I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Il grande imbroglio nell’etichetta della carne

Metà della carne di maiale venduta in Italia proviene dall'estero, ma spesso la tracciabilità è falsificata

Pubblicato il 27/11/2014 da Prevenzione a tavola

Mai fidarsi delle etichette, una nuova inchiesta del Corriere della Sera ne è la conferma. La carne di maiale venduta nei supermercati che porta in etichetta il marchio Igp (Indicazione Geografica Protetta) spesso proviene da allevamenti di paesi extraeuropei come la Turchia, in cui gli standard sono molto più bassi rispetto all'Italia. Scrive Francesco de Augustinis sul Corriere: "Camion dopo camion, con carichi di cosce, carni congelate, animali vivi, attraversano le frontiere di mezza Europa prima di raggiungere la loro destinazione. Si tratta di centinaia di migliaia di maiali nati e cresciuti in Romania, in Ungheria, in Polonia e in altri paesi dell’Est, oppure in paesi che non fanno neanche parte dell’Unione Europea, come la Turchia. Maiali allevati con standard piuttosto diversi da quelli italiani o europei, ma che finiscono anche nelle filiere dei nostri salumi tipici contrassegnati dal marchio europeo Igp, acronimo di Indicazione Geografica Protetta. Un passo prima del Dop, per intenderci". La metà della carne di maiale prodotta in Italia proviene dall'estero: "Nonostante l’imponente export di salumi italiani, da anni i rapporti Istat parlano per l’Italia di un settore in deficit, schiacciato da «ingenti quantitativi di carni fresche e congelate importate». I numeri più recenti indicano che circa la metà della carne suina utilizzata nel Paese è di importazione estera. Dei capi italiani, la stragrande maggioranza (oltre il 70 per cento di circa 12milioni, nel 2012) sono destinati ai prodotti di origine protetta (Dop), come il prosciutto di Parma: gli unici che impongono l’utilizzo di capi nati e cresciuti all’interno dei confini nazionali. Come a dire che per tutto il resto - compresi gli Igp - ci sono altissime probabilità di avere a che fare con le più economiche carni di importazione." I consumatori spesso non conoscono la provenienza della carne che acquistano perché non c'è l'obbligo di indicarlo in etichetta: "Due prosciutti su tre venduti oggi in Italia provengono da maiali allevati in Olanda, Danimarca, Francia, Germania e Spagna senza che questo venga evidenziato chiaramente in etichetta, dove non è ancora obbligatorio indicare l’origine" Gli allevamenti si stanno spostando verso Est, dove gli stabilimenti hanno standard più bassi rispetto a quelli italiani: "Sebbene, come denuncia Coldiretti, la maggior parte della carne suina importata in Italia risulti ufficialmente provenire da paesi come Germania e Olanda, la produzione in Europa si sta spostando sempre più verso Est. Nell’ultimo decennio le multinazionali del settore hanno investito miliardi di euro in Est Europa, spesso con il sostegno economico dalla Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo (Ebrd). Le corporazioni hanno rilevato in questi paesi gli immensi stabilimenti in disuso, eredità degli anni del comunismo, attratti dai costi minimi, da labili controlli, da normative su ambiente, lavoro, standard di allevamento e benessere animale molto più morbide, e dalla prospettiva di entrare nel mercato comunitario". LEGGI L'ARTICOLO INTEGRALE Seguici su Facebook se ti interessano le nostre notizie



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'

Scoperto perché una mela al giorno leva il medico di torno

Il segreto è contenuto nei polifenoli che hanno un ruolo decisivo nel microbiota dell'intestino

La ricetta dell’Acquasale pugliese, piatto povero ma ricco

Acquasale, una tipica ricetta Salentina povera negli ingredienti ma ricca in principi nutritivi

Corsi - Prevenzione a tavola

I valori nutrizionali della farina di grano duro

La classificazione degli sfarinati e la superiorità nutrizionale della farina integrale e dei suoi derivati

Alla scoperta della Meloncella, frutto-verdura dalle mille virtù

La meloncella del Salento è ricchissima di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

Conoscete la cottura passiva?

La cottura passiva fa risparmiare e conserva tutti i nutrienti

Corsi - Prevenzione a tavola

Il tè verde mantiene il cuore in salute e contrasta l’infarto

Il merito potrebbe essere di una sostanza antiossidante contenuta nel tè verde

Il mango contrasta stitichezza e intestino pigro

Studio rivela che basta un mango uno al giorno

Tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno in un’unica ciotola

Impariamo a preparare la ciotola di Buddha per un pasto sano e completo

Perché è bene consumare mandorle italiane

Le mandorle rappresentano un'ottima merenda, sana, nutriente e saziante

Cosa significano i numeri e le lettere sulle uova?

Importante informarsi per sapere che tipo di uova stiamo acquistando

Le uova non aumentano il colesterolo né rovinano il fegato

Sfiatiamo un falso mito e facciamo chiarezza sul ruolo delle uova nella nostra alimentazione

La pasta madre: proprietà, benefici e vantaggi in cucina

Anche chiamato lievito madre, migliora la regolazione della glicemia e la digeribilità dei prodotti