I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Prezzo olio d’oliva: ‘sotto gli 8 euro è una fregatura’

Anche se il marchio è italiano non è detto che l'olio sia prodotto nel nostro Paese

Pubblicato il 20/11/2014 da Prevenzione a tavola

Prezzo olio d'oliva: 'sotto gli 8 euro è una fregatura'


Il 2014 è stato un annus horribilis per l'industria olearia italiana: la produzione di olio d'oliva nel nostro Paese in molti casi è crollata di una percentuale superiore al 50% e alcune regioni come Umbria, Toscana e Liguria sono state particolarmente colpite. Un annata disastrosa, che molti imprenditori agricoli definiscono "la peggior annata che la storia ricordi", come ha detto un contadino al Fatto Quotidiano. Il responsabile è la mosca olearia, che con la sua azione ha reso le piante inutilizzabili. Si tratta di un danno ingente per l'industria olearia italiana in quanto l'export vale oltre 1 miliardo di euro, per un fatturato di 2,5 miliardi. Il crollo della produzione ha avuto un forte impatto sul prezzo dell'olio d'oliva extravergine, che è passato da 4,5 euro al kg a fine ottobre a 7 euro al kg la scorsa settimana.

Prezzo olio d'oliva: 'sotto gli 8 euro è una fregatura'


Tuttavia, spiega Alberto Grimelli sul Fatto Alimentare, negli scaffali dei supermercati si possono ancora trovare superofferte sull'olio d'oliva extravergine, certe volte anche con prezzi inferiori ai 3 euro al litro. Il prezzo dell'olio di oliva in questi casi è così basso perché non è olio d'annata, ma sono oli acquistati settimane prima quando i prezzi sono meno alti. Per assicurarci che l'olio che il prodotto che stiamo acquistando è d'annata bisogna leggere attentamente l'etichetta, in cui dovrebbe essere indicato l'anno di produzione. E "una buona indicazione la può dare anche il prezzo, sotto gli 8 euro al litro difficilmente si tratta di olio italiano della nuova campagna olearia", scrive Grimelli. Un altro aspetto da tenere in considerazione è che le etichette spesso ci portano a pensare che l'olio sia italiano, ma non è detto che l'olio sia prodotto nel nostro Paese. Infatti "la bottiglia può contenere una miscela di oli comunitari provenienti da Spagna e Grecia. Per capirlo bisogna leggere con attenzione le indicazioni sull’etichetta", leggiamo sul Fatto Alimentare. E incorrere in una truffa è molto probabile se il prezzo dell'olio d'oliva è basso: "Il pericolo di fregature è alto, proprio a causa dell’elevato prezzo dell’extra vergine che rende molto convenienti le frodi. Oltre alle solite contraffazioni dovute all’impiego di olio deodorato (per togliere cattivi odori), adesso ci saranno anche miscele illegali con oli di semi".

Prezzo olio d'oliva basso: la deodorazione, una tecnica illegale


Se il prezzo dell'olio d'oliva è così basso c'è un motivo. In un articolo scritto a quattro mani da Roberto La Pira e Alberto Grimelli sempre sul Fatto Alimentare viene spiegato che l'utilizzo di olio deodorato nella produzione è "una prassi illegale e contro cui tutti gli organi di controllo stanno combattendo da tempo. Il processo di deodorazione permette di eliminare odori sgradevoli presenti nell’olio ottenuto da olive ammassate per lungo tempo sotto il sole, oppure stipate nei cassoni degli autocarri prima di essere pressate". E il risultato è "un olio sgradevole che ha odori di fermentato, avvinato e riscaldo che ricordano l’aceto o lo yogurt andato a male".

L'olio importato miscelato con l'olio prodotto in Italia


Come denunciato più volte anche da Beppe Grillo, l’Italia con 500 mila tonnellate d'olio è il secondo produttore di olio al mondo, ma al tempo stesso importa circa 600 mila tonnellate da Spagna, Grecia, Marocco e Tunisia. Gli oli importati vengono mischiati con gli oli italiani senza che il consumatore sia avvisato, perché le leggi europee consentono di non indicarlo in etichetta: "L’altro aspetto da sapere è che buona parte dell’olio prodotto in Italia viene miscelato con quello importato dagli altri paesi e poi destinato al consumo interno oppure venduto all’estero. La norma prevede infatti l’obbligo di dichiarare in etichetta che il prodotto proviene da un Paese della Comunità Europea. Questo significa che ciò che viene confezionato e commercializzato in Italia può essere stato prodotto in un altro Stato e poi miscelato con quello prodotto in Italia o addirittura provenire totalmente dalla Spagna o da uno dei Paesi dai quali importiamo. L’olio di qualità elevata, che sia anche italiano, potrebbe quindi non essere presente sulle nostre tavole così spesso come crediamo – a causa della miscelazione con oli importati, delle irregolarità difficili da individuare e di una legge ancora troppo permissiva", spiega Eleonora Viganò sul Fatto Alimentare. Seguici su Facebook se ti interessano le nostre notizie

Fonti: Il Fatto Quotidiano; Il Fatto Alimentare



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La curcuma è in grado di uccidere le cellule tumorali

I ricercatori hanno scoperto che unendola al platino riesce a uccidere le cellule malate

Psoriasi? Ci pensa la dieta mediterranea

Studio condotto su oltre 3500 persone colpite da malattia dà ottimi risultati

Come conservare l’olio extravergine di oliva

Esistono diverse accortezze, come tenere l'olio al riparo da luce, calore e ossigeno

Cosa pensa davvero l’ONU di parmigiano, olio d’oliva e prosciutto

Siamo tornati sull'argomento per fare chiarezza su quello che è avvenuto realmente

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

Corsi - Prevenzione a tavola

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'

Scoperto perché una mela al giorno leva il medico di torno

Il segreto è contenuto nei polifenoli che hanno un ruolo decisivo nel microbiota dell'intestino

Corsi - Prevenzione a tavola

La ricetta dell’Acquasale pugliese, piatto povero ma ricco

Acquasale, una tipica ricetta Salentina povera negli ingredienti ma ricca in principi nutritivi

I valori nutrizionali della farina di grano duro

La classificazione degli sfarinati e la superiorità nutrizionale della farina integrale e dei suoi derivati

Alla scoperta della Meloncella, frutto-verdura dalle mille virtù

La meloncella del Salento è ricchissima di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

Conoscete la cottura passiva?

La cottura passiva fa risparmiare e conserva tutti i nutrienti

Il tè verde mantiene il cuore in salute e contrasta l’infarto

Il merito potrebbe essere di una sostanza antiossidante contenuta nel tè verde

Il mango contrasta stitichezza e intestino pigro

Studio rivela che basta un mango uno al giorno

Tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno in un’unica ciotola

Impariamo a preparare la ciotola di Buddha per un pasto sano e completo