I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Ebola, Napolitano telefona al medico italiano ammalato

Il capo dello stato ha fatto gli auguri al medico di Emergency ricoverato allo Spallanzani

Pubblicato il 18/12/2014 da Prevenzione a tavola

Ebola, Napolitano telefona al medico italiano ammalato


Le condizioni del medico italiano che ha contratto il virus ebola continuano a migliorare. Il medico, che lavora per Emergency, non risulta più essere in prognosi riservata, secondo quanto riportato dal bollettino di oggi dell'istituto Spallanzani di Roma, la clinica in cui è stato ricoverato. Nella giornata di ieri il presidente dell'organizzazione Cecilia Strada ha dichiarato che ormai "si può vedere la fine del tunnel", con riferimento al miglioramento delle condizioni del dottore. Ora il paziente è in grado di respirare, camminare e alimentarsi autonomamente, mentre solo due settimane fa le sue condizioni si erano aggravate e il personale dello Spallanzani avevano dovuto ricorrere al respiratore e trasferirlo nel reparto di rianimazione. Il paziente ha anche ricevuto una telefonata di auguri del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.

5 cose che devi sapere sull'Ebola


1) Esiste da decenni: è importante sapere che erano già scoppiate in passato delle epidemie di ebola: nel 1976 il virus si presentò per la prima volta. In precedenza era stato chiamato Zaire virus, dal nome dello stato che ora si chiama Repubblica Democratica del Congo. Al momento ci sono due epidemie, una in Africa Occidentale e una in Congo. 2) Non c’è cura: l’alto tasso di mortalità e i sintomi che si manifestano come il sanguinamento fanno pensare ad un film horror. In realtà, come avevamo già spiegato, non si tratta di una malattia altamente contagiosa: è il motivo per cui gli investimenti per la ricerca non sono mai stati altissimi ed è stata data priorità ad altre malattie. In questo momento si stanno sperimentando diversi vaccini: solo in Russia ne sono stati messi a punto tre e uno anche in Italia. 3) In Africa Occidentale non c’è stata una reazione adeguata: in Africa Occidentale l'epidemia è scoppiata per via della mancanza di un efficiente sistema sanitario e delle scarsissime condizioni di igiene della popolazione. Per di più l’epidemia negli stati di questa zona dell'Africa l'epidemia ha causato disordini e violenze di ogni tipo. 4) Il rischio di contagio in Occidente non è alto ormai la psicosi è passata, ma se il virus dovesse raggiungere il Vecchio Continente o gli USA il rischio di contagio e diffusione non sarebbe alto come in Africa, grazie al sistema di alert europeo e agli efficienti sistemi sanitari dei paesi industrializzati. Per via del fatto che i pazienti che contraggono l'ebola diventano infetti 21 giorni dopo che si ammalano e verrebbero quindi messi in quarantena immediatamente, una volta scoperti. 5) L’epidemia costa decine di miliardi di dollari: la Banca Mondiale aveva reso neto che il virus nel peggiore dei casi costerà 33 miliardi di dollari. Il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti all'inizio della crisi aveva spedito circa 3.000 militari in Africa Occidentale, per un costo di circa 1 miliardo di dollari. Iscriviti a questo gruppo se ti interessano notizie di salute e alimentazione

Fonti: Reuters; La Fucina; ANSA



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Zuppa di lenticchie con castagne

Ricetta sana e gustosa, perfetta per l'autunno

Come scegliere una buona zucca? Ecco le differenze tra le diverse qualità

Mantovana, Delica, Napoletana, Violina: perché fanno bene e come cucinarle

6 ottimi motivi per mangiare finocchi

I finocchi rappresentano un ottimo alimento per il nostro organismo

Anemia da carenza di ferro? Ecco cosa mangiare

Quali sono i cibi che ne contengono di più?

Alla scoperta del topinambur, l’ortaggio che vi cambierà la vita

Il topinambur combina proprietà diuretiche con doti benefiche per abbassare la glicemia

Corsi - Prevenzione a tavola

Ecco gli alimenti per sorridere all’autunno

Cambio di stagione, gli alimenti alleati del buonumore

Ecco perché vale la pena mangiare i cachi

Racchiudono straordinarie proprietà per il nostro organismo

Dal cacao un aiuto per ossa fragili e malattie respiratorie

Il cacao e gli alimenti che lo contengono hanno quantità significative di vitamina D2

Corsi - Prevenzione a tavola

Raffreddore e influenza in arrivo: anticipiamo il TG col cibo giusto

Ecco i cibi che possono aiutarci a prevenire i mali di stagione

Perché la cicoria è così buona per la salute

La cicoria si può trovarla da settembre fino a febbraio: ecco una ricetta sana e gustosa

Ecco perché mangiare i fichi d’India

Un toccasana per il nostro organismo. Un trucco per sbucciarli e una ricetta gustosa

La zucca è ottima per la nostra salute: due ricette da leccarsi i baffi

La zucca, la regina dell'autunno, è ricca di proprietà benefiche per il nostro organismo

Tutti i cibi che fanno bene alla pelle

La mantengono sana, idratata e la fanno invecchiare meno

L’olio extravergine d’oliva protegge da infarti e ictus

Il merito è di una proteina salva-cuore

Nel tuorlo d’uovo in segreto per non perdere i capelli

Secondo uno studio giapponese si nasconde un possibile composto contro l'alopecia