I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

La campagna sull’ebola via sms in Senegal

Come il paese africano ha estirpato la malattia

Pubblicato il 04/11/2014 da Prevenzione a tavola

La campagna sull'ebola via sms in Senegal


Lo scorso 17 ottobre l'Organizzazione mondiale della sanità ha annunciato che il Senegal è "ebola-free", dopo circa un mese e mezzo da quando era scoppiato il primo caso: si trattava di un giovane che era stato a contatto con un paziente in Guinea e poi si era messo in viaggio verso Dakar, la capitale del Senegal. La risposta del governo senegalese, grazie anche all'aiuto dell'OMS, è stata immediata ed efficace, e la diffusione del virus è stata bloccata sul nascere. Merito anche di una campagna di sensibilizzazione via sms mirata a far crescere la consapevolezza dell'ebola tra la popolazione: il ministero della Salute senegalese ha inviato 4 milioni di messaggi di testo, nei quali i cittadini venivano informati del pericolo della malattia e su come prevenirla.

La campagna sull'ebola via sms in Senegal


Attraverso la campagna di sensibilizzazione, lanciata con la collaborazione dei principali operatori telefonici del paese, la gente è stata incoraggiata ad avvertire le autorità sanitarie in caso dovessero imbattersi in qualcuno che manifestava sintomi di ebola come la febbre o il sanguinamento chiamando un numero verde. Il messaggio, inoltre, è stato diffuso anche nel corso di eventi come partite di calcio o raduni. Il dottor Mbayange Ndiaye Niang, che ha coordinato il progetto del ministero della Salute ha dichiarato in merito: "Questa campagna via sms è stata parte di un più ampio progetto focalizzato sulla consapevolezza, la prevenzione e la cura dei malati di ebola. Tra gli altri tentativi di creare consapevolezza figurano gli annunci radio, volantini e la diffusione su internet di messaggi come 'Lavare le mani regolarmente con acqua e sapone', 'Evitare ogni tipo di contatto con persone malate o che sono morte di ebola', 'Non toccare o mangiare la carne di animali malati o morti (scimmie, ratti, facoceri, porcospini e maiali)', ha detto il dottor Niang. Fonte: OMS



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Maltagliati di farro con borlotti e castagne

Una ricetta autunnale, sana e golosa

Zuppa di lenticchie con castagne

Ricetta sana e gustosa, perfetta per l'autunno

Come scegliere una buona zucca? Ecco le differenze tra le diverse qualità

Mantovana, Delica, Napoletana, Violina: perché fanno bene e come cucinarle

6 ottimi motivi per mangiare finocchi

I finocchi rappresentano un ottimo alimento per il nostro organismo

Anemia da carenza di ferro? Ecco cosa mangiare

Quali sono i cibi che ne contengono di più?

Corsi - Prevenzione a tavola

Alla scoperta del topinambur, l’ortaggio che vi cambierà la vita

Il topinambur combina proprietà diuretiche con doti benefiche per abbassare la glicemia

Ecco gli alimenti per sorridere all’autunno

Cambio di stagione, gli alimenti alleati del buonumore

Ecco perché vale la pena mangiare i cachi

Racchiudono straordinarie proprietà per il nostro organismo

Corsi - Prevenzione a tavola

Dal cacao un aiuto per ossa fragili e malattie respiratorie

Il cacao e gli alimenti che lo contengono hanno quantità significative di vitamina D2

Raffreddore e influenza in arrivo: anticipiamo il TG col cibo giusto

Ecco i cibi che possono aiutarci a prevenire i mali di stagione

Perché la cicoria è così buona per la salute

La cicoria si può trovarla da settembre fino a febbraio: ecco una ricetta sana e gustosa

Ecco perché mangiare i fichi d’India

Un toccasana per il nostro organismo. Un trucco per sbucciarli e una ricetta gustosa

La zucca è ottima per la nostra salute: due ricette da leccarsi i baffi

La zucca, la regina dell'autunno, è ricca di proprietà benefiche per il nostro organismo

Tutti i cibi che fanno bene alla pelle

La mantengono sana, idratata e la fanno invecchiare meno

L’olio extravergine d’oliva protegge da infarti e ictus

Il merito è di una proteina salva-cuore