I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

La verità sulla graviola, il frutto che uccide le cellule tumorali

Ma può avere effetti collaterali

Pubblicato il 02/12/2014 da Prevenzione a tavola

La verità sulla graviola, il frutto che uccide le cellule tumorali


Su molti siti si possono leggere articoli sui presunti effetti curativi della graviola, un estratto di una pianta tropicale, l'annona muricata, diffusa nelle foreste pluviali di Africa, America del sud e Sudest asiatico. Perciò l'AIRC, l'Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro, ha voluto rispondere alla domanda se sia possibile curare il cancro con la graviola? La risposta è no, "le affermazioni sul possibile effetto anticancro degli estratti e derivati di graviola non hanno alcuna base scientifica", si legge sul sito dell'associazione. È vero però che le acetogenine annonacee, che sono gli ingredienti attivi del frutto in questione, sono state in grado di uccidere cellule tumorali in esperimenti preliminari. Tuttavia le acetogenine annonacee possono anche provocare danni significativi al sistema nervoso.

La verità sulla graviola: può avere effetti collaterali


Tra i popoli delle zone della Terra dove la graviola cresce in modo naturale "frutti, corteccia, foglie e radici di questa pianta sono usati nella preparazione di rimedi tradizionali per combattere infezioni virali e parassitarie, reumatismi, artrite e depressione, e alcune ricerche hanno confermato che alcuni estratti di graviola possono avere qualche effetto positivo in queste malattie, con però notevoli effetti collaterali. Per quanto riguarda il cancro, invece, non esiste alcuna dimostrazione di efficacia né di sicurezza", spiega l'AIRC. Si tratta di studi preliminari: "come spesso accade con le pseudocure, alla base di questa idea c'è un'ipotesi scientifica, che però per il momento è molto preliminare, e potrebbe nascondere rischi significativi. In anni recenti, alcuni studi di laboratorio hanno infatti osservato che gli estratti di graviola hanno la capacità di uccidere cellule di tumore - in particolare del pancreas, del fegato e della mammella - coltivate in vitro. Il dato è stato pubblicato su riviste scientifiche, e in teoria potrebbe aprire la strada a ulteriori ricerche. Queste dovranno però verificare se i risultati osservati in laboratorio - in cellule di tumore e non in organismi complessi come il corpo umano - sono trasferibili anche ai malati, e controllare che non comportino rischi di rilievo per la salute. In Guadalupa il consumo tradizionale delle acetogenine annonacee derivate dalla graviola è stato associato a danni significativi del sistema nervoso, con un aumento di rischio di una forma atipica di malattia di Parkinson"." Seguici su Facebook se ti interessano le nostre notizie

Fonte: AIRC



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La curcuma è in grado di uccidere le cellule tumorali

I ricercatori hanno scoperto che unendola al platino riesce a uccidere le cellule malate

Psoriasi? Ci pensa la dieta mediterranea

Studio condotto su oltre 3500 persone colpite da malattia dà ottimi risultati

Come conservare l’olio extravergine di oliva

Esistono diverse accortezze, come tenere l'olio al riparo da luce, calore e ossigeno

Cosa pensa davvero l’ONU di parmigiano, olio d’oliva e prosciutto

Siamo tornati sull'argomento per fare chiarezza su quello che è avvenuto realmente

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

Corsi - Prevenzione a tavola

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'

Scoperto perché una mela al giorno leva il medico di torno

Il segreto è contenuto nei polifenoli che hanno un ruolo decisivo nel microbiota dell'intestino

Corsi - Prevenzione a tavola

La ricetta dell’Acquasale pugliese, piatto povero ma ricco

Acquasale, una tipica ricetta Salentina povera negli ingredienti ma ricca in principi nutritivi

I valori nutrizionali della farina di grano duro

La classificazione degli sfarinati e la superiorità nutrizionale della farina integrale e dei suoi derivati

Alla scoperta della Meloncella, frutto-verdura dalle mille virtù

La meloncella del Salento è ricchissima di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

Conoscete la cottura passiva?

La cottura passiva fa risparmiare e conserva tutti i nutrienti

Il tè verde mantiene il cuore in salute e contrasta l’infarto

Il merito potrebbe essere di una sostanza antiossidante contenuta nel tè verde

Il mango contrasta stitichezza e intestino pigro

Studio rivela che basta un mango uno al giorno

Tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno in un’unica ciotola

Impariamo a preparare la ciotola di Buddha per un pasto sano e completo