I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Farmaci generici: tutto ciò che bisogna sapere

Li chiamano generici, ma in realtà sono equivalenti a quelli 'griffati' e permettono di risparmiare

Pubblicato il 11/11/2014 da Prevenzione a tavola

Farmaci generici: tutto ciò che bisogna sapere


Molti pazienti sono diffidenti verso i farmaci generici per via dell'appellativo che è stato loro affibbiato, quello di generici appunto. Così la pensa Silvio Garattini, direttore dell'Istituto Farmacologico Mario Negri di Milano, il quale ha definito un "errore" la scelta di chiamarli in questo modo, in quanto il nome farebbe pensare a qualcosa senza specificità e che vada bene per tutto. Inoltre, ha spiegato Garattini, le case farmaceutiche continuano a produrre i medicinali di marca come farmaci a brevetto scaduto, e abbassano i costi in modo da poter competere con i farmaci generici (in casi sporadici addirittura i prezzi si sovrappongono). Risparmiare con i farmaci generici permetterebbe di comprare a prezzi molto più bassi farmaci costosi e innovativi per la cura del cancro o dell'epatite, ad esempio.

Cosa sono i farmaci generici?


L'Agenzia italiana del Farmaco per rispondere "a un'esigenza sempre più sentita dai cittadini" ha pubblicato sul proprio sito un documento in cui è spiegato con chiarezza cosa sono i farmaci generici, o meglio i farmaci equivalenti, come in realtà dovrebbero essere chiamati per evitare incomprensioni da parte dei consumatori. La definizione di farmaco equivalente è "medicinale che ha la stessa composizione qualitativa e quantitativa di sostanze attive e la stessa forma farmaceutica del medicinale di riferimento nonché una bioequivalenza con il medicinale di riferimento dimostrata da studi appropriati di biodisponibilità". Perciò se dovete scegliere tra un farmaco di marca e il suo medicinale equivalente non indugiate a risparmiare e ad acquistare quello non griffato, perché non ci sarà alcuna ripercussione sulla vostra salute, in quanto, spiega l'AIFA: "I medicinali generici e quelli equivalenti sono la stessa cosa". Il termine "generico" è un calco dall'inglese "generic name", con cui nei paesi anglosassoni vengono chiamati i farmaci-copia dei medicinali di marca non più protetti da brevetto. Perciò un "medicinale equivalente (o generico) è, in parole molto semplici, una copia del suo medicinale di riferimento (medicinale “di marca” o “griffato”) presente sul mercato già da molti anni (in Italia normalmente 10 anni) e, cosa fondamentale, il cui brevetto sia scaduto", si legge sul sito dell'AIFA. Nell'immagine sotto potete leggere i requisiti che farmaco deve soddisfare per essere considerato equivalente alla sua controparte griffata: requisiti Seguici su Facebook se ti interessano le nostre notizie

Fonti: AIFA; Corriere della Sera PER APPROFONDIRE: Leggi il PDF dell'AIFA



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Cosa mangiare per combattere il freddo

Arriva la “dieta universale” per prevenire le malattie e salvare il pianeta

Quanti grammi di fibre e cereali integrali servono contro cancro, diabete e infarto?

Il sale rosa dell’Himalaya fa bene?

Sento spesso farmi questa domanda: ”Il sale rosa fa bene? E’ meglio di quello bianco?”

Come stufare carciofi e cicoria

uUn accostamento semplice che unisce due sapori particolari che insieme si armonizzano

Corsi - Prevenzione a tavola

Il dolcificante fa davvero perdere peso?

10 ottime ragioni per portare in tavola il radicchio rosso

Moltissimi benefici per la nostra salute

La carne rossa collegata al rischio infarti e ictus

Troppa carne rossa mette in circolo una sostanza legata al rischio cuore

Corsi - Prevenzione a tavola

Non causa solo ipertensione: nuova ricerca svela i rischi del sale

Ecco cosa si rischia con una dieta ad alto contenuto di sale

Il caffè può rallentare il Parkinson

I ricercatori hanno scoperto le potenzialità di due composti del caffè

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale