I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Rischio idrogeologico in Italia: ‘Dati da bollettino di guerra’

Ma nello Sblocca Italia si dà il via libera alla costruzione selvaggia

Pubblicato il 14/11/2014 da Prevenzione a tavola

Rischio idrogeologico in Italia: 'Dati da bollettino di guerra'

  In Italia fiumi e laghi continuano a esondare, le montagne franano e da queste precipitano grandi quantità d'acqua a causa della perduta capacità del terreno di assorbirla. Una conseguenza, secondo Gian Vito Graziano, presidente del Consiglio nazionale dei geologi, "di costruzioni senza regole, dell'abbandono delle campagne, di incendi e di incuria". È questa la fotografia del territorio italiano nel 2014, frutto, dice Graziano, "di politiche agrarie poco lungimiranti". Oltretutto nello Sblocca Italia "si è dato via libera agli speculatori di bucare e consumare territorio", come denuncia Gianni Girotto, portavoce del Movimento 5 Stelle. Già nel giugno del 2013 il M5S aveva proposto di escludere le spese per la prevenzione e la riduzione del rischio idrogeologico dal Patto di Stabilità. Sono 5.569 i comuni italiani a rischio di dissesto idrogeologico, ossia il 68,8% delle amministrazioni comunali. Più della metà si trovano al nord, un terzo nelle regioni meridionali e meno del 20% in quelle centrali. Sotto: la mappa che mostra i comuni italiani a maggiore rischio idrogeologico. comuni_italiani_rischio_idrogeologico

Rischio idrogeologico in Italia: 'Dati da bollettino di guerra'

  Sono circa 6.000 i comuni italiani in cui il rischio idrogeologico è elevato, una percentuale altissima se si pensa che i comuni italiani sono 8.057. Secondo gli esperti la regione più a rischio è la Toscana, che conta ben 280 Comuni in aree a rischio, ovvero il 98% del totale. Gian Vito Graziano ha dichiarato in merito: "Non è più possibile continuare a rincorrere le emergenze e a contare le vittime senza fare nulla per ridurre le probabilità che si verifichino altre frane e alluvioni. Non si può rispondere alle alluvioni con la sola richiesta di fondi per le somme urgenze. Puntiamo a sistemi di progettazione sostenibile, inserendo i progetti nel loro contesto, l’Italia deve necessariamente iniziare a pensare alla prevenzione, anteponendola agli interessi economici e abitativi che sino ad oggi hanno prevalso sulla messa in sicurezza del territorio" Più della metà delle amministrazioni comunali italiane non mette in pratica i programmi di prevenzione al fine di evitare i disastri e il 16% dei comuni è impreparato ad affrontarli in caso si verificassero. In totale sono 6.000.000 i cittadini che vivono in zone ad alto rischio idrogeologico. Il post di Gianni Girotto del M5S su Facebook
  Fonti: Greenstyle; Greenreport; Camera dei Deputati; Fondazione Ifel



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Il caffè può rallentare il Parkinson

I ricercatori hanno scoperto le potenzialità di due composti del caffè

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Corsi - Prevenzione a tavola

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina

La ricetta dello strudel di zucca

Oggi prepariamo un dolce buono e sano che non ci farà sentire in colpa, lo strudel di zucca

Corsi - Prevenzione a tavola

Ecco la frutta che ti salva da infarto e ictus

Le antocianine presenti in alcuni tipi di frutta rappresentano uno scudo per la salute del cuore

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali