I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Rifiuti tossici scoperti in un campo di pomodori DOP

Il ritrovamento dopo la confessione a un prete di Ercolano

Pubblicato il 10/11/2014 da Prevenzione a tavola
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

Rifiuti tossici scoperti in un campo di pomodori DOP


Gli uomini del Corpo Forestale dello Stato hanno scoperto dei rifiuti tossici nel Parco Nazionale del Vesuvio. Le scorie erano state seppellite ad un metro di profondità, in un terreno agricolo su cui si coltivavano i pomodorini DOP. La Forestale è intervenuta solo dopo la denuncia di un prete di Ercolano, Marco Ricci, che era venuta a conoscenza dei fatti grazie alla confessione di un contadino della frazione di San Vito. L'uomo ha detto a don Ricci che sapeva dove erano stati sepolti numerosi fusti, in un campo coltivato vicino alla discarica. Proprio in questa zona si producono i pomodorini DOP "del piennolo", un ottimo vino rosso corposo e diversi tipi di frutta come albicocche, nocciole, limoni, pesche. 1

Rifiuti tossici scoperti in un campo di pomodori DOP


L'anziano contadino aveva raccontato al prete di Ercolano, riporta il Corriere del Mezzogiorno, di aver visto i camion "una notte di tanti anni fa, mentre arrancavano in salita con il loro carico di fusti lungo via della Barcaiola" e poi i fusti erano stati sepolti in un campo coltivato a pomodori (DOP). L'uomo, intimorito, è rimasto in silenzio per anni, fino a quando, pochi mesi fa, si è recato da don Ricci e ha rivelato la presenza di rifiuti tossici sotto i campi coltivati a pomodori. Il prete ha spiegato che "non era un malvivente, ma solo un uomo anziano che ha aperto il suo cuore e ha raccontato la verità", aggiungendo che "per fortuna adesso c’è chi si fa avanti per denunciare. In canonica qualche settimana fa mi hanno lasciato una piantina del territorio con l’indicazione “scavate qua”.". Così gli agenti della Guardia Forestale hanno iniziato a perlustrare la zona, dove stavano già effettuando ricerche da mesi ed erano stati già rinvenuti cinquanta fusti arrugginiti, amianto, pneumatici, bidoni e veleni. Alla fine, si legge sul Corriere, i forestali hanno setacciato un campo di pomodorini e lì hanno trovato dei fusti da cui "colava un liquido bituminoso, nerastro e puzzolente di catrame". Roberto Frusso del Corriere del Mezzogiorno racconta che "i guanti di Teresa a contatto con la fanghiglia nera si sono corrosi quasi subito e nel giro di un’ora ha dovuto cambiarli tre volte. Nonostante le mascherine antinquinamento la puzza è divenuta insopportabile e gli occhi dei presenti hanno cominciano a bruciare" Uno studio ha rilevato che nella frazione di San Vito, dove vive l'anziano contadino, due famiglie su tre annoverano un malato di cancro. Seguici su Facebook se ti interessano le nostre notizie

Fonte: Corriere del Mezzogiorno



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Il caffè può rallentare il Parkinson

I ricercatori hanno scoperto le potenzialità di due composti del caffè

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Corsi - Prevenzione a tavola

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina

La ricetta dello strudel di zucca

Oggi prepariamo un dolce buono e sano che non ci farà sentire in colpa, lo strudel di zucca

Corsi - Prevenzione a tavola

Ecco la frutta che ti salva da infarto e ictus

Le antocianine presenti in alcuni tipi di frutta rappresentano uno scudo per la salute del cuore

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali