I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

7 modi in cui il tuo frigo ti fa star male

Gli errori più comuni da NON fare

Pubblicato il 12/12/2014 da Prevenzione a tavola

Il compito del frigorifero non è solo quello di tenere i cibi freschi, ma anche e soprattutto quello di evitare che i batteri come la salmonella, l'e coli o il botulinum si riproducano. Questi batteri possono causare danni al nostro organismo, e per scongiurare questa possibilità è necessario evitare di fare 7 errori comuni, che riportiamo di seguito: 1) Mettere la carne cruda in un ripiano superiore Se scongelate della carne e la mettete in frigo è meglio posizionarla sui ripiani inferiori in modo che il succo non coli sui cibi sottostanti e li contamini. 2) Non riempire il frigo in modo esagerato È importante non riempire il frigo in modo che l'aria all'interno possa circolare liberamente e all'interno 3) Controllare la temperatura del frigo È fondamentale che la temperatura del frigorifero sia tra i , dato che i batteri proliferano al di sopra di questa soglia, a temperature più alte. Se avete un vecchio modello di frigorifero comprate un termometro e mettetelo su un ripiano per poter controllare la temperatura regolarmente. 4) Mettere frutta e verdura nello stesso scomparto Per quanto riguarda la frutta e la verdura il primo consiglio è di lavarla solo prima di consumarla e il secondo e di non metterle nello stesso scomparto, in quanto la frutta produce etilene, un gas che accelera il deterioramento della verdura. 5) Conservare le uova nella porta del frigo Nonostante sia comodo, secondo gli scienziati è meglio non mettere le uova nella porta del frigo perché in questa zona la temperatura è troppo alta. È meglio mantenere le uova all'interno della propria confezione e il più vicino possibile alla parete del frigo, dove la temperatura è più bassa. 6) Versare il latte avanzato nel contenitore originario Potrebbe provocare intossicazione alimentare, per cui meglio buttarlo via per evitare di diffondere batteri. 7) Pulire il frigo una volta all'anno In realtà il frigorifero dovrebbe essere pulito una volta alla settimana, sia gli interni che la superficie esterna. Iscriviti a questo gruppo se ti interessano notizie di salute e alimentazione



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Mangiare frutta e verdura rende felici

Uno studio dimostra che il benessere individuale cresce all'aumentare delle porzioni di frutta e verdura

Se mangi cavolo viola la tua salute ti ringrazierà

Ricco di vitamine, ottimo per la salute degli occhi e per abbassare il colesterolo

Zuppa di borlotti con maltagliati fatti in casa

Berrino: come invecchiare in salute con la corretta alimentazione

Il cibo è la nostra arma più forte contro le malattie croniche

Come usare gli agrumi per combattere tosse, mal di gola, raffreddore

I trucchi del contadino a base di agrumi contro i malanni di stagione

Corsi - Prevenzione a tavola

Muffin con olive e capperi agli aromi

Oggi prepariamo di gustosi muffin salati buonissimi ma ottimi per il nostro organismo

Cosa mangiare per combattere il freddo

Arriva la “dieta universale” per prevenire le malattie e salvare il pianeta

Corsi - Prevenzione a tavola

Quanti grammi di fibre e cereali integrali servono contro cancro, diabete e infarto?

Il sale rosa dell’Himalaya fa bene?

Sento spesso farmi questa domanda: ”Il sale rosa fa bene? E’ meglio di quello bianco?”

Come stufare carciofi e cicoria

uUn accostamento semplice che unisce due sapori particolari che insieme si armonizzano

Il dolcificante fa davvero perdere peso?

Veronesi: le sostanze anti-cancro di frutta e verdura

Come proteggerci dalle numerose sostanze potenzialmente cancerogene intorno a noi

10 ottime ragioni per portare in tavola il radicchio rosso

Moltissimi benefici per la nostra salute

La carne rossa collegata al rischio infarti e ictus

Troppa carne rossa mette in circolo una sostanza legata al rischio cuore