I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Canada: l’acqua ‘diventa gelatina’ per l’inquinamento

La ricerca dell'Università di Cambridge

Pubblicato il 20/11/2014 da Prevenzione a tavola

Canada: l'acqua diventa gelatina per l'inquinamento


L'acqua dei laghi canadesi si sta trasformando in gelatina in maniera lenta, ma costante a causa dell'inquinamento industriale. È quanto emerge da uno studio dell'Università di Cambridge pubblicato sulla rivista scientifica Proceedings of the Royal Society B. La popolazione di holopedium, degli organismi ricoperti da un manto gelatinoso che dà loro maggiore protezione dai predatori acquatici, è raddoppiata in molti laghi canadesi. L'accentuato declino nei livelli di calcio nell'acqua ha privato i Daphnia - dei piccoli crostacei noti comunemente come pulci d'acqua - di elementi essenziali per lo sviluppo dell'esoscheletro che li difende dai predatori. Così mentre il numero degli organismi gelatinosi è raddoppiato, la popolazione di Daphnia sta diminuendo. Sotto: l'immagine di un lago canadese scattata dall'alto lake.si (1)

Canada: l'acqua diventa gelatina per l'inquinamento: potenziale impatto sull'approvvigionamento dell'acqua


Gli scienziati hanno lanciato l'allarme: la "gelatinizzazione" dei laghi canadesi bloccherà il flusso delle sostanze nutritive nella catena alimentare e potrebbe anche ostruire i sistemi di filtrazione dell'acqua potabile. Il dottor Andrew Tanentzap, coautore dello studio, ha spiegato che la crescente concetrazione di gelatina nelle acque di questi laghi il prelievo dell'acqua per l'uso dei residenti e delle industrie. Secondo il professore l'inquinamento dovuto all'industrializzazione nell'emisfero Nord del pianeta ha fatto sì che si depositassero ingenti quantità di acidi, che a loro volta hanno dislocato il calcio dal terreno che alimenta queste acque. Il tweet del chimico canadese Eric Cai: E a causare danni a questi laghi non è solo la perdita di calcio: gli scienziati dell'Università di Cambridge che hanno realizzato la ricerca, hanno affermato che il cambiamento climatico sta provocando l'esaurimento dell'ossigeno nei laghi: "Potrebbero volerci migliaia di anni per ritornare alle concentrazioni di calcio nell'acqua che c'erano una volta solamente con il deterioramento dei bacini circostanti. Pur avendo interrotto il fenomeno delle piogge acide e migliorato il ph di molti di questi laghi non possiamo affermare che ci sarà un completo recupero dal processo di acidificazione. Al contrario, abbiamo portato questi laghi ad un uno stato ecologico completamente nuovo", ha concluso Tanentzap. Foto sotto: un uomo tiene in mano degli holedium, gli organismi gelatinosi che stanno invadendo i laghi canadesi. Secondo gli scienziati questo potrà avere conseguenze a lungo termine sulla pesca e sull'approvvigionamento dell'acqua. holopedium.jpg.size.xxlarge.letterbox Forse potrebbe interessarti il video della NASA che mostra come l'anidride carbonica viaggia nell'atmosfera Fonte studio: Proceedings of the Royal Society B. Altre fonti: The Toronto Star; RT.com Seguici su Facebook se ti interessano le nostre notizie



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La curcuma è in grado di uccidere le cellule tumorali

I ricercatori hanno scoperto che unendola al platino riesce a uccidere le cellule malate

Psoriasi? Ci pensa la dieta mediterranea

Studio condotto su oltre 3500 persone colpite da malattia dà ottimi risultati

Come conservare l’olio extravergine di oliva

Esistono diverse accortezze, come tenere l'olio al riparo da luce, calore e ossigeno

Cosa pensa davvero l’ONU di parmigiano, olio d’oliva e prosciutto

Siamo tornati sull'argomento per fare chiarezza su quello che è avvenuto realmente

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

Corsi - Prevenzione a tavola

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'

Scoperto perché una mela al giorno leva il medico di torno

Il segreto è contenuto nei polifenoli che hanno un ruolo decisivo nel microbiota dell'intestino

Corsi - Prevenzione a tavola

La ricetta dell’Acquasale pugliese, piatto povero ma ricco

Acquasale, una tipica ricetta Salentina povera negli ingredienti ma ricca in principi nutritivi

I valori nutrizionali della farina di grano duro

La classificazione degli sfarinati e la superiorità nutrizionale della farina integrale e dei suoi derivati

Alla scoperta della Meloncella, frutto-verdura dalle mille virtù

La meloncella del Salento è ricchissima di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

Conoscete la cottura passiva?

La cottura passiva fa risparmiare e conserva tutti i nutrienti

Il tè verde mantiene il cuore in salute e contrasta l’infarto

Il merito potrebbe essere di una sostanza antiossidante contenuta nel tè verde

Il mango contrasta stitichezza e intestino pigro

Studio rivela che basta un mango uno al giorno

Tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno in un’unica ciotola

Impariamo a preparare la ciotola di Buddha per un pasto sano e completo