sapori particolari che insieme si armonizzano

Il dolcificante fa davvero perdere peso?

Veronesi: le sostanze anti-cancro di frutta e verdura

Come proteggerci dalle numerose sostanze potenzialmente cancerogene intorno a noi

10 ottime ragioni per portare in tavola il radicchio rosso

Moltissimi benefici per la nostra salute

La carne rossa collegata al rischio infarti e ictus

Troppa carne rossa mette in circolo una sostanza legata al rischio cuore