I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

L’innalzamento del livello dei mari minaccia Roma e Venezia

Tutta la pianura padana e varie città costiere del nostro Paese rischiano di scomparire

Pubblicato il 07/11/2014 da Prevenzione a tavola
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

L'innalzamento del livello dei mari minaccia Roma e Venezia


(Video - 'Resta poco tempo': l'ultimo avviso dell'ONU sul cambiamento climatico)L'innalzamento del livello dei mari potrebbe far sparire città con una storia millenaria come Venezia, Roma e Londra e capitali europee come Amsterdam e Copenhagen. Questo è lo scenario sconcertante prefigurato da National Geographic, che ha anche realizzato una mappa che mostra come sarebbe la Terra se tutto il ghiaccio presente ora nel pianeta si sciogliesse e la temperatura media fosse di 26°C. Secondo l'americano Geological Survey in un globo senza ghiacci il livello del mare sarebbe più alto di 65 metri rispetto a ora. Ci vorrebbero migliaia di anni perché succeda, ma continuando ad utilizzare i combustibili fossili si arriverà anche a questo.

L'innalzamento del livello dei mari minaccia Roma e Venezia


Uno studio internazionale del 2011 finanziato dal National Science Foundation ha dimostrato la presenza di uno strettissimo legame tra l'aumento della temperatura e l'innalzamento del livello dei mari, che non è mai stato alto come ora negli ultimi due millenni e che potrebbe avere un impatto devastante su varie zone costiere in tutto il mondo. Secondo le stime attuali il livello del mare aumenterà da 79 centimetri a 1,90 metri tra il 1990 e il 2100. Solo pochi giorni fa l'IPCC, il Gruppo intergovernativo di esperti sul cambiamento climatico, ha mandato l'ultimo avviso: "Resta poco tempo", bisogna invertire la rotta per mantenere l'aumento della temperatura entro i 2°C. E l'unico modo per farlo è che l'utilizzo di combustibili fossili venga ridimensionato nei prossimi anni e che questi vengano abbandonati del tutto entro il 2100. Un rapporto talmente allarmente che il segretario generale dell'ONU Ban Ki-Moon ha richiamato i governi mondiali ad agire subito per ridurre le emissioni di CO2. Le emissioni mondiali di gas serra, ha spiegato l'IPCC, devono essere ridotte dal 40 al 70% tra il 2010 e il 2050 e sparire completamente entro il 2100. Il cambiamento climatico non solo potrebbe far sparire Venezia, Londra e Miami, ma secondo l'ONU potrebbe anche rappresentare una minaccia diretta all'uomo infliggendo danni "gravi, diffusi e irreversibili" sia su noi che sull'ambiente. Il rischio è che in futuro ci saranno ondate di caldo, fenomeni atmosferici estremi, e scoppieranno conflitti e carestie.GUARDA LA MAPPA DEL NATIONAL GEOGRAPHICSeguici su Facebook se ti interessano le nostre notizie

Fonti: National Geographic; La Fucina; Centrometeoitaliano.it



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





NOTIZIE + RECENTI

Ecco cosa succede a mangiare un uovo al giorno

Nuovo studio riabilita l'alimento: riduce il rischio cardiovascolare

Ecco i cibi che causano 500mila morti l’anno per malattie di cuore

Da Oms guerra a grassi trans, eliminarli dalla dieta

Frutta verdure e pesce tengono le rughe lontane

A evidenziarlo è uno studio dell'Erasmus Medical Centre di Rotterdam

Olio extravergine d’oliva: meglio DOP o IGP?

Il legame col territorio è dunque più forte nel DOP piuttosto che nell’IGP

Perché scegliere una birra artigianale?

Tra le altre cose ha un maggiore contenuto in vitamine e minerali rispetto ad una birra filtrata

Corsi - Prevenzione a tavola

Ecco cosa succede al cervello se mangiamo cioccolato fondente

Il cioccolato fondente è anti-infiammatorio e antistress

Il miglio previene diabete e cancro

È un cereale ricco di ferro, fosforo, magnesio, vitamine del gruppo B e soprattutto di acido folico

La carne dei fast food è da demonizzare?

Basta evitare patatine fritte, salse e bevande zuccherate e tenere a mente le raccomandazioni anti-cancro

Corsi - Prevenzione a tavola

Gli effetti di verdure, yogurt, tè e cioccolato sul fegato

Studio su cirrosi epatica, più diversità batteri intestino

La frutta secca fa battere il cuore a un ritmo regolare

Il consumo riduce il rischio di fibrillazione atriale

Perché scegliere i grani antichi?

Coltivare i grani antichi significa salvaguardare queste specie vegetali ed impedire che si estinguano

I ravanelli fanno benissimo al nostro organismo

Ha importanti facoltà antiossidanti e depurative, un ottimo aiuto per il fegato e la cistifellea

Cosa succede se si beve una birra in gravidanza?

Anche le bevande con gradazione alcolica medio-bassa sono pericolose in gravidanza

Ecco come scegliere il miglior olio extravergine d’oliva

Il miglior olio evo? Fruttato, amaro e piccante

Latte di mandorla: ottimo alleato per le ossa

Tra le bevande vegetali, è quello che contiene un maggior quantitativo di calcio, magnesio e fosforo