I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Troppo sodio fa male: ecco come sostituirlo

Si può ridurre il consumo di sale impiegando spezie e aromi in cucina

Pubblicato il 05/11/2014 da Prevenzione a tavola
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

Troppo sodio fa male: ecco come sostituirlo


Il sale è stato definito un "alimento killer", in grado di provocare più di 1 milione e 650 mila morti di morti ogni anno. E il responsabile di questo massacro è un elemento che si trova nel sale e che tutti conosciamo: il sodio, il cui consumo medio è doppio rispetto alla dose massima raccomandata dall'Organizzazione Mondiale della Sanità. L'OMS consiglia di non assumere più di 2 grammi di sodio al giorno, corrispondenti a circa 5 grammi di sale da cucina, mentre il consumo medio è di 3,95 grammi, quasi il doppio per l'appunto. Lo studio, pubblicato sul New England Journal of Medicine, ha rilevato che nell'anno 2010 1,65 milioni di decessi dovuti a malattie cardiovascolari sono stati attribuiti ad un consumo giornaliero di sodio superiore ai 2 grammi raccomandati.

Troppo sodio fa male: ecco come sostituirlo


Ma non vogliamo essere distruttivi, perciò vi proponiamo anche dei modi per rimpiazzare questo alimento, che in cucina è fondamentale. A dir la verità 5 grammi al giorno sono sufficienti a condire le pietanze che prepariamo, ma è anche vero che durante la giornata molti consumano ogni tipo di snack, merendine e cibi confezionati che contengono quantità di sodio tali da soddisfare il fabbisogno giornaliero. Ad ogni modo, se si utilizzano spezie e aromi in cucina viene impiegato anche meno sale, e uno studio americano dimostra che chi impara come impiegare questi ingredienti, è portato ad usarli regolarmente, ridimensionando l'utilizzo del sale (e quindi il consumo di sodio). Le spezie sono un'ottima fonte di antiossidanti, sostanze che rallentano l'invecchiamento e potenti antinfiammatori: non bisogna dimenticare che le infiammazioni sono una delle cause principali di varie malattie croniche. Oltre a questo, le spezie ci consentono di diminuire il consumo di sostanze ipercaloriche come l'olio, la maionese e ogni sorta di salsa. Le spezie consigliate sono in primis la curcuma, che è risultata utile anche per prevenire il diabete di tipo 2 e l'Alzheimer. Poi abbiamo il peperoncino, un antinfiammatorio che aiuta a migliorare il funzionamento del sistema cardiocircolatorio e mantiene regolari i livelli di zucchero e colesterolo nel sangue. Un'altra spezia da utilizzare è la cannella, che ha proprietà anticancro, oltre a curare mal di gola e raffreddore. Poi c'è lo zenzero, che ha un effetto digestivo e contrasta la ritenzione idrica depurativo. E infine il curry, un mix di spezie, alla cui base sta la curcuma e che spesso contiene anche zenzero, cumino, cardamomo, chiodi di garofano e zafferano. Questo mix di spezie possiede tutte le proprietà della curcuma amplificate.

Seguici su Facebook se ti interessano le nostre notizie



Fonti: The New England Journal of Medicine; Il Giornale



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





NOTIZIE + RECENTI

Ecco cosa succede a mangiare un uovo al giorno

Nuovo studio riabilita l'alimento: riduce il rischio cardiovascolare

Ecco i cibi che causano 500mila morti l’anno per malattie di cuore

Da Oms guerra a grassi trans, eliminarli dalla dieta

Frutta verdure e pesce tengono le rughe lontane

A evidenziarlo è uno studio dell'Erasmus Medical Centre di Rotterdam

Olio extravergine d’oliva: meglio DOP o IGP?

Il legame col territorio è dunque più forte nel DOP piuttosto che nell’IGP

Perché scegliere una birra artigianale?

Tra le altre cose ha un maggiore contenuto in vitamine e minerali rispetto ad una birra filtrata

Corsi - Prevenzione a tavola

Ecco cosa succede al cervello se mangiamo cioccolato fondente

Il cioccolato fondente è anti-infiammatorio e antistress

Il miglio previene diabete e cancro

È un cereale ricco di ferro, fosforo, magnesio, vitamine del gruppo B e soprattutto di acido folico

La carne dei fast food è da demonizzare?

Basta evitare patatine fritte, salse e bevande zuccherate e tenere a mente le raccomandazioni anti-cancro

Corsi - Prevenzione a tavola

Gli effetti di verdure, yogurt, tè e cioccolato sul fegato

Studio su cirrosi epatica, più diversità batteri intestino

La frutta secca fa battere il cuore a un ritmo regolare

Il consumo riduce il rischio di fibrillazione atriale

Perché scegliere i grani antichi?

Coltivare i grani antichi significa salvaguardare queste specie vegetali ed impedire che si estinguano

I ravanelli fanno benissimo al nostro organismo

Ha importanti facoltà antiossidanti e depurative, un ottimo aiuto per il fegato e la cistifellea

Cosa succede se si beve una birra in gravidanza?

Anche le bevande con gradazione alcolica medio-bassa sono pericolose in gravidanza

Ecco come scegliere il miglior olio extravergine d’oliva

Il miglior olio evo? Fruttato, amaro e piccante

Latte di mandorla: ottimo alleato per le ossa

Tra le bevande vegetali, è quello che contiene un maggior quantitativo di calcio, magnesio e fosforo