I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Con gli asciugamani elettrici più germi nell’aria

Lo studio dell'Università di Leeds

Pubblicato il 11/12/2014 da Prevenzione a tavola

Con gli asciugamani elettrici più germi nell'aria


I moderni asciugamani, ovvero quegli apparecchi elettrici che sfruttano l'aria per asciugare le mani, potrebbero favorire la diffusione di germi e quindi di malattie. È quanto emerso da uno studio dell'Università di Leeds pubblicato sulla rivista scientifica Journal of Hospital Infection. La ricerca ha rilevato che gli asciugamani elettrici possono aumentare la diffusione dei germi dalle mani all'ambiente circostante. I ricercatori hanno messo a confronto i dati riguardanti la concentrazione dei germi nell'aria dopo che persone con le mani sporche avevano utilizzato un tradizionale asciugamano di carta, un asciugamani elettrico ad aria calda e uno degli apparecchi che asciugano le mani con un getto d'aria ad alta velocità.

Asciugamani elettrici: la ricerca


Le mani delle persone su cui è stato realizzato l'esperimento sono state "sporcate" con dei lattobacilli, dei germi che generalmente non si trovano nei bagni pubblici, in modo da poter differenziare i batteri presenti nell'aria da quelli provenienti dalle mani. Dopo aver utilizzato i tre diversi tipi di asciugamani gli scienziati hanno misurato le concentrazioni di questi germi nell'aria: è stato riscontrato che i batteri che provengono dalle mani rimangono nell'ambiente circostante fino a un quarto d'ora dopo lo spegnimento dell'apparecchio. Per di più le analisi hanno rivelato che negli ambienti in cui erano presenti apparecchi ad alta velocità la concentrazione di germi era 27 volte superiore rispetto a quella degli ambienti in cui erano presenti asciugamani di carta e 4,5 volte superiore rispetto a quella diffusa da asciugamani ad aria carta. Mark Wilcox, che ha condotto la ricerca, ha detto che "questi risultati sono importanti per capire il modo in cui i batteri si diffondono, potenzialmente trasmettendo disturbi e malattie". Ma non mancano le critiche, il Sole 24 Ore riporta che la ricerca sarebbe stata finanziata da un'azienda produttrice di asciugamani di carta: "Le critiche alla ricerca non sono però mancate. Il portavoce di un'azienda leader nella produzione di asciugamani ad aria ha sottolineato non solo che lo studio è stato finanziato da un'associazione europea di produttori di asciugamani di carta – fatto peraltro dichiarato dagli stessi autori – ma anche che le concentrazioni dei batteri sulle mani dei partecipanti erano poco realistiche". Iscriviti a questo gruppo se ti interessano notizie di salute e alimentazione

Fonte studio: The Journal of Hospital Infection. Altre fonti: Il Sole 24 Ore; Telegraph



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La curcuma è in grado di uccidere le cellule tumorali

I ricercatori hanno scoperto che unendola al platino riesce a uccidere le cellule malate

Psoriasi? Ci pensa la dieta mediterranea

Studio condotto su oltre 3500 persone colpite da malattia dà ottimi risultati

Come conservare l’olio extravergine di oliva

Esistono diverse accortezze, come tenere l'olio al riparo da luce, calore e ossigeno

Cosa pensa davvero l’ONU di parmigiano, olio d’oliva e prosciutto

Siamo tornati sull'argomento per fare chiarezza su quello che è avvenuto realmente

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

Corsi - Prevenzione a tavola

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'

Scoperto perché una mela al giorno leva il medico di torno

Il segreto è contenuto nei polifenoli che hanno un ruolo decisivo nel microbiota dell'intestino

Corsi - Prevenzione a tavola

La ricetta dell’Acquasale pugliese, piatto povero ma ricco

Acquasale, una tipica ricetta Salentina povera negli ingredienti ma ricca in principi nutritivi

I valori nutrizionali della farina di grano duro

La classificazione degli sfarinati e la superiorità nutrizionale della farina integrale e dei suoi derivati

Alla scoperta della Meloncella, frutto-verdura dalle mille virtù

La meloncella del Salento è ricchissima di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

Conoscete la cottura passiva?

La cottura passiva fa risparmiare e conserva tutti i nutrienti

Il tè verde mantiene il cuore in salute e contrasta l’infarto

Il merito potrebbe essere di una sostanza antiossidante contenuta nel tè verde

Il mango contrasta stitichezza e intestino pigro

Studio rivela che basta un mango uno al giorno

Tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno in un’unica ciotola

Impariamo a preparare la ciotola di Buddha per un pasto sano e completo