I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

7 cose che devi fare prima di mangiare il tuo prossimo uovo

I consigli di Prevention

Pubblicato il 05/12/2014 da Prevenzione a tavola

Con le uova è meglio stare molto attenti, perciò Prevention ha dato alcuni consigli per far sì che i piatti a base di uovo che mangiate siano sia deliziosi che sicuri. Ecco le 7 cose che bisogna fare: 1) Aprire la confezione e controllare che non ci siano uova sporche o rotte. La dicitura "consumare entro" significa che più ci si avvicina alla data indicata e meno le uova sono fresche. L'USDA, il Dipartimento americano dell'Agricoltura, raccomanda di consumare le uova entro 5 settimana dalla data d'acquisto. 2) Conservare le uova nella loro confezione, che le protegge, evita gli effetti negativi della refrigerazione e trattiene i cattivi odori. È importante che siano mantenute in un ripiano del frigo, dove la temperatura è più bassa, e non nella porta. 3) Pulirsi le mani e le superfici in cui si cucina con acqua e sapone dopo aver maneggiato uova crude. Dopodiché è opportuno disinfettare le superfici con uno spray disinfettante. 4) Verificare la freschezza delle uova mettendole a bollire e versando dell'acqua: le uova fresche (perfette per essere bollite) rimangono sul fondo. Se le uova galleggiano devono essere scartate. 5) Far bollire in modo da uccidere il batterio della salmonella o qualunque tipo di batterio. 6) Servire i piatti a base di uova subito dopo che sono pronti. Le temperature calde la temperatura ambiente sono un terreno fertile per i batteri, perciò è meglio lasciarle fuori dal frigo per non più di 2 ore. 7) Mettere gli avanzi in frigo il prima possibile e buttarli dopo 3 giorni. Iscriviti a questo gruppo su Facebook se ti interessano notizie di salute e alimentazione



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore

Corsi - Prevenzione a tavola

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali

Ricetta del Pan dei morti senza zucchero

Una versione senza zucchero e con farina integrale del Pan dei morti

La ricetta del castagnaccio

Ecco la ricetta sana e genuina del castagnaccio, senza zucchero o latte

Corsi - Prevenzione a tavola

Alla scoperta della Batata, la patata a basso indice glicemico

La batata è il tubero della salute: proprietà nutrizionali e qualche ricetta

La pasta non fa ingrassare ma rende felici

Gli endocrinologi svelano come godersi un piatto di pasta senza ingrassare

Maltagliati di farro con borlotti e castagne

Una ricetta autunnale, sana e golosa

Zuppa di lenticchie con castagne

Ricetta sana e gustosa, perfetta per l'autunno

Come scegliere una buona zucca? Ecco le differenze tra le diverse qualità

Mantovana, Delica, Napoletana, Violina: perché fanno bene e come cucinarle

6 ottimi motivi per mangiare finocchi

I finocchi rappresentano un ottimo alimento per il nostro organismo

Anemia da carenza di ferro? Ecco cosa mangiare

Quali sono i cibi che ne contengono di più?