I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Colesterolo: il terrore indotto dalle lobbies farmaceutiche

La denuncia dello scienziato Silvio Garattini

Pubblicato il 28/11/2014 da Prevenzione a tavola
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

Colesterolo: il terrore indotto dalle lobbies farmaceutiche


Le lobbies delle case farmaceutiche inducono terrore nei consumatori per aumentare i propri ricavi. È quanto denunciato da Silvio Garattini, fondatore dell'istituto di ricerca Mario Negri in merito all'allarmismo fatto sul colesterolo: "C'è una seconda strategia, che anche quella vira ad aumentare i consumi, ed è quella di giocare su quelli che si considerano i livelli di normalità. Il problema riguarda il colesterolo: una volta la colesterolomia normale era considerata 240, poi è diventata 220, poi è diventata 200 e adesso, si dice, bisogna avere il colesterolo più basso possibile". Lo scienziato ha spiegato che l'ipercolesterolomia è diventata "una delle principali paure per la salute di milioni di persone, le quali, spaventate dal rischio di infarto si sono riversate in farmacia, facendo diventare il Lipitor, con vendite per 10 miliardi di dollari l'anno, il farmaco con obbligo di ricetta medica più venduto di tutti i tempi".

Colesterolo: le strategie per allargare il mercato dei farmaci


Ma i consumatori non vengono informati adeguatamente, infatti il colesterolo alto c'entra molto poco con il rischio di infarto. "Recentemente sono stati pubblicati due studi che indicano che questi farmaci possono abbassare il livello di colesterolo, ma non riducono il rischio di problemi cardiaci. È questo è incredibile se pensiamo che sono stati spesi centinaia di migliaia di dollari in pubblicità per indurre la gente a pensare che questo era il farmaco giusto per chi era a rischio di infarto", ha spiegato un esperto alle telecamere Rai. "Se ti sta a cuore il tuo cuore fallo proteggere dal tuo medico contro i rischi di infarto, chiedigli il Lipitor", si può sentire nello spot del Lipitor. E questo non è l'unico stratagemma utilizzato dalle lobbies farmaceutiche, infatti "la strategia per allargare il mercato dei farmaci non è solo quella di rivolgersi alle persone con rischi cardiaci, ma anche di considerare a rischio le persone semplicemente con colesterolo alto". Negli anni '90, secondo le direttive degli istituti nazionali per la salute, 13 milioni di americani avrebbero avuto bisogno di curarsi con le statine per abbassare il colesterolo. Nel 2001 una commissione di esperti ha riformulato queste direttive facendo salire il numero a 30 milioni. Nel 2004, spiega il servizio di Rai Tre, un'altro comitato di esperti ha aggiornato ancora le direttive: oggi sono 40 i milioni di americani che avrebbero bisogno di curarsi per abbassare il colesterolo: "Ci sono disturbi che vengono veramente commercializzati, dei quali fino a poco tempo fa nessuno aveva mai sentito parlare. Per esempio il disturbo d'ansia sociale, prima avrebbe potuto essere definito 'timidezza', mentre oggi viene diagnosticato e ci sono farmaci specifici per combatterlo", ha concluso l'esperto. Se vuoi consigli su una giusta alimentazione seguici su Facebook!



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La curcuma è in grado di uccidere le cellule tumorali

I ricercatori hanno scoperto che unendola al platino riesce a uccidere le cellule malate

Psoriasi? Ci pensa la dieta mediterranea

Studio condotto su oltre 3500 persone colpite da malattia dà ottimi risultati

Come conservare l’olio extravergine di oliva

Esistono diverse accortezze, come tenere l'olio al riparo da luce, calore e ossigeno

Cosa pensa davvero l’ONU di parmigiano, olio d’oliva e prosciutto

Siamo tornati sull'argomento per fare chiarezza su quello che è avvenuto realmente

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

Corsi - Prevenzione a tavola

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'

Scoperto perché una mela al giorno leva il medico di torno

Il segreto è contenuto nei polifenoli che hanno un ruolo decisivo nel microbiota dell'intestino

Corsi - Prevenzione a tavola

La ricetta dell’Acquasale pugliese, piatto povero ma ricco

Acquasale, una tipica ricetta Salentina povera negli ingredienti ma ricca in principi nutritivi

I valori nutrizionali della farina di grano duro

La classificazione degli sfarinati e la superiorità nutrizionale della farina integrale e dei suoi derivati

Alla scoperta della Meloncella, frutto-verdura dalle mille virtù

La meloncella del Salento è ricchissima di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

Conoscete la cottura passiva?

La cottura passiva fa risparmiare e conserva tutti i nutrienti

Il tè verde mantiene il cuore in salute e contrasta l’infarto

Il merito potrebbe essere di una sostanza antiossidante contenuta nel tè verde

Il mango contrasta stitichezza e intestino pigro

Studio rivela che basta un mango uno al giorno

Tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno in un’unica ciotola

Impariamo a preparare la ciotola di Buddha per un pasto sano e completo