I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

La verità sulla data di scadenza degli alimenti

Si possono diminuire gli sprechi interpretando correttamente la data di scadenza

Pubblicato il 21/11/2014 da Prevenzione a tavola

La verità sulla data di scadenza degli alimenti


In Italia l'8% del cibo acquistato viene gettato nella spazzatura. Una percentuale altissima, che può essere sicuramente ridotta se si interpretasse correttamente la data di scadenza, come spiegato da Roberto La Pira del Fatto Alimentare. Attenzione, non è un invito a consumare i cibi scaduti, infatti la data di scadenza degli alimenti indica il termine del periodo di tempo in cui i cibi mantengono le caratteristiche sensoriali e la presenza di batteri si trova al di sotto dei limiti. Tuttavia La Pira fa notare che se si consumano alcuni alimenti qualche giorno dopo la data scadenza non si corre alcun rischio in termini di salute.

Data di scadenza degli alimenti: i cibi che possiamo consumare a pochi giorni dalla scadenza senza correre rischi


Il giornalista del Fatto Alimentare ha elencato una serie di cibi che possono essere consumati a pochi giorni della data di scadenza senza alcun rischio per la nostra salute: "Il latte fresco di alta qualità per legge scade dopo 7 giorni, ma se conservato bene in frigorifero si può tranquillamente bere uno o due giorni dopo; lo yogurt scaduto dopo 7-10 giorni si può consumare senza problemi se non ci sono rigonfiamenti o muffe". E ci sono anche cibi che sarebbe meglio consumare prima della data di scadenza: "Per le uova la legge fissa una scadenza di 28 giorni, ma i microbiologi consigliano di consumarle 8-10 giorni prima; le insalate in busta conviene consumarle uno o due giorni in anticipo, se restano qualche ora a temperatura ambiente perdono la fragranza; la mozzarella va portata a tavola almeno 10 giorni prima, così come la robiola; la regola vale anche per il salmone affumicato". La data di scadenza degli alimenti non deve essere confusa con il termine minimo di conservazione (TMC), che è solamente un'indicazione: "significa che nel periodo successivo gli alimenti sono ancora commestibili, ma registrano in modo progressivo un lento decadimento nutrizionale e organolettico", come spiegato sul Fatto Alimentare. pasta, succhi di frutta, riso, salsa di pomodoro, marmellata, sottaceti. Perciò se consumate prodotti oltre il termine minimo di conservazione non ci sono implicazioni per la vostra salute: "La data ha quindi per questi alimenti un valore orientativo e il consumo posticipato di qualche settimana o qualche mese non determina problemi per la salute, anche se vale la pena considerare con attenzione i singoli casi", scrive La Pira. Le indicazioni contenute nella tabella sotto sono valide per cibi conservati in un ambiente asciutto e non esposti alla luce del sole tab-scadenza-alimenti Fonte: Il Fatto Alimentare Sei su Facebook? Condividi questo meme per la tua salute



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Cosa mangiare per combattere il freddo

Arriva la “dieta universale” per prevenire le malattie e salvare il pianeta

Quanti grammi di fibre e cereali integrali servono contro cancro, diabete e infarto?

Il sale rosa dell’Himalaya fa bene?

Sento spesso farmi questa domanda: ”Il sale rosa fa bene? E’ meglio di quello bianco?”

Come stufare carciofi e cicoria

uUn accostamento semplice che unisce due sapori particolari che insieme si armonizzano

Corsi - Prevenzione a tavola

Il dolcificante fa davvero perdere peso?

10 ottime ragioni per portare in tavola il radicchio rosso

Moltissimi benefici per la nostra salute

La carne rossa collegata al rischio infarti e ictus

Troppa carne rossa mette in circolo una sostanza legata al rischio cuore

Corsi - Prevenzione a tavola

Non causa solo ipertensione: nuova ricerca svela i rischi del sale

Ecco cosa si rischia con una dieta ad alto contenuto di sale

Il caffè può rallentare il Parkinson

I ricercatori hanno scoperto le potenzialità di due composti del caffè

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale