I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Sarroch, ‘aria irrespirabile’ per un guasto in raffineria

La presunta perdita di idrocarburi nella raffineria dei Moratti ha scatenato le lamentele dei cittadini

Pubblicato il 19/12/2014 da Prevenzione a tavola

Sarroch, 'aria irrespirabile' per un guasto in raffineria


A Sarroch, comune di 5.000 abitanti in provincia di Cagliari, l'aria è diventata irrespirabile a causa di una perdita di idrocarburi nella raffineria Saras, di proprietà della famiglia Moratti. Il guasto si è verificato mercoledì mattina scatenando le lamentele degli abitanti del comune sardo, alcuni dei quali accusato bruciore agli occhi e alla gola. L'Unione Sarda, che ha riportato la notizia, spiega che "chi ieri si trovava nel mercato settimanale ha faticato a respirare e alcuni hanno lamentato bruciori agli occhi e alla gola". Non si tratta oltretutto della prima volta che capitano episodi del genere: "L'aria ha provocato nausea a diverse persone e non è certo la prima volta: la settimana scorsa si è verificato lo stesso problema", ha raccontato un venditore di frutta e verdura al quotidiano.

Sarroch, guasto in raffineria: la posizione dell'azienda e le lamentele dei cittadini


La Saras, l'azienda che gestisce l'impianto di Sarroch, ha affermato che non c'è stata alcuna emissione di idrocarburi: "L'odore percepito nel mercato è stato frutto di una movimentazione di gasolio da un impianto a un serbatoio, che ha causato emissioni di olio combustibile, non perdite di idrocarburi. Le centraline della rete di monitoraggio di emissioni nocive non hanno registrato alcuno sforamento dei limiti di legge. [...] Come da procedura, dalla segnalazione dei cittadini è stata avviata un'indagine interna per risalire alle cause". Le lamentele a Sarroch arrivano da più parti: "È cominciato tutto poco dopo le 10, da quel momento in poi si è faticato anche a respirare", ha detto un venditore di frutta e verdura all'Unione Sarda e due pescivendoli raccontano la stessa storia: "Stavolta la puzza è arrivata solo a metà mattina, la settimana scorsa l'aria era irrespirabile dalle 8. Alcuni cittadini hanno coperto la bocca con una sciarpa per non respirare quell'aria malsana". E Nino, operaio in pensione, ha raccontato: "La puzza è stata insopportabile, ma non è certo la prima volta, la settimana scorsa sono dovuto tornare a casa perché ho avuto un attacco di nausea".

Sarroch, regno della leucemia infantile


Gli episodi accaduti nelle scorse settimane nel comune di Sarroch suscitano dubbi sulle condizioni di salute dei cittaini: "Quattordici casi di tumore al sistema emo-linfatico su 5.500 residenti. Le leucemie colpiscono a Sarroch il 30 per cento in più al resto della Sardegna e potrebbero esser collegate al benzene distribuito nell’aria dalle grandi industrie a stretto contatto con case e palazzine", scriveva Paolo Carta sull'Unione Sarda. Lo scorso 28 novembre sono stati presentati i risultati del Progetto “Sarroch Ambiente e Salute”, in corso dal 2005 e coordinato dal prof. Annibale Biggeri, statistico dell’Università degli Studi di Firenze. Secondo la ricerca i 75 bambini delle scuole elementari e medie di Sarroch (CA) costituenti il campione della ricerca "presentano incrementi significativi di danni e di alterazioni del Dna rispetto al campione di confronto estratto dalle aree di campagna". Fonti: L'Unione Sarda; Manifesto Sardo Seguici su Facebook se ti interessano le nostre notizie:



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La carne rossa collegata al rischio infarti e ictus

Troppa carne rossa mette in circolo una sostanza legata al rischio cuore

Non causa solo ipertensione: nuova ricerca svela i rischi del sale

Ecco cosa si rischia con una dieta ad alto contenuto di sale

Il caffè può rallentare il Parkinson

I ricercatori hanno scoperto le potenzialità di due composti del caffè

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Corsi - Prevenzione a tavola

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale

Corsi - Prevenzione a tavola

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina

La ricetta dello strudel di zucca

Oggi prepariamo un dolce buono e sano che non ci farà sentire in colpa, lo strudel di zucca

Ecco la frutta che ti salva da infarto e ictus

Le antocianine presenti in alcuni tipi di frutta rappresentano uno scudo per la salute del cuore

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente