I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Ebola, Napolitano telefona al medico italiano ammalato

Il capo dello stato ha fatto gli auguri al medico di Emergency ricoverato allo Spallanzani

Pubblicato il 18/12/2014 da Prevenzione a tavola

Ebola, Napolitano telefona al medico italiano ammalato


Le condizioni del medico italiano che ha contratto il virus ebola continuano a migliorare. Il medico, che lavora per Emergency, non risulta più essere in prognosi riservata, secondo quanto riportato dal bollettino di oggi dell'istituto Spallanzani di Roma, la clinica in cui è stato ricoverato. Nella giornata di ieri il presidente dell'organizzazione Cecilia Strada ha dichiarato che ormai "si può vedere la fine del tunnel", con riferimento al miglioramento delle condizioni del dottore. Ora il paziente è in grado di respirare, camminare e alimentarsi autonomamente, mentre solo due settimane fa le sue condizioni si erano aggravate e il personale dello Spallanzani avevano dovuto ricorrere al respiratore e trasferirlo nel reparto di rianimazione. Il paziente ha anche ricevuto una telefonata di auguri del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.

5 cose che devi sapere sull'Ebola


1) Esiste da decenni: è importante sapere che erano già scoppiate in passato delle epidemie di ebola: nel 1976 il virus si presentò per la prima volta. In precedenza era stato chiamato Zaire virus, dal nome dello stato che ora si chiama Repubblica Democratica del Congo. Al momento ci sono due epidemie, una in Africa Occidentale e una in Congo. 2) Non c’è cura: l’alto tasso di mortalità e i sintomi che si manifestano come il sanguinamento fanno pensare ad un film horror. In realtà, come avevamo già spiegato, non si tratta di una malattia altamente contagiosa: è il motivo per cui gli investimenti per la ricerca non sono mai stati altissimi ed è stata data priorità ad altre malattie. In questo momento si stanno sperimentando diversi vaccini: solo in Russia ne sono stati messi a punto tre e uno anche in Italia. 3) In Africa Occidentale non c’è stata una reazione adeguata: in Africa Occidentale l'epidemia è scoppiata per via della mancanza di un efficiente sistema sanitario e delle scarsissime condizioni di igiene della popolazione. Per di più l’epidemia negli stati di questa zona dell'Africa l'epidemia ha causato disordini e violenze di ogni tipo. 4) Il rischio di contagio in Occidente non è alto ormai la psicosi è passata, ma se il virus dovesse raggiungere il Vecchio Continente o gli USA il rischio di contagio e diffusione non sarebbe alto come in Africa, grazie al sistema di alert europeo e agli efficienti sistemi sanitari dei paesi industrializzati. Per via del fatto che i pazienti che contraggono l'ebola diventano infetti 21 giorni dopo che si ammalano e verrebbero quindi messi in quarantena immediatamente, una volta scoperti. 5) L’epidemia costa decine di miliardi di dollari: la Banca Mondiale aveva reso neto che il virus nel peggiore dei casi costerà 33 miliardi di dollari. Il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti all'inizio della crisi aveva spedito circa 3.000 militari in Africa Occidentale, per un costo di circa 1 miliardo di dollari. Iscriviti a questo gruppo se ti interessano notizie di salute e alimentazione

Fonti: Reuters; La Fucina; ANSA



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La curcuma è in grado di uccidere le cellule tumorali

I ricercatori hanno scoperto che unendola al platino riesce a uccidere le cellule malate

Psoriasi? Ci pensa la dieta mediterranea

Studio condotto su oltre 3500 persone colpite da malattia dà ottimi risultati

Come conservare l’olio extravergine di oliva

Esistono diverse accortezze, come tenere l'olio al riparo da luce, calore e ossigeno

Cosa pensa davvero l’ONU di parmigiano, olio d’oliva e prosciutto

Siamo tornati sull'argomento per fare chiarezza su quello che è avvenuto realmente

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

Corsi - Prevenzione a tavola

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'

Scoperto perché una mela al giorno leva il medico di torno

Il segreto è contenuto nei polifenoli che hanno un ruolo decisivo nel microbiota dell'intestino

Corsi - Prevenzione a tavola

La ricetta dell’Acquasale pugliese, piatto povero ma ricco

Acquasale, una tipica ricetta Salentina povera negli ingredienti ma ricca in principi nutritivi

I valori nutrizionali della farina di grano duro

La classificazione degli sfarinati e la superiorità nutrizionale della farina integrale e dei suoi derivati

Alla scoperta della Meloncella, frutto-verdura dalle mille virtù

La meloncella del Salento è ricchissima di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

Conoscete la cottura passiva?

La cottura passiva fa risparmiare e conserva tutti i nutrienti

Il tè verde mantiene il cuore in salute e contrasta l’infarto

Il merito potrebbe essere di una sostanza antiossidante contenuta nel tè verde

Il mango contrasta stitichezza e intestino pigro

Studio rivela che basta un mango uno al giorno

Tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno in un’unica ciotola

Impariamo a preparare la ciotola di Buddha per un pasto sano e completo