I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Con gli asciugamani elettrici più germi nell’aria

Lo studio dell'Università di Leeds

Pubblicato il 11/12/2014 da Prevenzione a tavola

Con gli asciugamani elettrici più germi nell'aria


I moderni asciugamani, ovvero quegli apparecchi elettrici che sfruttano l'aria per asciugare le mani, potrebbero favorire la diffusione di germi e quindi di malattie. È quanto emerso da uno studio dell'Università di Leeds pubblicato sulla rivista scientifica Journal of Hospital Infection. La ricerca ha rilevato che gli asciugamani elettrici possono aumentare la diffusione dei germi dalle mani all'ambiente circostante. I ricercatori hanno messo a confronto i dati riguardanti la concentrazione dei germi nell'aria dopo che persone con le mani sporche avevano utilizzato un tradizionale asciugamano di carta, un asciugamani elettrico ad aria calda e uno degli apparecchi che asciugano le mani con un getto d'aria ad alta velocità.

Asciugamani elettrici: la ricerca


Le mani delle persone su cui è stato realizzato l'esperimento sono state "sporcate" con dei lattobacilli, dei germi che generalmente non si trovano nei bagni pubblici, in modo da poter differenziare i batteri presenti nell'aria da quelli provenienti dalle mani. Dopo aver utilizzato i tre diversi tipi di asciugamani gli scienziati hanno misurato le concentrazioni di questi germi nell'aria: è stato riscontrato che i batteri che provengono dalle mani rimangono nell'ambiente circostante fino a un quarto d'ora dopo lo spegnimento dell'apparecchio. Per di più le analisi hanno rivelato che negli ambienti in cui erano presenti apparecchi ad alta velocità la concentrazione di germi era 27 volte superiore rispetto a quella degli ambienti in cui erano presenti asciugamani di carta e 4,5 volte superiore rispetto a quella diffusa da asciugamani ad aria carta. Mark Wilcox, che ha condotto la ricerca, ha detto che "questi risultati sono importanti per capire il modo in cui i batteri si diffondono, potenzialmente trasmettendo disturbi e malattie". Ma non mancano le critiche, il Sole 24 Ore riporta che la ricerca sarebbe stata finanziata da un'azienda produttrice di asciugamani di carta: "Le critiche alla ricerca non sono però mancate. Il portavoce di un'azienda leader nella produzione di asciugamani ad aria ha sottolineato non solo che lo studio è stato finanziato da un'associazione europea di produttori di asciugamani di carta – fatto peraltro dichiarato dagli stessi autori – ma anche che le concentrazioni dei batteri sulle mani dei partecipanti erano poco realistiche".Iscriviti a questo gruppo se ti interessano notizie di salute e alimentazione

Fonte studio: The Journal of Hospital Infection. Altre fonti: Il Sole 24 Ore; Telegraph



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





NOTIZIE + RECENTI

Ecco cosa succede a mangiare un uovo al giorno

Nuovo studio riabilita l'alimento: riduce il rischio cardiovascolare

Ecco i cibi che causano 500mila morti l’anno per malattie di cuore

Da Oms guerra a grassi trans, eliminarli dalla dieta

Frutta verdure e pesce tengono le rughe lontane

A evidenziarlo è uno studio dell'Erasmus Medical Centre di Rotterdam

Olio extravergine d’oliva: meglio DOP o IGP?

Il legame col territorio è dunque più forte nel DOP piuttosto che nell’IGP

Perché scegliere una birra artigianale?

Tra le altre cose ha un maggiore contenuto in vitamine e minerali rispetto ad una birra filtrata

Corsi - Prevenzione a tavola

Ecco cosa succede al cervello se mangiamo cioccolato fondente

Il cioccolato fondente è anti-infiammatorio e antistress

Il miglio previene diabete e cancro

È un cereale ricco di ferro, fosforo, magnesio, vitamine del gruppo B e soprattutto di acido folico

La carne dei fast food è da demonizzare?

Basta evitare patatine fritte, salse e bevande zuccherate e tenere a mente le raccomandazioni anti-cancro

Corsi - Prevenzione a tavola

Gli effetti di verdure, yogurt, tè e cioccolato sul fegato

Studio su cirrosi epatica, più diversità batteri intestino

La frutta secca fa battere il cuore a un ritmo regolare

Il consumo riduce il rischio di fibrillazione atriale

Perché scegliere i grani antichi?

Coltivare i grani antichi significa salvaguardare queste specie vegetali ed impedire che si estinguano

I ravanelli fanno benissimo al nostro organismo

Ha importanti facoltà antiossidanti e depurative, un ottimo aiuto per il fegato e la cistifellea

Cosa succede se si beve una birra in gravidanza?

Anche le bevande con gradazione alcolica medio-bassa sono pericolose in gravidanza

Ecco come scegliere il miglior olio extravergine d’oliva

Il miglior olio evo? Fruttato, amaro e piccante

Latte di mandorla: ottimo alleato per le ossa

Tra le bevande vegetali, è quello che contiene un maggior quantitativo di calcio, magnesio e fosforo