I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Rifiuti tossici scoperti in un campo di pomodori DOP

Il ritrovamento dopo la confessione a un prete di Ercolano

Pubblicato il 10/11/2014 da Prevenzione a tavola
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

Rifiuti tossici scoperti in un campo di pomodori DOP


Gli uomini del Corpo Forestale dello Stato hanno scoperto dei rifiuti tossici nel Parco Nazionale del Vesuvio. Le scorie erano state seppellite ad un metro di profondità, in un terreno agricolo su cui si coltivavano i pomodorini DOP. La Forestale è intervenuta solo dopo la denuncia di un prete di Ercolano, Marco Ricci, che era venuta a conoscenza dei fatti grazie alla confessione di un contadino della frazione di San Vito. L'uomo ha detto a don Ricci che sapeva dove erano stati sepolti numerosi fusti, in un campo coltivato vicino alla discarica. Proprio in questa zona si producono i pomodorini DOP "del piennolo", un ottimo vino rosso corposo e diversi tipi di frutta come albicocche, nocciole, limoni, pesche. 1

Rifiuti tossici scoperti in un campo di pomodori DOP


L'anziano contadino aveva raccontato al prete di Ercolano, riporta il Corriere del Mezzogiorno, di aver visto i camion "una notte di tanti anni fa, mentre arrancavano in salita con il loro carico di fusti lungo via della Barcaiola" e poi i fusti erano stati sepolti in un campo coltivato a pomodori (DOP). L'uomo, intimorito, è rimasto in silenzio per anni, fino a quando, pochi mesi fa, si è recato da don Ricci e ha rivelato la presenza di rifiuti tossici sotto i campi coltivati a pomodori. Il prete ha spiegato che "non era un malvivente, ma solo un uomo anziano che ha aperto il suo cuore e ha raccontato la verità", aggiungendo che "per fortuna adesso c’è chi si fa avanti per denunciare. In canonica qualche settimana fa mi hanno lasciato una piantina del territorio con l’indicazione “scavate qua”.". Così gli agenti della Guardia Forestale hanno iniziato a perlustrare la zona, dove stavano già effettuando ricerche da mesi ed erano stati già rinvenuti cinquanta fusti arrugginiti, amianto, pneumatici, bidoni e veleni. Alla fine, si legge sul Corriere, i forestali hanno setacciato un campo di pomodorini e lì hanno trovato dei fusti da cui "colava un liquido bituminoso, nerastro e puzzolente di catrame". Roberto Frusso del Corriere del Mezzogiorno racconta che "i guanti di Teresa a contatto con la fanghiglia nera si sono corrosi quasi subito e nel giro di un’ora ha dovuto cambiarli tre volte. Nonostante le mascherine antinquinamento la puzza è divenuta insopportabile e gli occhi dei presenti hanno cominciano a bruciare" Uno studio ha rilevato che nella frazione di San Vito, dove vive l'anziano contadino, due famiglie su tre annoverano un malato di cancro. Seguici su Facebook se ti interessano le nostre notizie

Fonte: Corriere del Mezzogiorno



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Zuppa di lenticchie con castagne

Ricetta sana e gustosa, perfetta per l'autunno

Come scegliere una buona zucca? Ecco le differenze tra le diverse qualità

Mantovana, Delica, Napoletana, Violina: perché fanno bene e come cucinarle

6 ottimi motivi per mangiare finocchi

I finocchi rappresentano un ottimo alimento per il nostro organismo

Anemia da carenza di ferro? Ecco cosa mangiare

Quali sono i cibi che ne contengono di più?

Alla scoperta del topinambur, l’ortaggio che vi cambierà la vita

Il topinambur combina proprietà diuretiche con doti benefiche per abbassare la glicemia

Corsi - Prevenzione a tavola

Ecco gli alimenti per sorridere all’autunno

Cambio di stagione, gli alimenti alleati del buonumore

Ecco perché vale la pena mangiare i cachi

Racchiudono straordinarie proprietà per il nostro organismo

Dal cacao un aiuto per ossa fragili e malattie respiratorie

Il cacao e gli alimenti che lo contengono hanno quantità significative di vitamina D2

Corsi - Prevenzione a tavola

Raffreddore e influenza in arrivo: anticipiamo il TG col cibo giusto

Ecco i cibi che possono aiutarci a prevenire i mali di stagione

Perché la cicoria è così buona per la salute

La cicoria si può trovarla da settembre fino a febbraio: ecco una ricetta sana e gustosa

Ecco perché mangiare i fichi d’India

Un toccasana per il nostro organismo. Un trucco per sbucciarli e una ricetta gustosa

La zucca è ottima per la nostra salute: due ricette da leccarsi i baffi

La zucca, la regina dell'autunno, è ricca di proprietà benefiche per il nostro organismo

Tutti i cibi che fanno bene alla pelle

La mantengono sana, idratata e la fanno invecchiare meno

L’olio extravergine d’oliva protegge da infarti e ictus

Il merito è di una proteina salva-cuore

Nel tuorlo d’uovo in segreto per non perdere i capelli

Secondo uno studio giapponese si nasconde un possibile composto contro l'alopecia