I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

La verità sulla data di scadenza degli alimenti

Si possono diminuire gli sprechi interpretando correttamente la data di scadenza

Pubblicato il 21/11/2014 da Prevenzione a tavola

La verità sulla data di scadenza degli alimenti


In Italia l'8% del cibo acquistato viene gettato nella spazzatura. Una percentuale altissima, che può essere sicuramente ridotta se si interpretasse correttamente la data di scadenza, come spiegato da Roberto La Pira del Fatto Alimentare. Attenzione, non è un invito a consumare i cibi scaduti, infatti la data di scadenza degli alimenti indica il termine del periodo di tempo in cui i cibi mantengono le caratteristiche sensoriali e la presenza di batteri si trova al di sotto dei limiti. Tuttavia La Pira fa notare che se si consumano alcuni alimenti qualche giorno dopo la data scadenza non si corre alcun rischio in termini di salute.

Data di scadenza degli alimenti: i cibi che possiamo consumare a pochi giorni dalla scadenza senza correre rischi


Il giornalista del Fatto Alimentare ha elencato una serie di cibi che possono essere consumati a pochi giorni della data di scadenza senza alcun rischio per la nostra salute: "Il latte fresco di alta qualità per legge scade dopo 7 giorni, ma se conservato bene in frigorifero si può tranquillamente bere uno o due giorni dopo; lo yogurt scaduto dopo 7-10 giorni si può consumare senza problemi se non ci sono rigonfiamenti o muffe". E ci sono anche cibi che sarebbe meglio consumare prima della data di scadenza: "Per le uova la legge fissa una scadenza di 28 giorni, ma i microbiologi consigliano di consumarle 8-10 giorni prima; le insalate in busta conviene consumarle uno o due giorni in anticipo, se restano qualche ora a temperatura ambiente perdono la fragranza; la mozzarella va portata a tavola almeno 10 giorni prima, così come la robiola; la regola vale anche per il salmone affumicato". La data di scadenza degli alimenti non deve essere confusa con il termine minimo di conservazione (TMC), che è solamente un'indicazione: "significa che nel periodo successivo gli alimenti sono ancora commestibili, ma registrano in modo progressivo un lento decadimento nutrizionale e organolettico", come spiegato sul Fatto Alimentare. pasta, succhi di frutta, riso, salsa di pomodoro, marmellata, sottaceti. Perciò se consumate prodotti oltre il termine minimo di conservazione non ci sono implicazioni per la vostra salute: "La data ha quindi per questi alimenti un valore orientativo e il consumo posticipato di qualche settimana o qualche mese non determina problemi per la salute, anche se vale la pena considerare con attenzione i singoli casi", scrive La Pira. Le indicazioni contenute nella tabella sotto sono valide per cibi conservati in un ambiente asciutto e non esposti alla luce del sole tab-scadenza-alimenti Fonte: Il Fatto Alimentare Sei su Facebook? Condividi questo meme per la tua salute



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali

Corsi - Prevenzione a tavola

Ricetta del Pan dei morti senza zucchero

Una versione senza zucchero e con farina integrale del Pan dei morti

La ricetta del castagnaccio

Ecco la ricetta sana e genuina del castagnaccio, senza zucchero o latte

Alla scoperta della Batata, la patata a basso indice glicemico

La batata è il tubero della salute: proprietà nutrizionali e qualche ricetta

Corsi - Prevenzione a tavola

La pasta non fa ingrassare ma rende felici

Gli endocrinologi svelano come godersi un piatto di pasta senza ingrassare

Maltagliati di farro con borlotti e castagne

Una ricetta autunnale, sana e golosa

Zuppa di lenticchie con castagne

Ricetta sana e gustosa, perfetta per l'autunno

Come scegliere una buona zucca? Ecco le differenze tra le diverse qualità

Mantovana, Delica, Napoletana, Violina: perché fanno bene e come cucinarle

6 ottimi motivi per mangiare finocchi

I finocchi rappresentano un ottimo alimento per il nostro organismo

Anemia da carenza di ferro? Ecco cosa mangiare

Quali sono i cibi che ne contengono di più?

Alla scoperta del topinambur, l’ortaggio che vi cambierà la vita

Il topinambur combina proprietà diuretiche con doti benefiche per abbassare la glicemia