I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Radon, il gas radioattivo presente nelle nostre case

Si stima che 3.000 persone muoiano ogni anno in Italia a causa di questo gas

Pubblicato il 12/12/2014 da Prevenzione a tavola
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

Radon, il gas radioattivo presente nelle nostre case


Non se ne fa un gran parlare, ma all'interno delle nostre case è presente il radon, un gas radioattivo naturale che viene continuamente generato dalla crosta terrestre, ma che può causare danni al nostro organismo. Ci sono studi che hanno dimostrato che questo gas aumenta in maniera significativa il rischio di tumore ai polmoni e si stima che circa 20.000 persone muoiono ogni anno in Europa di tumore ai polmoni provocato dal radon, di cui più di 3.000 solo in Italia. Per questo motivo l'IARC ha inserito la riduzione dei livelli di radon in casa fra le 12 raccomandazioni del nuovo Codice europeo contro il Cancro, che raccoglie 12 consigli per la prevenzione del cancro basati sulle migliori evidenze scientifiche disponibili.

Radon e sostanze cancerogene: le raccomandazioni dell'IARC spiegate dal dottor Berrino


Abbiamo intervistato il dottor Franco Berrino in merito al nuovo Codice europeo contro il cancro e ha elencato una serie di sostanze potenzialmente nocive presenti sia in casa, come il radon, e nei luoghi di lavoro: "È importante sottolineare che le raccomandazioni del Codice europeo contro il Cancro sono delle raccomandazioni per la prevenzioni dei tumori. C'è una raccomandazione per rispettare le indicazioni protettive sui luoghi di lavoro, perché ancora esistono le esposizioni a sostanze cancerogene nell'ambiente di lavoro. È molto importante che chiunque faccia qualunque lavoro sia a conoscenza delle sostanze chimiche che ci sono nel suo ambiente di lavoro e se queste sostanze chimiche sono cancerogene o meno". Berrino ha aggiunto che "c'è una raccomandazione sul radon, un gas radioattivo che viene emesso dalle pietre da costruzione, anche dal cemento e che si può concentrare nelle nostre ed è responsabile di tumori del polmone. Si somma l'effetto del tabacco, ma anche nei non fumatori aumenta il rischio di cancro del polmone e si può misurare la concentrazione di radon nelle abitazioni. Quanto più teniamo chiuse bene le finestre ermeticamente per risparmiare sul riscaldamento, tanto meno è ventilato l'appartamento, tanto maggiore è la concentrazione di radon".

Sotto: le vie d'ingresso e uscita del radon in un'abitazione


radon

Radon, la guida del Ministero della Salute


In una guida redatta dall’Istituto Superiore per la Prevenzione e la Sicurezza del lavoro (ISPESL) e disponibile sul sito del Ministero della Salute viene spiegato che "ventilando si ottiene subito un certo miglioramento. Oltre 1000 Bq/m3 le probabilità di successo sono però modeste. Ventilare comporta una notevole perdita di calore, per cui tale misura può essere considerata unicamente come un accorgimento provvisorio". Sigillare le vie d’ingresso, si legge sulla guida, "apparentemente rappresenta il metodo più semplice e più indicato per combattere il radon. In realtà, soprattuttovin caso di valori di radon elevati (oltre 1000 Bq/m3), i risultati della sigillatura sono spesso incerti e da soli insufficienti a risolvere il problema". Iscriviti a questo gruppo se ti interessano notizie di salute e alimentazione

Fonti: La Stampa; La Fucina



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale

Corsi - Prevenzione a tavola

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina

La ricetta dello strudel di zucca

Oggi prepariamo un dolce buono e sano che non ci farà sentire in colpa, lo strudel di zucca

Ecco la frutta che ti salva da infarto e ictus

Le antocianine presenti in alcuni tipi di frutta rappresentano uno scudo per la salute del cuore

Corsi - Prevenzione a tavola

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali

Ricetta del Pan dei morti senza zucchero

Una versione senza zucchero e con farina integrale del Pan dei morti