I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Sapete perché i Pavesini sono così buoni?

Quasi il 50% del peso del prodotto è costituito da zucchero

Pubblicato il 29/12/2014 da Chiara Cevoli

Lo snack preferito da moltissime persone: i Pavesi. Spesso utilizzati (e consigliati) come spuntino quando si sta a dieta perché contengono meno delle fatidiche 100 calorie. È diventata un’ossessione questa delle calorie, tutti preoccupati a contarle, tenerne sempre conto, ma spesso sfugge la cosa più importante: cosa c’è dentro? Come è fatto? Fa bene o fa male? Sono queste le domande principali da porsi quando decidiamo cosa mangiare.

Cosa c’è dentro i Pavesini?

Ingredienti: Zucchero 49,2%, farina di frumento, uova fresche 23,5%, agenti lievitanti (carbonato acido d'ammonio, carbonato acido di sodio), zucchero caramellato, aromi.

tab

Sapete perché i Pavesini sono così buoni? Perché sono fatti di zucchero. Quasi il 50% del peso del prodotto è proprio dato da questo ingrediente: un pacchetto da 25 gr contiene 12,3 gr di zucchero, in pratica un cucchiaio abbondante. In realtà anche un po’ di più perché oltre allo zucchero semplice, i Pavesini contengono anche zucchero caramellato: consideriamo quindi un cucchiaio e mezzo a pacchetto. Vediamo, per confronto, i valori nutrizionali di una mela media (circa 150 gr)

tab2

Nonostante pesi 6 volte di più rispetto ad un pacchetto di Pavesini, una mela contiene meno calorie, meno grassi, meno carboidrati, più fibre e una buona quantità di acqua (che si fa sempre un po’ fatica a bere). Non dimentichiamo vitamine, minerali e altri compost benefici di cui la frutta è ricca. Quindi se stiamo a dieta e non possiamo fare a meno di contare ossessivamente le calorie ingerite, una mela ne fa risparmiare circa 30. Ma come detto sopra, non è così importante il singolo sterile numero che ci indica quante calorie contiene la porzione di cibo che stiamo per mangiare.

A parità di peso di una mela media (150 gr), i Pavesini forniscono ben 592,5 Kcal: non sono perciò uno snack ipocalorico, l’esatto contrario, sono uno snack ipercalorico. Il trucco sta nel peso: 25 miseri grammi per porzione. Tenete presente che queste merende non hanno un potere saziante particolarmente elevato per 2 ragioni principali:

1. Il misero peso della porzione (25 gr)

2. L’elevata quantità di zuccheri che contengono causano poco tempo dopo la loro ingestione un abbassamento dei livelli di zucchero nel sangue: segnale questo che il corpo legge come bisogno di cibo, come fame, costringendovi a mangiare ancora e ancora. La buona quantità di fibre contenute nelle mele, ma nella frutta in generale, aiutano al contrario, a farci sentire più sazi, impediscono l’abbassamento degli zuccheri nel sangue e apportano molti benefici al nostro apparato digerente. Fate la spesa dai contadini non al supermercato!

Seguimi su Facebook



banner basso postfucina





Chiara Cevoli

Chiara Cevoli
Biologa Nutrizionista

Laureata in Biologia Applicata alla Ricerca Biomedica presso l'Università di Roma La Sapienza nel 2009 con lode, mi sono da subito interessata alla tematica dell'alimentazione frequentando diversi corsi e collaborando in alcuni Ospedali del Lazio come volontaria. Negli anni successivi è quindi iniziata la mia attività come Biologo Nutrizionista ... LEGGI »

Seguilo su:Blog


  • Segui Prevenzione a Tavola:





NOTIZIE + RECENTI

Ecco i cibi che causano 500mila morti l’anno per malattie di cuore

Da Oms guerra a grassi trans, eliminarli dalla dieta

Frutta verdure e pesce tengono le rughe lontane

A evidenziarlo è uno studio dell'Erasmus Medical Centre di Rotterdam

Olio extravergine d’oliva: meglio DOP o IGP?

Il legame col territorio è dunque più forte nel DOP piuttosto che nell’IGP

Perché scegliere una birra artigianale?

Tra le altre cose ha un maggiore contenuto in vitamine e minerali rispetto ad una birra filtrata

Ecco cosa succede al cervello se mangiamo cioccolato fondente

Il cioccolato fondente è anti-infiammatorio e antistress

Corsi - Prevenzione a tavola

Il miglio previene diabete e cancro

È un cereale ricco di ferro, fosforo, magnesio, vitamine del gruppo B e soprattutto di acido folico

La carne dei fast food è da demonizzare?

Basta evitare patatine fritte, salse e bevande zuccherate e tenere a mente le raccomandazioni anti-cancro

Gli effetti di verdure, yogurt, tè e cioccolato sul fegato

Studio su cirrosi epatica, più diversità batteri intestino

Corsi - Prevenzione a tavola

La frutta secca fa battere il cuore a un ritmo regolare

Il consumo riduce il rischio di fibrillazione atriale

Perché scegliere i grani antichi?

Coltivare i grani antichi significa salvaguardare queste specie vegetali ed impedire che si estinguano

I ravanelli fanno benissimo al nostro organismo

Ha importanti facoltà antiossidanti e depurative, un ottimo aiuto per il fegato e la cistifellea

Cosa succede se si beve una birra in gravidanza?

Anche le bevande con gradazione alcolica medio-bassa sono pericolose in gravidanza

Ecco come scegliere il miglior olio extravergine d’oliva

Il miglior olio evo? Fruttato, amaro e piccante

Latte di mandorla: ottimo alleato per le ossa

Tra le bevande vegetali, è quello che contiene un maggior quantitativo di calcio, magnesio e fosforo

Come orientarsi tra i diversi tipi di farina

La nutrizionista spiega la differenza tra farine integrali, tipo 00, tipo 0, tipo 1, tipo 2, di manitoba, di grano duro, di grano tenero