I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Canada: l’acqua ‘diventa gelatina’ per l’inquinamento

La ricerca dell'Università di Cambridge

Pubblicato il 20/11/2014 da Prevenzione a tavola

Canada: l'acqua diventa gelatina per l'inquinamento


L'acqua dei laghi canadesi si sta trasformando in gelatina in maniera lenta, ma costante a causa dell'inquinamento industriale. È quanto emerge da uno studio dell'Università di Cambridge pubblicato sulla rivista scientifica Proceedings of the Royal Society B. La popolazione di holopedium, degli organismi ricoperti da un manto gelatinoso che dà loro maggiore protezione dai predatori acquatici, è raddoppiata in molti laghi canadesi. L'accentuato declino nei livelli di calcio nell'acqua ha privato i Daphnia - dei piccoli crostacei noti comunemente come pulci d'acqua - di elementi essenziali per lo sviluppo dell'esoscheletro che li difende dai predatori. Così mentre il numero degli organismi gelatinosi è raddoppiato, la popolazione di Daphnia sta diminuendo. Sotto: l'immagine di un lago canadese scattata dall'alto lake.si (1)

Canada: l'acqua diventa gelatina per l'inquinamento: potenziale impatto sull'approvvigionamento dell'acqua


Gli scienziati hanno lanciato l'allarme: la "gelatinizzazione" dei laghi canadesi bloccherà il flusso delle sostanze nutritive nella catena alimentare e potrebbe anche ostruire i sistemi di filtrazione dell'acqua potabile. Il dottor Andrew Tanentzap, coautore dello studio, ha spiegato che la crescente concetrazione di gelatina nelle acque di questi laghi il prelievo dell'acqua per l'uso dei residenti e delle industrie. Secondo il professore l'inquinamento dovuto all'industrializzazione nell'emisfero Nord del pianeta ha fatto sì che si depositassero ingenti quantità di acidi, che a loro volta hanno dislocato il calcio dal terreno che alimenta queste acque. Il tweet del chimico canadese Eric Cai: E a causare danni a questi laghi non è solo la perdita di calcio: gli scienziati dell'Università di Cambridge che hanno realizzato la ricerca, hanno affermato che il cambiamento climatico sta provocando l'esaurimento dell'ossigeno nei laghi: "Potrebbero volerci migliaia di anni per ritornare alle concentrazioni di calcio nell'acqua che c'erano una volta solamente con il deterioramento dei bacini circostanti. Pur avendo interrotto il fenomeno delle piogge acide e migliorato il ph di molti di questi laghi non possiamo affermare che ci sarà un completo recupero dal processo di acidificazione. Al contrario, abbiamo portato questi laghi ad un uno stato ecologico completamente nuovo", ha concluso Tanentzap. Foto sotto: un uomo tiene in mano degli holedium, gli organismi gelatinosi che stanno invadendo i laghi canadesi. Secondo gli scienziati questo potrà avere conseguenze a lungo termine sulla pesca e sull'approvvigionamento dell'acqua. holopedium.jpg.size.xxlarge.letterbox Forse potrebbe interessarti il video della NASA che mostra come l'anidride carbonica viaggia nell'atmosfera Fonte studio: Proceedings of the Royal Society B. Altre fonti: The Toronto Star; RT.com Seguici su Facebook se ti interessano le nostre notizie



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Il caffè può rallentare il Parkinson

I ricercatori hanno scoperto le potenzialità di due composti del caffè

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Corsi - Prevenzione a tavola

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina

La ricetta dello strudel di zucca

Oggi prepariamo un dolce buono e sano che non ci farà sentire in colpa, lo strudel di zucca

Corsi - Prevenzione a tavola

Ecco la frutta che ti salva da infarto e ictus

Le antocianine presenti in alcuni tipi di frutta rappresentano uno scudo per la salute del cuore

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali