I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Frutta e verdura, con 200 g in più 20.000 morti in meno

Se aumentasse il consumo giornaliero diminuirebbero i decessi e la spesa sanitario

Pubblicato il 19/12/2014 da Prevenzione a tavola

Frutta e verdura, con 200 g in più 20.000 morti in meno


Che frutta e verdura fanno bene già lo sappiamo, e ora le statistiche sembrano confermarlo. Una ricerca condotta dall'Istituto Agroter ha rilevato che se gli italiani mangiassero almeno 2 etti in più di frutta e verdura ogni giorno ci sarebbero 20.000 morti in meno dovute a patologie cardiovascolari e di conseguenza si risparmierebbero 1,5 miliardi di euro per la spesa sanitaria. Al giorno d'oggi un italiano consuma in media 303 grammi di frutta e verdura al giorno, quantità che è diminuita negli ultimi 15 anni: nel 2000, la quota era di 361 grammi. Lo studio ha evidenziato che se dal 2000 a oggi il consumo di frutta e verdura in Italia fosse rimasto stabile si sarebbero risparmiati ben 3,4 miliardi di euro e avremmo prevenuto 52.000 potenziali morti causate da malattie cardiovascolari.

Gli italiani inconsapevoli del calo di consumo di frutta e verdura


Un sondaggio ha rilevato che soltanto il 9% degli italiani dice di essere "responsabile" della diminuzione del consumo di frutta e verdura è registrato nel 2013-2014, e secondo il 21% delle 2.000 persone su cui è stato effettuato il sondaggio i consumi sarebbero aumentati. Per di più, i dati dell'Istat mettono in luce come che quasi la metà degli italiani (il 45%) risulta avere problemi con il peso: 11% obesi, 31% sovrappeso e 3% sottopeso. L''87% degli intervistati nel corso del sondaggio Agroter ha invece affermato di "seguire un'alimentazione sana ed equilibrata". La conclusione della ricerca è "che senza un forte investimento, pienamente giustificato dai risparmi a lungo termine sul sistema sanitario, si stima che nel 2022 i consumi continueranno a scendere fino ad arrivare a 277 grammi, facendo svanire così, più di quanto stia già succedendo, l'amata dieta mediterranea dalle tavole degli italiani". Se si riuscisse perlomeno ad invertire la tendenza e a ritornare ai consumi del 2000 si risparmierebbero 3,3 miliardi di euro per le sole patologie cardiovascolari. Se invece "si raggiungesse il traguardo più ambizioso, quello dei 503 grammi (+200 grammi) sempre nello stesso lasso di tempo, si potrebbe cumulare un risparmio di ben 8,9 miliardi di euro". Iscriviti a questo gruppo se ti interessano notizie di salute e alimentazione
  Fonti: Tg Com; Repubblica



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore

Corsi - Prevenzione a tavola

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali

Ricetta del Pan dei morti senza zucchero

Una versione senza zucchero e con farina integrale del Pan dei morti

La ricetta del castagnaccio

Ecco la ricetta sana e genuina del castagnaccio, senza zucchero o latte

Corsi - Prevenzione a tavola

Alla scoperta della Batata, la patata a basso indice glicemico

La batata è il tubero della salute: proprietà nutrizionali e qualche ricetta

La pasta non fa ingrassare ma rende felici

Gli endocrinologi svelano come godersi un piatto di pasta senza ingrassare

Maltagliati di farro con borlotti e castagne

Una ricetta autunnale, sana e golosa

Zuppa di lenticchie con castagne

Ricetta sana e gustosa, perfetta per l'autunno

Come scegliere una buona zucca? Ecco le differenze tra le diverse qualità

Mantovana, Delica, Napoletana, Violina: perché fanno bene e come cucinarle

6 ottimi motivi per mangiare finocchi

I finocchi rappresentano un ottimo alimento per il nostro organismo

Anemia da carenza di ferro? Ecco cosa mangiare

Quali sono i cibi che ne contengono di più?